La rivista Passato e Presente digitalizzata per i primi 51 numeri

Copertina della rivista Passato e Presente

Passato e Presente è una delle riviste più importanti del panorama delle riviste di storiografia e non solo, un punto di riferimento obbligato per gli “addetti ai lavori”, ma anche per appassionati e per tutti coloro che desiderano restare aggiornati sul piano scientifico, metodologico, del dibattito storiografico.

L’ispirazione di fondo della rivista, la collocazione di Passato e Presente nel dibattito storiografico era quello di un marxismo non dogmatico, aperto e dialogante con altre scuole e correnti storiografiche. Del resto, fin dal titolo della rivista, il rimando alla rivista Past & Present, laboratorio della storiografia marxista anglosassone, è palese.

A quarant’anni di distanza questioni di questo genere possono apparire superate. In parte lo sono: le scuole storiografiche si sono dissolte, vi sono tracce sparute di intellettuali militanti. Lo stesso mondo politico, imperniato su partiti di massa strutturati in vario modo sul territorio è profondamente mutato e le forme e i modi della partecipazione alla vita politica è in corso di trasformazione da molti anni. Su questo si veda La rivista e i links contenuti nell’articolo sul sito Passato e Presente. Rivista di storia contemporanea.

Ma questo non significa che tutto questo debba finire nel cestino della storia. La storia cambia, muta, si trasforma, e Passato e Presente cerca di tenere il passo dei mutamenti rinnovandosi, non soltanto per quanto riguarda i temi del dibattito storico e storiografico, ma anche sfruttando il web e i social media. La sua pagina web Amici di Passato e Presente ne è un bell’esempio.

Ma il rigore metodologico, l’ampiezza e la profondità dei temi e dei dibattiti restano validi punti di riferimento per tutti coloro che, consapevoli della complessità della storia, non intendono lasciarsi abbagliare dall’evidente fumosità di “interpretazioni” della storia spesso avanzate da giornalisti o altre figure che si vanno appropriando del terreno della storia e degli storici, o dalla grassa spettacolarizzazione della storia spesso presentata al pubblico come un piacevole intrattenimento dal quale sono stati espunti gli interrogativi che pure dovrebbe suscitare.

In conclusione, se il passare in rassegna queste annate ci parla anche di una stagione culturale, politica e storiografica definitivamente tramontata, la digitalizzazione e la disponibilità on line di Passato e Presente costituisce un apporto fondamentale sia per le generazioni più giovani, spesso disancorate dal passato e costrette a vivere in una sorta di presente permanente, sia per tutti coloro che desiderano comprendere più a fondo il mondo in cui vivono.

Questi primi 51 numeri digitalizzati di Passato e Presente sono un’ottima notizia e ci auguriamo che l’esempio venga seguito al più presto da altre riviste. Per quelle attualmente disponibili si veda la pagina: Emeroteca: riviste di storia on line.

Buona consultazione: Passato e Presente: numeri 1-51

lo storico della domenica
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: