Biblioteche digitali nelle biblioteche universitarie

Le biblioteche digitali delle nostre università sono ormai numerose. Per questo articolo devo ringraziare Emanuele Catone che mi ha segnalato il notevole progetto che sta realizzando l’Università di Padova.

Si tratta del progetto PHAIDRA, che attualmente ci regala “400.000 oggetti digitali: immagini, documenti, libri, risorse per la didattica”. Il portale è suddiviso in oltre 30 sezioni che spaziano nei più diversi ambiti: dalla medicina ai manifesti della RSI, dalla biblioteche personali di eruditi a opere e stampe di botanica, da lettere di singoli a opere di architettura e altro ancora con progetti in collaborazione con Ca Foscari.

Mi limito a segnalarne alcuni. Molto interessante (ma io sono di parte, dato che mi occupo un po’ di questi argomenti), è L’evoluzione della psicologia a Padova: da Benussi a Metelli; di tutt’altro genere è la collezione de  I manifesti della Repubblica Sociale Italiana del Centro di Ateneo per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea; un’intera sezione è dedicata al Settecento a Padova, che testimonia il periodo di floridezza della città.

L’Università di Padova ci offre dunque un ricchissimo portale che ci propone materiale antico, moderno e contemporaneo e che potrebbe diventare un esempio da seguire da altre biblioteche digitali.

Anche la Biblioteca Universitaria di Bologna presenta un’interessante biblioteca digitale. Oltre alle opere di Giulio Cesare Croce e Ulisse Aldrovandi, vi sono 450 opere arabe antiche e altri progetti.

Inoltre, interessante è la sezione Periodici con giornali, riviste e numeri unici prevalentemente ottocenteschi e novecenteschi (ci sono anche alcune testate del movimento studentesco).

In un articolo precedente ho presentato alcuni la digitalizzazioni di giornali e periodici di moda Donne. Riviste storiche, di storiografia, portali. Anche la sezione dei periodici della BUB ne regala un buon numero.

Buona navigazione.