Recensione. Vinzia Fiorino: Matti, indemoniati e vagabondi.

Matti, indemoniati e vagabondi di Vinzia Fiorino è uno dei libri che, circa un ventennio fa, hanno riacceso l’interesse degli storici per la storia della psichiatria e dei manicomi. Il suo lavoro è incentrato sul manicomio romano di Santa Maria della Pietà per il periodo 1850-1915. Fiorino ci regala un libro scrupoloso e notevole, sia per la messa a punto realizzata sul caso romano, sia per i percorsi di ricerca che ha aperto.

Il “gioco di squadra” nel controllo della follia

La storia locale (in questo caso Roma) o “particolare” (di un ente qualsiasi, in questo caso di un manicomio) è importante solo nella misura in cui si collega alla storia generale. Solo l’utilizzo di questa prospettiva permette di far emergere le specificità locali. L’A. ne è perfettamente consapevole e giustamente a collega situazioni e condizioni che interessano e riguardano il Paese, con eventi e dinamiche che riguardano il contesto romano o locale (vedi le pp. 77-78, molto acute, in cui espone il metodo di ricerca seguito). Non solo; molto spesso il quadro si amplia al contesto europeo. Questo vale, ad esempio, per l’isteria, una patologia sulla quale “il dibattito italiano non [offre] contributi particolarmente originali” (p. 156) mentre molto seguiti sono i lavori di Charcot. È un dato che non deve sorprendere: dai suoi esordi fino agli anni attorno all’unificazione, lo sviluppo della psichiatria italiana è strettamente condizionato da quella francese, ben più strutturata e organizzata, per poi lasciare il posto all’influenza di quella tedesca. Fiorino segue questo percorso segnalando gli snodi teorici e opportunamente li collega al susseguirsi dei direttori del Santa Maria della Pietà, ognuno con le proprie convinzioni e i propri approcci che potevano divergere da quelli del direttore precedente o successivo (pp. 132-33).

Ma sebbene il manicomio romano sia stato diretto da personalità di rilievo – come Girolami e Bonfigli, ad esempio – le sue particolarità risiedono nella lunghissima storia della città eterna e nel contesto economico e sociale della regione.

Ciò che distingue il Santa Maria della Pietà dagli altri manicomi è il fatto che può appoggiarsi e contare sulla collaborazione di molte altre “istituzioni totali” (carceri, conventi, educandati, depositi di mendicità e altri istituti di pubblica beneficenza) e ospedali generali. L’A. individua e ci accompagna in questi percorsi sotterranei, “invisibili”, ma importanti e spesso decisivi nella gestione della follia e della marginalità: non a caso funzionano in entrambi i sensi – dagli istituti verso il manicomio ma anche, sebbene in misura minore, in senso inverso. Si tratta di un fenomeno che solo a Roma può manifestarsi con l’ampiezza documentata dall’A. perché deriva proprio dal fittissimo reticolo di enti assistenziali che la Città eterna ha maturato nel corso dei secoli e che determina la conformazione di una “gerarchia” tra gli enti assistenziali al cui interno “il manicomio occupa senza dubbio il posto più basso” (p. 123). Così, per citare un altro esempio, l’attività dei medici delle carceri chiamati ad identificare condannati folli veri o presunti, non solo mostra un allineamento di medici generici alienistica del tempo (pp. 56-59), ma si qualifica come esempio tipico. In centri minori come Imola e Bologna o Pesaro non è presente (a Imola i medici delle carceri erano gli stessi dell’ospedale e del manicomio).

Manicomio, carceri ed enti di beneficenza sono soltanto una parte dei soggetti che si occupano della “gestione della follia”. Essi sono affiancati dai parroci (sostituiti dai sindaci dopo l’unità), dalle forze di polizia e dai medici condotti. Nessuno conosceva le condizioni famigliari, lavorative, i vizi, i bisogni e i segreti delle classi popolari come i parroci. Vivevano tra i loro parrocchiani e li confessavano. Era del tutto naturale, quindi, che i parroci fossero i primi intermediari tra i ceti più umili e le élites, anche per quanto riguardava i casi di follia: li segnalavano alle autorità, redigevano i certificati di povertà che servivano all’esonero della retta; si finiva in manicomio per essersi dimostrati di “pubblico scandalo” (da interpretarsi, come giustamente sottolinea l’A., in termini molto ampi) e perciò particolarmente occhiuta era l’attenzione dei parroci rivolta alle donne: non mancano casi di ricoveri “preventivi”, basati sulla supposizione che potesse accadere loro qualcosa.

