Recensione: Un manicomio di Provincia. Il San Benedetto di Pesaro (1829-1918)

Questa storia del manicomio S. Benedetto di Pesaro di Giovannini si inserisce nel filone di un rinnovato interesse per le istituzioni manicomiali che si manifesta da circa un ventennio. Dopo una prima ondata di studi dovuta all’approvazione della legge 180 e proseguita per qualche anno, gli studi della storia dei manicomi e della psichiatria ha conosciuto un declino protrattosi fin verso il 2000.

Da allora, le opere si sono infoltite e oggi disponiamo di un buon numero di monografie sui manicomi di Ancona, Bologna, Colorno, Imola, Teramo, Torino, Verona, Voghera. In realtà questo di Giovannini è il rifacimento di una monografia pubblicata nell’ultimo numero di “note e riviste di psichiatria” del 1983.

Edizione riveduta, corretta e aggiornata più che opportuna perché consente di mettere a fuoco specificità regionali e locali importanti.

Gli inizi del manicomio pesarese non si discostano dalle dinamiche che si riscontrano altrove: tra la fine del ‘700 e i primi decenni dell’800 si apre un periodo di attenzione ai folli e alla loro condizione che conduce alla creazione dei manicomi quali luoghi di cura per una malattia che diventa finalmente curabile. L’A. documenta puntualmente l’influenza degli alienisti francesi sui medici operanti a Pesaro, Pinel ed Esquirol in primis.

Anche il luogo prescelto per ospitare il manicomio segue una soluzione diffusa in Italia: l’utilizzazione di ex conventi, una soluzione che stupisce gli osservatori stranieri i quali la ritengono inadeguata. Infatti, i limiti di questa scelta si manifestano immediatamente e vengono subito denunciati dal primo direttore Domenico Meli.

Si apre quindi immediatamente una lunghissima partita che vedrà da una parte i medici del manicomio nel richiedere ampliamenti, rifacimenti, sistemazione e, infine, l’erezione di un nuovo manicomio, e dall’altra, gli amministratori dello Stato Pontificio prima e della Deputazione Provinciale poi nel concedere soluzioni sempre parziali e insufficienti, giustificate per ragioni di economia.

Lungo tutta la narrazione l’A. segue e tratteggia lo svolgersi e le dinamiche di questo confronto/scontro che è anche il cozzare tra due poteri: quello medico e quello amministrativo. Quello medico, nello specifico, è quello psichiatrico, che rimarrà debole e soccombente per tutto il periodo trattato nel libro.

Il manicomio è piccolo, non consente di applicare le nosografie maturate a livello teorico separando le “forme” nelle quali la follia si manifesta; il personale paramedico è carente e spesso senza preparazione; il manicomio non dispone, se non molto tardi, di una colonia agricola; l’idroterapia non può essere praticata adeguatamente; il manicomio è malsano, impregnato di fetore, è freddo, a volte gelido: in più occasioni i ricoverati contraggono malattie e muoiono a causa di questa situazione.

Quasi tutti i direttori che si susseguono alla guida del San Benedetto credono profondamente nel manicomio non solo come luogo di cura della follia ma come struttura che, se ben organizzata e ben diretta, è di per sè uno strumento di cura: “Il manicomio – nota giustamente l’Autore – è visto come l’ambiente morale per eccellenza, da un lato di per sè terapeutico e dall’altro modello a cui avrebbe dovuto ispirarsi una seria politica statale di controllo sociale” (p. 103)

I direttori credono anche nella cura morale della follia, che si esprime nel lavoro degli alienati (“ergoterapia”, 180), nelle distrazioni, nei passeggi, nelle escursioni al di fuori del manicomio. Ma, come l’A documenta attraverso i ripetuti rapporti inviati agli amministratori, i direttori vedono le proprie aspettative sfumare continuamente e nonostante avesse finanziato per uno di loro, il Girolami, un viaggio di studio di un anno per visitare i manicomi europei: Intorno ad un viaggio scientifico ai manicomj delle principali nazioni di Europa, non soddisfano, se non in modo gravemente insufficiente e con molti ritardi, le loro aspettative e i loro reclami. Quasi tutti i direttori, prendono atto dell’ostracismo quasi inamovibile degli amministratori e se ne vanno.

Eppure i casi di follia aumentano: dai 36 rinchiusi del 1829 si passa ai 147 del 1851 e ai 250 del 1867 . Poi, dato che la provincia di Forlì sposta i suoi pazzi nel manicomio di Imola, il San Benedetto può respirare temporaneamente in quanto quelli provenienti dal riminese non vi entrano più. Ciò non toglie che ben presto il manicomio tornerà a congestionarsi. Arriverà a un massimo di 428 ricoveri nel 1905 quando il direttore riteneva che non si dovesse superare i 300 ricoveri.

