Giorno della memoria. Una rivista e un’enciclopedia

I Quaderni dell’ANEI e un’Enciclopedia sull’Olocausto perché un Giorno della memoria non basta

Ho molti dubbi sull’utilità di fissare per decreto ricorrenze sul genere del Giorno della memoria. Per qualche giorno veniamo inondati di film, servizi, interviste, cerimonie ecc. poi tutto torna come prima.

La storia contemporanea nelle scuole non viene fatta studiare e il risultato è sotto agli occhi di tutti. Stando a un sondaggio di questi giorni pare che nell’ultimo quindicennio sia aumentato in modo esponenziale il numero di quanti credono che i campi di sterminio non siano mai esistiti.

Tuttavia è evidente che qualcosa bisogna fare e può essere fatto. Come sempre, il materiale per informarsi e informare non manca. Anzi, navigando su internet le fonti sono numerose. (La questione del livello della loro affidabilità aprirebbe un problema che, sebbene importante, porterebbe via molto tempo e non rientra nell’ambito di questo articolo).

Emanuele Catone, che con gentilezza mi segnala progetti importanti mi ha indicato i Quaderni del centro di studi sulla deportazione e l’internamento  realizzati tra il 1964 e il 1995 dall’Associazione Nazionale Ex Internati nei lager nazisti (ANEI).

Si tratta di 13 volumi

di raccolta di testimonianze e documenti condotta con metodo interdisciplinare e che ha coinvolto oltre ai testimoni diretti, anche storici, sociologi, psicologi, giuristi, medici, collaboratori italiani e stranieri.

Per ampliare lo sguardo sul fenomeno qui mi limito a indicare un’altra opera particolarmente importante, l’Holocaust Encyclopedia disponibile sul sito dell’United States Holocaust Memorial Museum.

Un Giorno della Memoria non è sufficiente (e non lo è di certo nemmeno un blog come questo), quindi penso sia il caso di indicare progetti un poco per volta.

A ottant’anni dalle leggi razziali

«Se il fascismo è l’autobiografia della Nazione, l’indifferenza è la chiave di lettura per interpretarlo. […] È lo studio della storia l’antidoto alla barbarie, una disciplina molto speciale che ci insegna a non ricadere nell’errore».

Così Liliana Segre invita allo studio della storia proprio in un momento di grande difficoltà per gli storici. A ottant’anni dalle leggi razziali del regime fascista è opportuno fare il punto su quanto di affidabile e scientifico si può trovare sul web sull’argomento.

La rivista on line Giornale di Storia, dalla quale riprendo le parole della Segre, ha raccolto questo invito dedicando un numero monografico alle “leggi razziste antisemite dell’Italia fascista” con un’intervista alla stessa Liliana Segre, saggi di Simona Salustri e Tommaso Dell’Era. Giuseppe Lorentini e Claudio Brillanti si dedicano invece all’analisi storiografica. Se non altro perché tempo fa ho scritto un articolo sull’argomento (lo trovate qui: La repressione durante il ventennio. Un portale sui campi fascisti),  invito a leggere il saggio di Lorentini che fa chiarezza sui campi fascisti. Buona lettura: Giornale di Storia. N° 28/2018 – 1938-2018: A OTTANT’ANNI DALLE LEGGI RAZZISTE ANTISEMITE DELL’ITALIA FASCISTA

ISTORETO

Un’altra iniziativa interessante sulle leggi razziali è quella realizzata dall’Istituto Piemontese per la Storia della Resistenza e della Società Contemporanea “Aldo Agosti” con una pagina espressamente nella quale sono raccolti “materiali e strumenti sul tema delle Leggi razziali” ed espressamente indirizzata “alle scuole primarie e secondarie di primo grado”.

Vi si trovano sottosezioni dedicate a Documenti Storici, Materiali ISTORETO, Archivi Scolastici, Unità didattiche e Altre Risorse on line. Queste ultime sono numerose.

Anche la rivista on line  Storicamente. Laboratorio di storia, ha dedicato un  articolato progetto sul tema delle leggi razziali pensato appositamente ha realizzato un “Percorso didattico e iconografico” indirizzato agli “studenti delle scuole medie inferiori e superiori”, corredato da un’ottima bibliografia di approfondimento: Le Leggi razziali e le immagini della propaganda. Percorso didattico iconografico.

Tra le altre tengo a segnalare un’altra iniziativa. La Biblioteca Braidense ha focalizzato la propria attenzione sulla propaganda selezionando un buon numero di articoli pubblicati sul “Corriere della Sera”. Come si legge nella presentazione,

Sono articoli di cronaca, prime pagine, commenti, articoli di cultura e di costume, che insieme danno un quadro di come le leggi razziali sono state emanate, preparando il terreno perché diventassero un provvedimento urgente e necessario.

Un aspetto tutt’altro che secondario che potete approfondire qui: Cronaca di un anno. 1938.

Per il momento mi fermo qui. Le iniziative sono numerose e non mancheranno le occasioni per parlarne ancora. Buona navigazione.