Ma si finiva in manicomio anche quando un soggetto si dimostrava “pericoloso a sé o agli altri”; perciò ecco entrare in scena la forza pubblica, particolarmente solerte nelle procedure d’urgenza (pp. 49-50); ma soprattutto Fiorino evidenzia che con il passare del tempo il concetto di pericolosità si amplia, riguardando man mano un un ventaglio sempre più ampio di soggetti (pp. 139-40). Dopo l’unificazione, a fianco delle forze dell’ordine operano i sindaci, i quali dimostrano modi alquanto spicci nelle richieste di internamento, atteggiamento che dice molto anche sul passaggio dalla alienistica successiva alla Rivoluzione francese basata sulla “cura morale” della follia al positivismo; evoluzione che l’A. segue attentamente e documenta con puntualità (segnalando, tra l’altro, la scarsa incidenza delle teorie di Lombroso nel manicomio romano).

Manicomio di Santa Maria della Pietà, particolare

Naturalmente i protagonisti di questa storia sono i medici. In pagine riassuntive ma puntuali Fiorino ripercorre il lungo, difficile e tortuoso tragitto della professione medica e, all’interno di essa, quello della psichiatria. Occorse molto tempo prima che i medici riuscissero a sbarazzarsi della concorrenza di ciarlatani e medici non qualificati (su questo si veda anche Giorgio Cosmacini, Recensione. Giorgio Cosmacini: Ciarlataneria e medicina) e altrettanto complicata fu l’affermazione della psichiatria come specializzazione medica. Dopo l’unità, sindaci e soprattutto medici condotti sostituiscono l’operato che era stato dei parroci. Sono questi ultimi a redigere le informazioni per i medici del manicomio, a sollecitare ricoveri e farsi intermediari tra il manicomio e le famiglie dei ricoverati. Sono loro a sostenere, alimentare e diffondere il progetto alienista e ad impennare i ricoveri (p. 60).

Dunque siamo di fronte ad una “gestione polifonica” della follia; un “gioco di squadra” per gestirla e rinchiuderla. Quest’azione concertata tra molteplici soggetti potrebbe far pensare ad una rete che si stringe attorno a “folli” e marginali e che questi avessero poche o nessuna possibilità di sfuggirle. In realtà le cose non stanno così. Molto opportunamente Fiorino chiarisce che “per tutto il periodo considerato il flusso di internamenti presenta un notevolissimo turnover” (p. 94): poveri, alcolisti, isteriche e il variegato mondo dei marginali entra con facilità in manicomio, ma altrettanto spesso ne esce o vi resta per periodi relativamente brevi per poi tornarvi più volte. Medici e psichiatri devono fare i conti con una profonda, radicata avversione al manicomio, più tenace di quella che riguarda gli ospedali civili. Pur con molte eccezioni, sono soprattutto le famiglie ad opporre resistenza all’internamento o a chiederne insistentemente le dimissioni (pp. 97 ssgg). Il ricovero o la richiesta di dimissione sono spesso congiunte o derivano direttamente dagli altalenanti andamenti dell’economia famigliare. Accanto a fenomeni di povertà “strutturale” (cioè di famiglie e soggetti che non sono in grado di risollevarsi) destinati spesso a concludersi con lungodegenze, l’A. illustra molti casi di povertà “congiunturale”, di famiglie che necessitano dell’aiuto di enti per periodi più o meno brevi: in quei frangenti possono avere la necessità di sbarazzarsi momentaneamente di un congiunto, oppure di farlo rientrare in famiglia perché utile dal punto di vista economico.

Storia locale, “Grande storia”

Il sovraffollamento del manicomio romano fu dovuto soprattutto all’inurbamento di contadini provocato dalla crisi economica che colpì le campagne a partire dagli anni ’70/’80 dell’Ottocento e che cercavano una qualche soluzione nella capitale romana (e questo spiega la maggior presenza in manicomio di uomini rispetto alle donne, p. 89). Sono contadini che in città diventano muratori, facchini, vetturini, operai generici; donne di servizio o delle pulizie, sarte ecc. Fiorino parla giustamente di “proletariato senza industria” (p. 87) che, una volta sradicato dal contesto di provenienza, fatica o non riesce a formarsi una rete sociale dopo l’arrivo a Roma. Si forma così un’ampia fascia di marginali spaesati e privi di sostegno che finisce per approdare al Santa Maria della Pietà. Anche il caso romano, dunque, “dimostra come l’esperienza storica del manicomio resti saldamente legata alle condizioni di assoluta precarietà in cui versavano le classi povere dell’Ottocento e del primo Novecento” (p. 92).

