Una rivista francese sulla storia della Shoah

Unico periodico europeo dedicato alla storia della distruzione degli ebrei d’Europa, e prima rivista storica sull’argomento, la Revue d’histoire de la Shoah  è essenziale per ogni studente o ricercatore che lavori a questa svolta storica. Essa intende fornire una panoramica dell’attuale lavoro sulla storiografia dell’Olocausto.

La Revue d’histoire de la Shoah apre il suo campo di studio anche alle altre tragedie del secolo. Ad esempio vi si trovano studi sul genocidio dei Tutsi in Ruanda, quello degli armeni dell’Impero Ottomano e il massacro degli zingari.

La Revue d’histoire de la Shoah è on line gratuitamente sul sito cairn info per le annate dal 2005 al 2016: Revue d’histoire de la Shoah.

Tra i molti numeri interessanti mi preme segnalare il 1° fascicolo del 2016 n° 204 dedicato a L’Italie et la Shoah, con saggi di affermati studiosi italiani.

La rivista può essere così utilmente affiancata ai Quaderni del centro di studi sulla deportazione e l’internamento realizzati dall’Associazione Nazionale Ex Internati nei lager nazisti (ANEI) e all’Holocaust Encyclopedia indicati qui: Giorno della memoria. Una rivista e un’enciclopedia .

Buona lettura.

Numeri gratuiti di Meridiana

Numeri gratuiti di una delle più autorevoli riviste di storia e scienze sociali.

Per gli storici, sociologi, economisti e studiosi di scienze sociali Meridiana non ha bisogno di presentazioni particolari. La rivista è conosciuta e tra le più autorevoli. Nel suo percorso è stata pubblicata da vari editori. Ora esce per i tipi di Viella. Tuttavia, on line disponiamo di ben 45 numeri gratuiti.

Presentazione

Per chi non la conoscesse – riprendo dalla presentazione:

Meridiana è un quadrimestrale che nasce nel 1987 come esperienza intellettuale di un gruppo di studiosi (storici, sociologi, economisti, antropologi, scienziati politici) legati tra loro da un progetto originario concentrato su una visione del Mezzogiorno come realtà plurale, che si lega a una analisi condotta attraverso linguaggi disciplinari differenti e fortemente orientata a decostruire, de-ideologizzare e criticare rappresentazioni e stereotipi culturali che si ispirano a fuorvianti e astratte uniformità.

L’analisi interdisciplinare di un tema monografico è stato fin dall’inizio il tratto caratterizzate della rivista. Nel corso degli ultimi anni, pur rimanendo i problemi dello sviluppo del Mezzogiorno d’Italia un aspetto centrale dei suoi interessi, Meridiana ha allargato la sua attenzione prendendo in considerazione temi come le disuguaglianze, la regolazione politica e sociale, le problematiche ambientali, le rappresentazioni sociali e le differenze territoriali anche in aree diverse dalle regioni meridionali.

Meridiana è, dunque, uno strumento multidisciplinare di interpretazione dei grandi temi che animano il dibattito pubblico nazionale ed internazionale. I suoi lettori si identificano non solo con la comunità degli studiosi, ma anche con insegnanti, studenti, funzionari pubblici, giornalisti, politici e amministratori che danno vita a una domanda di conoscenza in grado di coniugare rigore scientifico e “utilità” pubblica. Oltre agli articoli della parte monografica e ai saggi liberi, la rivista pubblica anche recensioni a libri e film, riflessioni su categorie interpretative, analisi metodologiche, interventi di critica, interviste e tavole rotonde destinati ad apposite rubriche.

Disponibili on line

I numeri di Meridiana sono tematici e spaziano tra gli argomenti: Mercati, Famiglie, Questione settentrionale, Antimafia, Mezzogiorno, Montagna, Banche ecc.

Benché di taglio diverso, per chi cerca materiale sul web, tra le riviste on line Meridiana può essere affiancata a Annali del Lazio Meridionale e anche gli amici di  Portale per la storia della Campania possono disporre di un aggancio di sicura qualità. Non mi resta che augurarvi buona navigazione tra i 45 numeri gratuiti di MeridianaMeridiana. Numeri gratuiti

 

Rivista di storia on line. Proposte e Ricerche

Proposte e Ricerche. Rivista di storia on line

La miglior presentazione di questa rivista che viene ad arricchire le riviste disponibili on line e la mia piccola Emeroteca di storia on line è di lasciare la parola alla pagina introduttiva della rivista.

Proposte e ricerche nasce nel 1978 per iniziativa di Sergio Anselmi da una costola di Quaderni storici delle Marche, fondata da Alberto Caracciolo e quell’anno trasformatasi in Quaderni storici.

Inizialmente la rivista esce come bollettino della Sezione di storia dell’agricoltura del Centro ricerche e studi dei beni culturali marchigiani, con sede presso l’Università di Urbino.

Dal 1981 la pubblicazione, che fino ad allora non ha periodicità fissa, diventa semestrale. Nel 1986 il numero 16 assume il sottotitolo di Rivista di storia dell’agricoltura e delle società rurali marchigiane, cambiato poi l’anno successivo (numero 18) in Rivista di storia dell’agricoltura e della società marchigiana.

Nel 1990 il numero 24 della testata diventa l’attuale Proposte e ricerche. Economia e società nella storia dell’Italia centrale.

Per più di quarant’anni, la rivista è stata ininterrottamente pubblicata con cadenza semestrale sotto la direzione dapprima di Sergio Anselmi poi, dopo il 1999, di Renzo Paci, Ercole Sori e dal 2011 di Francesco Chiapparino.

Nel 1983 ai due fascicoli annuali si affianca un album sull’architettura rurale nelle Marche. Dal 1987 poi, Proposte e ricerche comincia ad essere accompagnata da Quaderni, pubblicati da allora continuativamente, anche se privi di una periodicità fissa, su tematiche concernenti gli ambiti scientifici della rivista.

La rivista si occupa tradizionalmente di studi storico-economici e sociali sull’Italia centrale. E’ nondimeno aperta a interventi e comparazioni riferibili ad aree più ampie, nazionali e internazionali.

On line Proposte e ricerche propone le annate 1991-92, 1999 e dal 2002 al 2013. La rivista ospita saggi di molte delle più belle firme della storiografia italiana e internazionale: da Immanuel Wallerstein a Carlo Maria Cipolla, da Ercole Sori a Renzo Paci, da Giorgio Pedrocco a Pedrag Matvjevic e molti altri mentre non mancano saggi di giovani ricercatori. I temi trattati, indicati nel sottotitolo della Rivista: economia e società nella storia dell’Italia centrale, spaziano su un arco temporale vastissimo.

In conclusione non resta che augurarci che Proposte e Ricerche completi la digitalizzazione delle annate e andare a curiosare: Proposte e ricerche