SHARE una piattaforma di libri e riviste

Share, una piattaforma open access per la storia, le materie umanistiche e non solo

Da qualche tempo è attiva SHARE una piattaforma di libri e riviste pubblicate ad accesso aperto dalle università aderenti alla convenzione Universities SHARE (Scholarly Heritage and Access to Research). Lo compongono le Università di Napoli Federico II, Napoli L’Orientale, Napoli Parthenope, Salerno, Sannio e Basilicata.

Il progetto si articola in tre grandi sezioni:

  1. riviste scientifiche (SHARE Journals), sulla piattaforma SeReNa
  2. collane di libri elettronici (SHARE Books), su questa piattaforma FedOABooks
  3. prodotti, dati della ricerca e documentazione storica (SHARE Open Archive), sulla piattaforma EleA.

Per quanto riguarda le opere di storia, il catalogo – ben nutrito – offre opere interessanti che spaziano nei campi più disparati – dalla camorra o la polizia a Napoli, a carteggi, alla rivoluzione russa, al paesaggio, dalle scritture femminili alla musica e altro ancora.

Naturalmente, considerando le università consorziate che hanno dato origine al progetto, molti testi sono incentrati sull’area del Mediterraneo e sull’Italia meridionale.

Tuttavia non si può dire che si tratti di un progetto rispondente a finalità localistiche – tutt’altro. Collegando questa collezione col materiale reperibile in Mediterranea. Ricerche storiche: rivista e Biblioteca digitaleStoria della CampaniaBiblioteca Digitale sulla Camorra il quadro per approfondire si amplia di molto. (Inoltre è possibile esplorare altri percorsi tematici – psicologia, fisica, scienze umane ecc. ecc.).

Dunque non resta che andare a curiosare in: SHARE libri: Storia e scienza della politicaSHARE Riviste

RiMe – Rivista dell’Istituto di Storia dell’Europa Mediterranea

In un articolo di qualche tempo fa ho segnalato una rivista on line che incentra il proprio interesse e le proprie ricerche sul Mediterraneo: Mediterranea. Ricerche storiche: rivista e Biblioteca digitale.

Considerato il periodo storico che stiamo attraversando, il Mediterraneo viene ad assumere un’importanza centrale nelle vicende dei paesi europei. Non soltanto per l’Europa Mediterranea, cioè per quegli Stati che si affacciano sul mare, ma per l’Europa nel suo complesso.

Ben venga quindi un’altra rivista, attiva già da tempo ma che ho scoperto soltanto ora, che si occupa di questi temi: RiMe, la Rivista dell’Istituto di Storia dell’Europa Mediterranea.

Riprendendo dall’introduzione,

RiMe è la rivista online dell’Istituto di Storia dell’Europa Mediterranea. È nata nel 2008 e ha cadenza semestrale, il primo numero è uscito nel dicembre 2008.

La rivista è multidisciplinare, fa interagire metodologie e percorsi critici nell’ambito delle scienze umane ed è aperta a contributi di carattere storico, letterario, linguistico, filologico, filosofico, antropologico.

RiMe si rivolge a studiose e studiosi appartenenti a paesi, enti e gruppi di ricerca diversi, per promuoverne e sostenerne la collaborazione intorno ai comuni interessi scientifici sui temi e motivi legati all’identità storica dell’Europa mediterranea e alle loro variegate relazioni esterne.

La rivista si propone come organo di riflessione destinato a un pubblico di specialisti e, di pari passo, come strumento di disseminazione dei risultati delle ricerche nella società civile.

On line RiMe è disponibile fin dal primo numero, apparso nel 2008. La prima serie si è conclusa nel 2017 col numero 18 pubblicato nel Giugno. La nuova serie è apparsa nel Dicembre 2017 e prosegue tuttora. Tutti i numeri, compresi quelli speciali (monografici dedicati a particolari temi), sono liberamente consultabili e scaricabili on line.

Buona navigazione mi pare proprio l’augurio appropriato: RiMe. Rivista dell’Istituto di Storia dell’Europa Mediterranea.