Risorse on line per il ’68

Non molto tempo fa ho pubblicato un articolo su Il ’68 lungo la Via Emilia, un progetto molto ricco e articolato. Ma le fonti on line sul ’68 sono numerose. La Biblioteca Gino Bianco rende disponibile Lotta Continua il periodico dalla sua fondazione, nel 1969 fino al febbraio 1972 per complessivi 51 fascicoli settimanali.

Tra i più forti movimenti della Sinistra extra-parlamentare (nonché movimento di incubazione per tanti studiosi, giornalisti e uomini di cultura – una nebulosa che poi si è dispersa nelle più svariate direzioni), Lotta Continuna ha cominciato ad attrarre l’interesse degli storici e degli studiosi. Dobbiamo essere quindi grati alla Fondazione Erri De Luca per aver digitalizzato l’intera testata di Lotta Continua (Fondazione Erri De Luca).

Un altro progetto molto interessante è quello del Centro Studi Piero Gobetti di Torino col progetto Quarant’anni fa il Sessantotto che regala al lettore una cronologia dettagliata e affidabile degli avvenimenti, un Glossario, utilissimo per districarsi tra le varie sigle ecc. e una Bibliografia aggiornata e affidabile dal punto di vista storiografico: Quarant’anni fa il Sessantotto.

Ma è ancora una volta l’infaticabile staff della Biblioteca Gino Bianco ad arricchire ed ampliare il contesto e ad aprire diramazioni ulteriori. Lo fa proponendo Quaderni rossi, QuindiciQuaderni Piacentini, Prova Radicale, Argomenti Radicali, e Ombre Rosse: i link alle riviste sono nella home, sia nella colonna di destra, sia in fondo alla pagina.

Insomma, il Sessantotto resta ancora un fenomeno in gran parte da esplorare, indagare, studiare (e probabilmente, come sempre avviene nella storia, anche in parte da smitizzare). Intanto incominciamo a disporre di materiale dell’epoca per entrare nel cuore di quegli anni e di quel periodo irripetibile.

Infine, una bella raccolta di manifesti (che si spinge oltre al ’68) è consultabile alla pagina Il Sessantotto sul sito http://www.inventati.org.

Buona navigazione

Autore: lostoricodelladomenica

Nato a Faenza il 14 maggio 1971. Storico indipendente

Rispondi