700.000 opere d’arte digitalizzate dal Rijksmuseum

 

Il Rijksmuseum non ha bisogno di presentazioni: è uno dei musei più conosciuti a livello internazionale. In questo museo di Amsterdam, i visitatori possono vedere innumerevoli opere di vecchi maestri olandesi e di artisti più moderni come Van Gogh. I dipinti di Vermeer, Rembrandt e Van Dyck qui conservati sono tesori della storia dell’arte mondiale. Queste opere inestimabili sono tra le oltre 709.000 opere d’arte digitalizzate ora disponibili per la visualizzazione gratuita online. Il Rijksmuseum ha creato una collezione online impressionante e facile da esplorare con descrizioni dettagliate degli oggetti. Una notizia ancora migliore è che la maggior parte delle opere digitalizzate sono di pubblico dominio, scaricabili e persino personalizzabili con le risorse gratuite del museo.

Le collezioni online del Rijksmuseum  sono facilmente ricercabili per artista, tipo di oggetto, periodo e luogo. Gli utenti incontreranno magnifici ritratti del 17° secolo di Frans Hals, realistiche nature morte e mobili ornati e molto altro. Se si inizia a cercare nelle collezioni, si è sicuri di trovare arte e artisti che non si sapeva esistessero.

Il Rijksmuseum è uno dei molti musei che dall’avvento di internet hanno progressivamente digitalizzato le loro vaste collezioni. Si tratta di una tendenza che ha assunto una nuova importanza nell’era del coronavirus. I musei sono alla ricerca di nuovi modi per rendere l’arte accessibile e continuare a fornire i servizi culturali che sono la loro missione. A questo scopo, migliaia di immagini della collezione del Rijks possono essere scaricate in alta risoluzione. Sono perfetti come screensaver; ma se stai cercando usi ancora più creativi, il museo ha alcuni suggerimenti.

Basta registrarsi con un account gratuito per salvare le tue immagini preferite, ordinare stampe o anche ingrandire i tuoi dettagli preferiti da visualizzare: Rijksmuseum


L’histoire par l’image. Un sito per lo studio della storia attraverso le immagini

Un sito che è molti di più di un portale dedicato alla storia dell’arte. Percorsi tematici, bibliografie e molto altro.

Come ho sostenuto in un altro articolo Art of poster Manifesti della Belle Époque, l’arte è un’ottimo percorso per lo studio e l’approfondimento della storia. L’histoire par l’image, uno splendido portale francese amplia lo sguardo dal periodo limitato della Belle Époque offrendo il materiale che propone dalla Età moderna fino agli avvenimenti più recenti.

L’histoire par l’image è un progetto ambizioso. Riprendo (traducendo) dalla presentazione:

L’histoire par l’image si è posta l’ambizione di arricchire la conoscenza del passato attraverso opere d’arte e relativi documenti iconografici. Molte opere, qualunque sia la loro natura (pittura, scultura, fotografia, disegno, incisione….), rimangono troppo spesso utilizzate come semplici illustrazioni e meritano di essere analizzate al di là della breve leggenda che più spesso le accompagna. Queste opere non si riferiscono solo ad eventi significativi della storia della Francia (rivoluzioni, guerre, cambiamenti di regime….). Gli artisti dei secoli passati ci hanno lasciato una notevole testimonianza dei grandi cambiamenti sociali e culturali che la Francia ha subito dopo la Rivoluzione.

Anche se queste testimonianze emanano da una sensibilità personale e non possono pretendere l’esigenza di scientificità dello storico, le opere d’arte ci rivelano spesso ciò che anima la società di un’epoca, le sue motivazioni, i suoi costumi, le sue paure o le sue mode. Per quanto privilegiata, la storia politica non è quindi esclusiva; ampio spazio viene dato alle opere rappresentative delle realtà di un’epoca e della loro evoluzione nel tempo (condizioni sociali, progresso scientifico, pratiche religiose e culturali, vita intellettuale e artistica, ecc.) La sfida di L’histoire par l’image non sta quindi solo nella sua ricchezza iconografica ed editoriale, ma anche nella sua capacità di rinnovare l’approccio ai fatti storici e alle loro rappresentazioni.

 

L’histoire par l’image offre la possibilità di consultare il materiale scegliendo tra percorsi tematici, scansioni per periodi ecc. Inoltre, i temi (per esempio la Rivoluzione francese) sono suddivisi in sottosezioni e, come anticipato nella presentazione,  le immagini vengono collegate a puntuali “contesti storici” ricostruiti con accuratezza per poi essere discusse  e interpretate: non mancano puntuali bibliografie per approfondire periodi e contesti.

Abbiamo così la possibilità di “vedere” la storia attraverso gli occhi e gli sguardi dei contemporanei, di incrociare questo genere di fonti con quelle di altro genere e di effettuare comparazioni interessanti. Infatti le sezioni “giocano” tra loro in una trama di rimandi che intrattiene il visitatore e lo invita a curiosare.

L’histoire par l’image può essere integrato da altri siti disponibili on line. per esempio, sempre per quanto riguarda la Francia, INHA. Una biblioteca digitale per la storia dell’arte mentre, incentrato sull’Italia c’è Le collezioni d’arte dell’Acri.

Intanto godetevi questo splendido portale: L’histoire par l’image.