Il progetto OAPEN: una biblioteca open access on line

 

Le biblioteche open access on line si stanno moltiplicando. Dopo OpenstarTs realizzato dall’Università di Trieste (vedi Riviste e libri open access dall’Università di Trieste), SHARE, una piattaforma realizzata dalla collaborazione tra le le Università di Napoli Federico II, Napoli L’Orientale, Napoli Parthenope, Salerno, Sannio e Basilicata, (vedi SHARE una piattaforma di libri e riviste), CAPTI, acronimo di Contemporary Art Archives Periodicals Texts Illustrations, dedicato all’arte (vedi CAPTI: Contemporary Art Archives Periodicals Texts Illustrations), ora è la volta di OAPEN (Online library and publication platform).

Come si legge nella presentazione del progetto, OAPEN

“promuove e sostiene la transizione verso l’accesso aperto ai libri accademici, fornendo servizi di infrastruttura aperta alle parti interessate alla comunicazione accademica. Collaboriamo con gli editori per costruire una collezione di libri ad accesso aperto di qualità controllata e forniamo servizi a editori, biblioteche e finanziatori della ricerca nelle aree dell’hosting, del deposito, della garanzia di qualità, della diffusione e della conservazione digitale”.

Biblioteca digitale aperta a tutte le discipline, dunque, ma qui mi limito a segnalare i volumi e i capitoli (OAPEN pubblica anche singoli contributi) i libri di storia. Sono più di 1000 i libri digitalizzati in varie lingue e un centinaio quelli in italiano.

In particolare si segnala la collaborazione con la Firenze University Press (FUP):

La Biblioteca Digitale OAPEN con libri della Firenze University Press
La Biblioteca Digitale OAPEN

OAPEN e Firenze University Press (FUP) hanno una lunga storia alle spalle: FUP è stata una delle case editrici fondatrici del progetto OAPEN, avviato nel 2008. [La Biblioteca Digitale] OAPEN – cofinanziata dall’UE – ha portato al lancio della Biblioteca OAPEN nel 2010, contenente molti libri di FUP.

Attualmente, siamo entusiasti di aggiornare la nostra collaborazione con la FUP, che ha portato a un’impressionante aggiunta alla nostra collezione. Abbiamo aggiunto il catalogo completo della FUP alla Biblioteca OAPEN, che ora comprende quasi 2.000 libri e capitoli ad accesso libero.

Questa ricca collezione è incentrata principalmente su studi letterari, linguistici, storici e sociologici. Non contiene solo molti libri e capitoli in italiano, ma anche in inglese, francese, spagnolo e persino in giapponese e Bashkir”.

Non ci resta che andare a curiosare: OAPEN e Firenze University Press

Le pubblicazioni storiche della Banca d’Italia

Mi sono accorto di non aver ancora recensito un libro di storia economica, fatto piuttosto strano visto che l’argomento rientra tra i miei interessi. Cercherò di rimediare al più presto. Intanto, il sito della Banca d’Italia è ricchissimo di pubblicazioni e materiale utilissimi agli storici. Le pubblicazioni di carattere storico si suddividono in tre ambiti:

  1. Quaderni di storia economica
  2. Collana storica della Banca d’Italia
  3. Altre pubblicazioni storiche

Scopo dei Quaderni di storia economica è di “promuovere la circolazione, in versione provvisoria, di studi storici sui temi della crescita, della finanza, della moneta, delle istituzioni, prodotti da economisti interni o esterni alla Banca d’Italia, al fine di suscitare commenti e suggerimenti”. On line sono consultabili e scaricabili i volumi per gli anni dal 2001 al 2021 e per alcune annate le pubblicazioni sono molteplici. Mi limito ad indicare alcuni titoli disponibili: “L’economia italiana vista dall’estero lungo 150 anni“; “Il benessere degli italiani: un approccio comparato“; “L’Italia e la prima globalizzazione, 1861-1940“; “Innovazione e tecnologia straniera in Italia“; “Il commercio degli schiavi in Africa: quali gli effetti di lungo periodo“.

La Collana storica della Banca d’Italia, che intende “mettere a disposizione degli studiosi documenti, statistiche e contributi di analisi, strumenti atti a stimolare e favorire ricerche e studi”, è la più conosciuta: è stata pubblicata in un primo tempo da Laterza e poi da Marsilio. Sul sito si possono consultare e scaricare le opere pubblicate dal 1989 al 2017. Vi si trovano molte delle firme più prestigiose della storiografia italiana: Castronovo, De Cecco, Toniolo, Vera Zamagni e molti altri.

La serie “Altre pubblicazioni storiche“, al momento propone una sola pubblicazione. La Banca d’Italia ci regala moltissimo materiale di grande utilità e interesse. Buona consultazione: Le pubblicazioni storiche della Banca d’Italia.

lo storico della domenica
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: