Andrea Costa in vari progetti on line

Andrea Costa è considerato a ragione uno dei padri del socialismo italiano.  La storiografia ha riscoperto recentemente la sua figura e il suo operato – soprattutto in concomitanza col centenario della morte, nel 2010 – dopo un periodo di accantonamento.

Ciò è dovuto anche al fatto che mentre lo troviamo, giovanissimo, a contatto coi maggiori esponenti dell’anarchismo e del socialismo europeo, la sua carriera politica si conclude nelle vicende della sua Imola, cittadina di provincia, in anni in cui – la fondazione del Partito Socialista è del 1892 – il socialismo italiano stava conoscendo nuovi indirizzi teorici e programmatici.

In realtà Costa meriterebbe studi approfonditi. Se il 1889 fu l’anno mirabilis per il socialismo emiliano romagnolo per il fatto che in quella tornata elettorale tutte le amministrazioni dei principali centri della regione passarono alle forze democratiche e socialiste, quella di Imola fu l’unica che resse – con poche, brevi interruzioni – fino al fascismo. Ciò significa che il lavoro di dissodamento e di “preparazione” svolto da Costa riveste un’importanza ben maggiore di quella che le è stata riconosciuta a livello storiografico.

In ogni caso Costa non è finito nel dimenticatoio. La Fondazione Feltrinelli, la Fondazione Gramsci Emilia-Romagna e la Biblioteca Comunale di Imola mettono a disposizione un buon numero delle sue opere.

Fondazione Feltrinelli

Nella collana Testo ritrovato la Fondazione Feltrinelli pubblica la celebre lettera Ai miei amici di Romagna con la quale motiva il suo passaggio dall’anarchismo al socialismo con la necessità di una svolta politica. Problemi urgentiIl gruppo parlamentare socialista – prima parteIl gruppo parlamentare socialista – seconda parteBagliori di socialismo si trovano digitando “Andrea Costa” sulla pagina iniziale del portale.

Fondazione Gramsci Emilia-Romagna

Anche la Fondazione Gramsci Emilia-Romagna  da digitalizzato un buon numero di opere di Costa. Si possono consultare alla pagina Andrea Costa (1851-1910). Si tratta di opuscoli di propaganda che sarebbe opportuno rileggere non tanto per il contenuto – oggi ampiamente superato – quanto per il linguaggio: senza la capacità di usare un “vocabolario” e un linguaggio con le classi che si vogliono rappresentare, la propaganda e la capacità di attrazione dei movimenti politici resta sterile. Costa la trovò con un lavoro di limatura e adeguamento durato decenni.

BIM

Il progetto forse più impegnativo è quello della Biblioteca Comunale di Imola (città natale di Costa) che ha digitalizzato l’enorme carteggio personale. Si tratta di un lavoro tanto impegnativo quanto prezioso che testimonia l’ampiezza delle relazioni intessute da Costa nel corso del suo infaticabile apostolato. Lo si può consultare qui: Carte Andrea Costa 1872-1960.

Non mi resta che augurarvi buona navigazione.

Recensione: Fabio Fabbri Le origini della guerra civile. L’Italia dalla Grande Guerra al fascismo (1918-1921)

Quando venticinque anni fa Claudio Pavone parlò di guerra civile per il biennio 1943-1945, si sollevò un dibattito infuocato. A distanza di un quarto di secolo quella tesi, almeno per alcune zone del Paese, è stata accettata ed è largamente condivisa.

Pavone avvertiva che dopo l’8 settembre lo scontro tra fascisti e antifascisti fu il naturale proseguimento di quello “aperto del 1919-22” (C. Pavone, Una guerra civile. Saggio storico sulla moralità della Resistenza, Bollati-Boringhieri, Torino, p. 256).

Dunque Pavone riteneva che vi fosse stata una guerra civile negli anni che portarono al potere il fascismo. Del resto, di “guerra civile europea”, da diverse posizioni storiografiche, hanno parlato anche altri. Sulla indicazione di Pavone si sviluppa il bel libro di Fabio Fabbri che adotta questa concettualizzazione per spiegare gli anni del primo dopoguerra. Tremila sono i morti dovuti alla lotta politica in quel triennio, e se nel 1918 vi furono 6 omicidi ogni 100.000 abitanti, nel 1921 ve ne sarebbero stati 17, un’escalation impressionante.

