2,8 milioni di immagini da Smithsonian Open Access

C’è poco da fare, quando gli Stati Uniti fanno qualcosa (nel bene e nel male…) la fanno in grande. Dal punto di vista della fruibilità in ambito culturale, non hanno quasi concorrenza. Certo, Gallica, MDZ o Europeana sono realizzazioni impressionanti ma è difficile competere con colossi come Google libri, Internet Archive o DPLA.

È perfino superfluo ricordare che questi risultati davvero stupefacenti sono la risultante della fusione tra competenze informatiche all’avanguardia (quasi tutti i principali motori di ricerca sono americani, chi non ha sentito parlare della Silicon Valley?), una disponibilità se non illimitata certo ingente di risorse da parte di fondazioni che finanziano e supportano la produzione artistica e culturale americana e, a differenza di quanto accade da noi, la disponibilità da parte del pubblico e della “common people” di finanziare con piccole donazioni molta produzione culturale.

Direct capture

Ora a stupirci è la Smithsonian Institution, “il più grande complesso museale, educativo e di ricerca del mondo, con 19 musei e il National Zoo, che plasma il futuro preservando il patrimonio, scoprendo nuove conoscenze e condividendo le [proprie] risorse col mondo intero”.

Ho ripreso la citazione dalla presentazione del progetto, ma a divulgare la notizia in Italia è stata la rivista on line Artribune con un esaustivo articolo di Claudia Giraud: Nasce Smithsonian Open Access: 2,8 milioni di immagini libere del più grande museo del mondo al quale rimando per i dettagli.

Qui non resta altro da dire che ci viene regalato, letteralmente, un mare magnum praticamente inesauribile nel quale troviamo di tutto. Buona navigazione: Smithsonian Open Access


 

Riviste femminili digitalizzate. Moda e altro.

In Italia le riviste espressamente dedicata al mondo femminile sono arrivate più tardi in confronto ad altri paesi. È un dato che rimanda a molte caratteristiche e problemi del nostro paese: un paese a lungo arretrato, contadino, con altissimi tassi di analfabetismo – maggiori tra le donne -, la forza della religione cattolica che he ha compresso a lungo l’emancipazione e la libertà, una società fortemente maschilista; ma anche l’ascesa della borghesia e la formazione di una “aristocrazia” industriale.

Tutto questo non significa affermare che il panorama sia desolante. Il materiale non manca. Una parte l’ho già indicato in un altro articolo miscellaneo: Donne. Riviste storiche, di storiografia, portali. Dopo aver letto e recensito il libro di Georges Vigarello: L’abito femminile. Una storia culturale ho voluto verificare se fosse disponibile altro materiale.

L’Emeroteca della Biblioteca Nazionale Centrale di Roma ci offre: Bellezza mensile d’alta moda e della vita italiana del 1941 e 1943; Cordelia rivista mensile della donna italiana dal 1881 al 1896 e dal 1929 al 1941; Dea rivista mensile della moda per il 1935 e dal 1938 al 1941; Il genio de’ tempi almanacco alla moda per l’anno … 1807; Moda esce tutti i mesi meno il luglio e l’agosto del 1939.

La Digiteca della Biblioteca di Storia Moderna e Contemporanea di Roma di regala: Amica. Rivista mensile illustrata per la donna e per la casa dal 1929 al 1941 e La Moda. Giornale delle dame del 1878.

Insomma, a poco a poco il ventaglio di materiale a disposizione si sta arricchendo. Buona consultazione.


Donne. Riviste storiche, di storiografia, portali

Stiamo vivendo in un periodo storico nel quale le donne vengono messe sotto a forme di pressione ingiustificate e ingiustificabili. Su di esse ricadono, in gran parte, le lacune di uno stato sociale difettoso e incompleto, minori prospettive e riconoscimenti sul lavoro, ripercussioni di una concezione della famiglia che tende a relegarle tra le mura domestiche e il rimontare di un maschilismo – forse mai morto, ma negli ultimi decenni in qualche modo in ritirata – autoritario e violento.

Considerare il percorso storico delle donne è pertanto un buon modo per capire cosa sta accadendo e, se non come – che non è compito dello storico -, ma dove intervenire per modificare in meglio la situazione.

Si può cominciare con la Biblioteca Italiana delle Donne, del Centro delle Donne di Bologna: Biblioteca Digitale delle Donne. Suddivisa in sezioni vi si trovano “opere a stampa di diverse epoche relative alla memoria storica, culturale, politica e sociale delle donne italiane e dei loro movimenti di emancipazione e liberazione dall’Ottocento ad oggi”, con manifesti, riviste storiche e libri.