Si tratta di un gioco complesso, connotato da un certo grado di ambiguità (pp. 112-113) al quale partecipano molti attori, nel quale le famiglie scovano e sfruttano margini di manovra insospettati (pp. 101, 115) e che, più spesso di quanto si supponga, ha esito positivo. In generale, e sicuramente a partire dall’ultimo quarto del XIX secolo, i manicomi avevano problemi di sovraffollamento. Il manicomio romano non fa eccezione. D’altra parte, i comuni prima e le province poi, che dovevano mantenere i folli poveri in manicomio, avevano tutto l’interesse a rispedire a casa soggetti che non destassero particolari problemi. Così, ad esempio, sono relativamente pochi gli alcolisti lungodegenti: di norma venivano dimessi dopo un breve periodo di disintossicazione (pp. 170-78). L’incrociarsi delle esigenze di gestione manicomiale e i costi di mantenimento favorisce dunque la soluzione di aprire i cancelli del manicomio e restituire un certo numero di alienati alle famiglie. A questo si deve aggiungere la scarsissima fiducia delle classi popolari nelle probabilità reali di guarigione. Diffidenza ben motivata in quanto, concretamente, la psichiatria aveva ben poco da offrire sul versante della cura (pp. 105-106). Ciò è confermato anche dalla comparazione tra le cure praticate dai medici condotti e gli psichiatri del manicomio, che dimostra una somiglianza che non deve sorprendere.

Le cartelle cliniche sono la fonte più utilizzata ed è a partire dalle informazioni che contengono che l’A. apre e discute scenari, situazioni, condizioni ed esiti. Operazione tutt’altro che semplice, che però consentono una serie di “carotaggi” molto suggestivi. Il libro dedica ampio spazio alle donne e a come società e psichiatria le abbiano considerate e “curate”. Ho accennato al tema dell’isteria, ma non è l’unico. La descrizione dei deliri manifestati dalle ricoverate consente all’A. di “decifrarli”, di cogliere l’essenza della forma morbosa che le ha colpite: la possessione demoniaca, il grottesco e il mondo “alla rovescia”, diventano nella abili mani dell’A. degli scrigni da aprire ed indagare per svelare la permanenza di culture, mentalità, religiosità il cui nucleo affonda le proprie radici in epoche lontane, ma che mantengono una propria vitalità anche se interpretata e declinata in modi diversi a seconda delle epoche.

Si tratta di un’operazione quanto mai complessa, che incrocia molte forme del sapere (religione, etnografia, antropologia, linguaggio ecc.) e quindi di un terreno pieno di insidie. Ma Fiorino, benché consapevole dei rischi, ha fatto bene ad inoltrarvisi dimostrando da un lato l’immensa quantità di informazioni contenute negli archivi manicomiali; dall’altro come questo materiale, spesso frammentato in una miriade di minuscoli flash possa essere sfruttato anche a favore di una storia culturale dai confini ben più ampi dell’ambito psichiatrico. Infine, il capitolo che affronta queste tematiche (l’ultimo), caratterizza ulteriormente il caso romano in quanto molti dei casi esposti e discussi solo in parte sono riproducibili su altri contesti.

Conclusioni

Come ho accennato in apertura, Matti, indemoniati e vagabondi ha contribuito a riaccendere l’interesse degli storici per la storia della psichiatria e dei manicomi. Da allora le ricerche si sono moltiplicate (qui vedi per Bologna Cinzia Migani, Memorie di trasformazione. Storie da manicomio; per Pesaro, Paolo Giovannini, Un manicomio di Provincia. Il San Benedetto di Pesaro (1829-1918); per Rqcconigi, Fabio Milazzo, Una guerra di nervi. Soldati e medici nel manicomio di Racconigi (1909-1919), infine, per Imola segnalo il mio: Il Manicomio modello. Storia dell’ospedale psichiatrico di Imola (1804-1904)). Oltre a confermare l’importanza di monografie su singoli manicomi, a distanza di un ventennio dalla pubblicazione questo libro resta un valido punto di riferimento per chi voglia approfondire l’argomento della follia. Fiorino confronta infatti le sue tesi con la storiografia non solo italiana, ma francese, inglese e statunitense offrendo al lettore la possibilità di orientarsi in molte direzioni. In tutto questo il lettore è agevolato anche da una scrittura precisa, puntuale, ma allo stesso tempo sempre chiara e scorrevole.

Buona lettura.

lo storico della domenica
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: