Periodici e Giornali digitalizzati Parte VII

14 Periodici e Giornali digitalizzati dalla Biblioteca Civica di Trieste Attilio Hortis, presenti anche su Internet Culturale e in Emeroteca Digitale Braidense

Quando ho iniziato a presentare la rassegna dei Periodici e Giornali digitalizzati non avrei pensato di arrivare alla settima puntata. Pensavo che i progetti realizzati fossero molti meno.

Tanto più che, come sa chi ha visitato le rassegne precedenti, a volte ho accorpato più di un progetto in un singolo articolo. Non c’è ombra di dubbio che molto resti da fare per disporre di una quantità di Periodici e Giornali digitalizzati che si avvicini alla completezza, ma il materiale disponibile è ormai molto.

Oggi presento un progetto realizzato dalla Biblioteca Civica di Trieste Attilio Hortis. Non è la prima volta che presento periodici e giornali friulani. Ne ho parlato qui: Periodici e giornali digitalizzati Parte IV. Nel caso della Attilio Hortis i Periodici e Giornali digitalizzati sono 14.

Riprendendo dalla presentazione su Internet Culturale,

La collezione è caratterizzata da testate locali, possedute in consistenza completa, in lingua italiana, slovena come Edinost e tedesca come Triester Zeitung e Triester Tagblatt. Costituisce l’importante testimonianza di una città che, dal periodo di dominazione asburgica (1382-1918), in cui forti erano le spinte irredentiste e le contrapposizioni tra le componenti italiana, austriaca e slovena, è passata al termine della prima guerra mondiale al Regno sabaudo.

Dopo il secondo conflitto mondiale e un breve periodo sotto il governo jugoslavo (1945) e poi sotto quello anglo-americano, Trieste è infine tornata definitivamente sotto l’amministrazione italiana il 26 ottobre 1954. Tutti questi momenti storici trovano un riscontro puntuale nei giornali pubblicati in città e sopratutto nelle due testate più importanti. 

Il Piccolo, il quotidiano di lingua italiana più letto della città ed ancora in corso di pubblicazione, fu fondato nel 1881 da Teodoro Mayer, fautore della politica liberal-nazionale. Nel corso degli anni il giornale documentò volta per volta i cambiamenti partitici del gruppo dirigente cittadino. 

L’Indipendente, quotidiano di lingua italiana fondato nel 1877 e pubblicato fino al marzo del 1923, era portavoce dell’irredentismo triestino di linea liberale progressista.

L’affiliazione del progetto a Internet Culturale risponde alla volontà di far conoscere il progetto a una cerchia di studiosi e curiosi che esca dall’ambito regionale. Si tratta di una scelta precisa e meditata da parte della Biblioteca Attilio Hortis. Infatti le questa non è l’unica affiliazione.

Come si legge sul sito della biblioteca,

con l’adesione all’Emeroteca Digitale della Biblioteca Nazionale Braidense si è voluto rendere più facilmente accessibili al pubblico i documenti digitalizzati inserendoli in una più ampia raccolta di periodici che ha l’obbiettivo di raccogliere fonti storiche e culturali d’interesse nazionale.

Non resta che andare a consultare questo bel malloppo di Periodici e Giornali digitalizzati dalla benemerita Attilio Hortis. Buona navigazione. Il progetto lo trovate qui: TRI.PE.DI. Trieste Periodici Digitali . Per Internet Culturale l’indirizzo a cui indirizzarsi è il seguente: http://www.internetculturale.it/it/41/collezioni-digitali/26301/

Periodici preunitari

Mi è capitato molte volte di segnalare progetti riguardanti la stampa periodica e vi ho dedicato parecchi post (Periodici e giornali digitalizzati Parte IPeriodici e giornali digitalizzati Parte IIPeriodici e giornali digitalizzati Parte IIIPeriodici e giornali digitalizzati Parte IVPeriodici e giornali digitalizzati Parte V).

Forse avrei potuto risparmiarmi qualche fatica nel rintracciare le testate. Internet Culturale ha infatti realizzato un progetto che riunisce

oltre sessanta testate, edite tra gli ultimi decenni del Settecento e i primi dell’Ottocento e presenti prevalentemente presso la Biblioteca nazionale centrale di Roma, la Biblioteca di storia moderna e contemporanea di Roma, la Biblioteca universitaria di Pisa.

La Biblioteca di Storia moderna e contemporanea di Roma ha realizzato un database con il quale elenca le oltre 30 testate digitalizzate provenienti e riguardanti diverse città e località della penisola, diversi periodi storici e diversi indirizzi culturali e politici: Biblioteca di Storia Moderna e Contemporanea di Roma – Periodici preunitari

Tuttavia gli sforzi fatti da me fino ad ora non sono stati vani. La ricerca delle testate su Internet Culturale non è agevole. D’altra parte, altri periodici sono reperibili anche nella Biblioteca digitale del Senato.

Non vi resta che andare a navigare tra biblioteche… che è sempre un bell’andare…

Periodici e opere abruzzesi

La prima parte di questo articolo potrebbe costituire una nuova puntata dei “Periodici e giornali digitalizzati”. Nella Emeroteca Digitale Italiana si trovano 8 periodici abruzzesi. Ma considerato che la loro provenienza è dispersa in diverse biblioteche a livello nazionale, ho deciso di accorparla in un unico articolo assieme ad un altro progetto.

I periodici in questione, tutti consultabili dalla Emeroteca Digitale Italiana selezionando la regione Abruzzo, ricoprono uno spazio temporale assai vasto: si va da Labor : rivista mensile abruzzese-molisana del commercio, dell’industria, della finanza e dell’agricoltura uscito nel 1912 a Dio e popolo: quindicinale mazziniano. Organo del Partito Nazionale la Giovine Italia pubblicato a partire dal 1913, al periodico di guerra Nelle trincee, edito a Chieti nel 1915; da La Maiella: settimanale abruzzese indipendente del 1923 a La rinascita d’Abruzzo: periodico settimanale del 1944; da La frusta di propaganda anarchica attivo quanto meno a partire dal 1946 a La voce della montagna: mensile dei partigiani di Abruzzo e Molise. Chiude la rassegna dei periodici La gazzetta d’Abruzzo e Molise : settimanale di informazioni.

Il mio amico Emanuele Catone, che segue questo blog e gentilmente mi segnala progetti che mi sfuggono, mi ha indicato un interessante progetto: Abruzzo in mostra. Portale di mostre virtuali abruzzesi, al cui interno si trovano, digitalizzati, consultabili e scaricabili una serie di opere riguardanti l’Abruzzo. All’interno della sezione Progetto OCR vi sono 25 opere tra le quali mi limito a segnalare la ponderosa Storia ecclesiastica e civile di Teramo in cinque volumi.

Buona navigazione e buona lettura.

Opuscoli dell’associazionismo toscano nei fondi della Biblioteca Nazionale di Firenze

Le Società di Mutuo Soccorso hanno avuto un percorso storiografico tortuoso. Quando ancora esistevano le “scuole” storiografiche la loro storia divideva gli studiosi. I marxisti vi hanno visto il tentativo delle classi dirigenti di tenere sotto controllo le prime forme associative del movimento operaio; la storiografia liberale, al contrario, vi ha rintracciato il senso di responsabilità delle élites verso le classi popolari guidandone la progressiva emancipazione; gli storici sensibili al pensiero mazziniano hanno ravvisato nel loro percorso un’applicazione pratica degli insegnamenti del Maestro; infine vi è chi le ha considerate come forma di proto o pre sindacalizzazione.

Negli ultimi anni l’interesse della storiografia per le Società di Mutuo Soccorso si è ravvivato. La ricostruzione storiografica del loro percorso ha mostrato realtà molto diverse. Se non mancano esempi di Società nate sotto il controllo dei liberali ed evolute successivamente in direzione repubblicana e infine socialista, in moltissimi altri casi questo percorso per così dire lineare non si è verificato – senza contare che, anche se piuttosto tardi rispetto alle prime, si deve considerare tutto il filone riconducibile al mondo cattolico.

Perciò  la

Collezione digitale, realizzata negli anni 1994-1996 frutto di una collaborazione tra la Biblioteca nazionale centrale di Firenze, il Dipartimento di storia dell’Università degli studi di Firenze e la Biblioteca Labronica di Livorno [risulta particolarmente interessante].
La parte bibliografica della banca dati riguarda gli opuscoli conservati nel fondo Pubblicazioni minori della Biblioteca nazionale centrale di Firenze nella classe S.1000 della classificazione a suo tempo operata da Desiderio Chilovi. Si tratta di oltre 1300 opuscoli, in massima parte documenti a carattere normativo prodotti da associazioni di categoria e società di mutuo soccorso, anche se vi si ritrovano in parte documenti di altre tipologie associative.
Un viaggio all’interno della formazione del mondo del lavoro variegato e stimolante: Opuscoli dell’associazionismo toscano nei fondi della Biblioteca Nazionale di Firenze.
Buona navigazione.