Riviste storiche di moda

Le riviste di moda sono un ottimo strumento per capire cosa la società chiede alle donne di pensare, vestirsi e comportarsi. Oltre a quelle disponibili nella Biblioteca Italiana delle Donne altre sono ora disponibili grazie agli sforzi della Biblioteca universitaria Alessandrina che presenta alcune annate pubblicate tra la fine dell’Ottocento e gli anni Trenta del XX secolo di periodici di moda non facilmente reperibili nelle biblioteche italiane: http://www.internetculturale.it/it/41/collezioni-digitali/26250/ e della emeroteca della Biblioteca Nazionale Centrale di Roma, nella quale si possono consultare: Bellezza. Mensile d’alta moda e della vita italiana, La donna elegante ed erudita. Giornale dedicata al bel sesso, La donna. Rivista quindicinale illustrata.

Le riviste storiche di moda costituiscono solo una parte del materiale che possiamo utilizzare. Il Centro delle Donne di Bologna dispone di un archivio molto ricco e articolato: Archivio di Storia delle Donne

mentre on line sono apparsi progetti molto interessanti.

Portali

Uno molto importante e molto bello è Senza Rossetto, un portale sulle donne alla vigilia delle elezioni del 1946. Senza rossetto

Per decenni andare a votare è stato una specie di rito al quale ci si preparava con cura. Gli uomini tiravano fuori il vestito buono, quello della domenica. Nel dopoguerra esprimere il diritto-dovere di votare era qualcosa di molto sentito: vent’anni di dittatura non erano passati invano.L’andare a votare aveva qualcosa di sacrale, era qualcosa che oggi, a vedere le immagini dell’epoca, fa venire in mente una sorta di rito.

Uomini e donne si mettevano il vestito buono, ma le donne il rossetto no, non potevano metterlo: la scheda doveva essere umettata e incollata e il rossetto l’avrebbe sporcata. Per questo il progetto che presento si chiama Senza rossetto. https://www.senzarossetto.net/

“Senza rossetto” è un lavoro di raccolta di testimonianze di donne che andarono a votare per la prima volta […] per le elezioni amministrative del marzo-aprile 1946 e successivamente, il 2 giugno 1946, per l’elezione di un’Assemblea costituente e la scelta della forma istituzionale dello Stato, se Repubblica o Monarchia. Il progetto vuole raccontare l’importanza simbolica e politica che il voto, vissuto come concessione o conquista o naturale conseguenza dei tempi, come diritto o dovere, ebbe sulla percezione di sé.

L’ambizione che abbiamo è quella di continuare questo lavoro di documentazione per arrivare fino al 18 aprile del 2018, quando cadrà il settantesimo anniversario dell’elezione del primo Parlamento repubblicano.
Un progetto costruito attraverso le storie personali ed intime di […] donne e vite diverse, distanti per classi sociali e geografie, per ideali e visioni del mondo, ma in relazione reciproca e dinamica le une con le altre, che diventano fonti della memoria popolare e del discorso orale sulla storia del ‘900, colto nelle sue frizioni e nelle sue contraddizioni, nella tensione tra il minuto ed il vastissimo. Tra il maschile ed il femminile. Tra presa di parola, azione e silenzio.

riprendo dalla presentazione del portale

Un work in progress dunque, un cantiere aperto sul mondo femminile, con le testimonianze e documenti, da seguire con attenzione e con piacere.

Un altro progetto estremamente ambizioso e articolato è l’Enciclopedia delle Donne che offre l’opportunità di approfondire una vasta gamma di temi e argomenti e che ospita anche un ottimo blog. Enciclopedia delle donne

In questa prima rassegna non può mancare una rivista di storiografia. Ben venga allora la disponibilità on line della rivista Storia delle donne, il cui scopo – come viene chiarito nella presentazione della rivista – è di guardare

al nesso tra storia e politica delle donne, ma accorda priorità a quello fra storia e politiche per le donne e con le donne; questa è una delle ragioni per cui la scelta del tema dei fascicoli è dettata dai processi in atto e dalle urgenze che la contemporaneità propone.
Il tema viene sviluppato nella sezione «Presente» da contributi che lo illustrano con incroci di approccio e metodo volutamente pluridisciplinari, senza che questo identifichi SdD con l’interdisciplinarietà degli Women’s Studies. Nella sezione «Passato» i saggi restituiscono lo spessore storico e diacronico nella longue durée che si snoda dalle civiltà antiche fino al Novecento.

 

Una rivista utile, sia per il modo di proporsi – numeri monotematici che scandagliano l’argomento prescelto da più punti di vista e periodizzazioni – sia perchè, come viene detto esplicitamente nella presentazione, Storia delle donne

riserva particolare attenzione alle ricerche di giovani studiose e studiosi. In tutte e due le sezioni potranno essere pubblicate parti di tesi di laurea o di tesi di dottorato ed anche studi da queste indipendenti. Tutti i testi pubblicati in SdD sono valutati, secondo le modalità del doppio cieco (double blind peer review), da due referees individuati nell’ambito di un’ampia cerchia di specialiste e specialisti.

Sono disponibili le annate dal 2005 al 2017, tutte di grande interesse tematico: Storia delle donne

Per il momento mi fermo qui. Buona navigazione.