I Mélange e le Publications de l’école française de Rome

I Mélange e le Publications de l’école française de Rome su Persée

Del portale Persée ho già parlato in un’altra occasione. Da questa splendida biblioteca digitale voglio segnalare riviste e annali che riguardano l’Italia. La prima sono i Mélanges de l’école française de Rome. Persée li ha digitalizzati dal 1881 al 2009 per complessivi 287 numeri. Un lavoro impressionante.

École française de Rome

Fondata nel 1875, l’École française de Rome è un’istituzione pubblica scientifica, culturale e professionale sotto la supervisione del Ministero nazionale dell’istruzione, dell’istruzione superiore e della ricerca.

La missione fondamentale della École française de Rome è la ricerca e la formazione alla ricerca nel campo dell’archeologia, della storia e di altre scienze umane e sociali, dalla preistoria ai giorni nostri. La sua principale area di intervento copre un’area che comprende Roma, l’Italia, il Maghreb e i paesi dell’Europa sudorientale in prossimità del Mare Adriatico.

I Mélange  hanno una cadenza biennale. Dal momento che è disponibile un indice degli autori, ho dato un’occhiata: vi hanno collaborato e vi collaborano molti dei nostri storici più autorevoli: Bigatti, Franco de Felice, Insenchi, Legnani, Mastellone, Morabito, Pivato, Rao, Riccardi, Mariuccia Salvati, Turi, Viola e altri ancora. L’elenco, ovviamente, è ampiamente incompleto.

La stessa istituzione dal 1965 ci offre le Publications de l’École Française de Rome. Per l’età contemporanea ci sono offerti numeri tematici e atti di convegni. Mi limito a segnalare alcune cose: Opinion publique et politique extérieure en Europe. I. 1870-1915. Actes du Colloque de Rome (13-16 février 1980) in tre volumi, Les Noblesses européennes au XIXe siècle. Actes du colloque de Rome (21-23 novembre 1985), Les Italiens en France de 1914 à 1940. Sous la direction de Pierre Milza, Villes et territoire pendant la période napoléonienne (France et Italie). Actes du colloque de Rome (3-5 mai 1984) e molto, molto altro davvero.

Infatti, vi sono anche monografie tematiche e un gran numero di Tesi. Andate a curiosare e a frugare… merita davvero.

 

Persée. Una grande emeroteca digitale

Persée è uno dei progetti più interessanti realizzati in Francia. Si tratta di una enorme emeroteca digitale che mette a disposizione di studenti, ricercatori e curiosi le collezioni di 310 riviste delle quali 110 di storia.

Traducendo dalla presentazione lo scopo di Persée

è quello di promuovere il patrimonio documentario a vantaggio della ricerca, garantendone la diffusione, l’arricchimento e la conservazione. Persée basa la sua azione su tre principi:

1 – un approccio globale al patrimonio documentario, sia come fonte di ricerca che come oggetto di ricerca
2 – la convergenza della digitalizzazione del patrimonio e dell’editoria elettronica
3 – la scelta dell’apertura e della condivisione come strumenti di visibilità e circolazione della conoscenza.

La digitalizzazione e l’accesso ai corpus e alle collezioni documentarie rappresentano una sfida importante per le comunità scientifiche. Per loro si tratta di avere contenuti di qualità, accessibili in forma digitale, e strumenti di sfruttamento, ricerca e riappropriazione che consentano non solo di consultare i documenti, ma anche di gestire e sfruttare i dati da essi derivati. In questo contesto, le missioni di Persée coprono un continuum che va dallo sviluppo di strumenti e metodi al trasferimento di competenze e competenze e allo sviluppo di biblioteche scientifiche digitali. Queste missioni sono al crocevia di diverse sfide: questioni scientifiche di selezione dei documenti, riflessione metodologica sulla loro valorizzazione e analisi; questioni tecnologiche di innovazione, ricerca e sviluppo che consentono una digitalizzazione a valore aggiunto incentrata sull’uso scientifico dei contenuti digitali; questioni di visibilità e sostenibilità con la produzione, la diffusione efficace dei contenuti digitali arricchiti e la loro conservazione a lungo termine.

Vi si trovano tutte le principali riviste di storia: dagli Annales che rivoluzionarono il metodo storiografico e per decenni sono stati una rivista imprescindibile per qualunque studioso, agli Annales Historiques de la Révolution Française; dai Cahiers du monde Russe a Histoire Économie et Société; dai Mélanges de l’école française de Rome alla Revue d’Histoire Moderne & Contemporaine.

Ho citato solo alcune delle riviste più conosciute; ve ne sono molte altre. Persée si basa su una considerazione intelligente: fatta eccezione per pochi specialisti e appassionati, pochissimi sono coloro che richiedono una rivista di storia degli anni, poniamo, Settanta o Ottanta. Per consultarle occorre andare in emeroteca.

Ebbene, digitalizzando riviste fino ad anni recenti si soddisfano sia le esigenze degli studiosi che necessitano di riviste la cui consultazione non è sempre agevole, sia quelle degli editori che continuano a vendere in cartaceo le ultime annate.

A mio parere Persée è un progetto da importare anche da noi. Intanto godiamoci questo: Persée