Tuttavia, adottare la guerra civile come categoria interpretativa è rischioso. lo Stato liberale non era crollato e pertanto il monopolio della forza restava nelle mani delle autorità legittime. Le quali però, e l’A. lo ribadisce con puntualità, in molti casi si dimostrarono ben liete nel passarlo agli squadristi: la tolleranza e non di rado il sostegno di prefetti e militari rivolto allo squadrismo è dimostrato da tempo. La scelta dell’A. di trattare come un unicum il periodo si dimostra valida e meritoria perché indica nella guerra la grande incubatrice dei fattori che si coagularono nella violenza che si scatenò negli anni successivi.

Fu la guerra, infatti a incubare l’idea dei “nemici interni” individuati nelle forze politiche che avevano avversato la guerra: socialisti, comunisti e, in parte cattolici furono individuati come elementi da rimuovere in quanto impedivano l’emergere della grande Italia. (Questo, sia detto en passant, in un Paese in cui l’entrata in guerra fu decisa da un pugno di personalità).

Lasciando mano libera allo squadrismo la classe dirigente liberale mascherò le proprie fragilità e manchevolezze. A leggere la corposa documentazione elaborata dall’A. (stampa, atti parlamentari, carteggi di personalità politiche e un’amplissima gamma di documenti ricavati dagli archivi di Stato) emerge l’immagine di una classe dirigente in preda al panico e a isteriche reazioni che sono la miglior testimonianza della propria inadeguatezza.

Va riconosciuto che se oggi appare chiaro che dopo il 1920 l’eventualità di una rivoluzione nell’Europa occidentale era illusoria, all’epoca poteva sembrare alle porte. Questo ovviamente non giustifica in nessun modo la violenza privata, praticata non solo dai fascisti ma anche dagli agrari.

Il partito socialista ci mise del suo per spaventare borghesia e classe dirigente con una violenza verbale parolaia e infondata, dichiarando imminente una rivoluzione che non era in grado di preparare e men che meno dirigere, con manifestazioni  a volte fine a sé stesse, denigrando giovani che avevano partecipato alla guerra. Di fronte a una miriade di manifestazioni popolari del tutto spontanee i vertici del PSI così come quelli sindacali non furono mai in grado di controllarle nè di offrire uno sbocco politico concreto.

Il fascismo si mosse come un cuneo per separare queste “due Italie” e, come avvertì Gramsci, isolare socialisti e comunisti da un lato e saldare il ceto medio alle classi dirigenti. L’operazione riuscì pienamente.

Un secondo aspetto, a mio avviso meritevole, che emerge dal quadro prospettico dell’A. è che viene a dissolversi la concettualizzazione di “biennio rosso” seguito poi da un “biennio nero”. Fabbri offre una lettura alternativa e originale degli eventi. Il “biennio rosso” non è il fenomeno che dà la stura alla reazione; per comprendere gli esiti del dopoguerra occorre guardare più indietro e cioè all’uso sempre più massiccio della legislazione eccezionale. Anche in questo caso ci si trova con un frutto avvelenato del conflitto. Dilatando a guerra finita l’uso della legislazione eccezionale la classe dirigente liberale rende più facile il passaggio che la vede nell’astenersi dal reprimere le violenze delle squadracce. Nell’esaminare questo fenomeno l’A. indica elementi interessanti: dalla documentazione proposta parrebbe che gli ordini in questo senso da parte dei governi  in molti casi venissero disattesi a livello periferico dai prefetti.

Anche la struttura del libro rispecchia la lettura degli eventi alla luce della continuità dalla guerra al 1921: la narrazione, suddivisa in sette capitoli, ha un’impronta fortemente cronologica e si ferma con l’entrata in Parlamento di parlamentari fascisti.

Secondo Fabbri dopo quella data il fascismo cominciò in qualche modo a cambiare pelle, nel senso che iniziò un processo di istituzionalizzazione che comprendeva anche l’accantonamento della sua immagine iniziale di movimento radicale per offrirsi quale interlocutore più affidabile. Non a caso il movimento si era trasformato in partito proprio nel ’21.

Si potrebbe discutere sulla decisione di arrestare la narrazione al 1921, ma nulla toglie al valore di un libro importante, ben scritto e documentatissimo  come dimostrano le cinquanta pagine di bibliografia, che ci dovrebbe far riflettere su alcuni aspetti del nostro presente.