Secondo i direttori il sovraffollamento era anche una conseguenza nefasta del passaggio dai Comuni alla Provincia nel mantenimento dei folli in manicomio. Ciò faceva sì che i Sindaci non si facessero troppi scrupoli nel far ricoverare persone in preda a crisi di vario genere ma non pazze e medici condotti, vuoi per negligenza, vuoi per imperizia, assecondassero questo stato di cose.

I tentativi di decongestionare il manicomio istituendo un patronato o restituendo i tranquilli alle loro famiglie fallirono perché non sostenuti a livello politico.

Sono le crisi economiche a far lievitare i ricoveri. L’A. registra puntualmente questa correlazione e, attraverso lo spoglio delle informazioni inviate dai medici condotti e delle cartelle cliniche, apre spaccati significativi e toccanti delle condizioni di vita dei ricoverati. Ricoverati che svolgono quasi tutti lavori manuali e nelle campagne. Sono per la maggior parte coloni, mezzadri impoveriti e i poverissimi braccianti, questi ultimi colpiti e falcidiati dalla pellagra.

Se gli psichiatri attribuiscono l’aumento della follia all’estendersi della “civilizzazione” (lo fanno Girolami, p. 83 e Michetti, p. 175) e se, nel caso di Girolami almeno, viene difesa la vita rurale e la struttura economico-sociale delle campagne perché risparmierebbe il Paese dai molti problemi dovuti all’industrializzazione (p. 120), la realtà in cui vivono, lavorano le classi popolari e i contadini è ben più cruda e pesante. L’A., lo dimostra con pagine molto chiare e molto efficaci (pp. 188 ss.gg.).

La pellagra e l’alcolismo ne sono una diretta conseguenza. Alla pellagra viene dedicato un intero capitolo, scansionato con i diversi gradi della malattia. Nonostante sulla pellagra si sia scritto molto l’A ha fatto bene ad illustrare con dovizia questa terribile malattia e le sue ricadute sociali. Anche in questa occasione lo stralcio di casi dalle informazioni dei medici restituiscono un quadro impressionante di quale prezzo il nostro Paese abbia dovuto pagare per diventare un paese moderno e, soprattutto di chi e come questo prezzo lo ha sostenuto e pagato.

In sostanza, sebbene credano nell’utilità del manicomio, i direttori devono prendere atto del suo fallimento. Non incontriamo, naturalmente, affermazioni nette in proposito, ma constatiamo invece – e l’A. le rileva – ammissioni parziali: si riconosce a più riprese che in manicomio i folli tendono a cronicizzare (pp. 86, 88, 182, 186); che il manicomio è diventato col tempo uno sfiatatoio, un decompressore “in cui smaltire gli scarti di una società in crisi” (p. 187) piuttosto che luogo di cura; che le nosografie che si sono imposte dopo l’unificazione con l’avvento del positivismo e dell’organicismo hanno adottato interpretazioni di comodo quali la “degenerazione”sotto cui nascondere casi di fronte ai quali la psichiatria era impotente (p. 143) e la tossicità del mais nel provocare la pellagra (per le idee di Girolami, p. 235; per quelle di Michetti, p. 252). Lombroso, il massimo esponente della tesi tossicozeista della pellagra, diresse il San Benedetto per pochi mesi, mentre un suo critico, Michetti, lo diresse per 32 anni.

La figura di Michetti è interessante perché nel pieno di massimo fulgore del positivismo e dell’organicismo è uno dei pochi psichiatri che restano critici su questo approccio, denunciandone gli scarsi risultati. Questa sua posizione e il dirigere un manicomio “di provincia” in condizioni tutt’altro che floride gli pregiudicano probabilmente sviluppi nella carriera, ma la sua dubbiosità nei riguardi dei metodi di indagine lombrosiani, la sua convinzione che la pellagra derivasse da una ipo-alimentazione e non da agenti tossici (p. 252) e la sua drammatica consapevolezza delle deficienze dell’istituto che dirigeva (anche se restava fermo nella convinzione dell’utilità del manicomio e nell’importanza della gerarchia al suo interno), ne fanno una figura singolare.

Alle novità che maturano altrove, il no-restraint e l’open door sono invece sensibili due direttori che per un periodo lavorano in coppia. Applicano queste innovazioni sostenendo di ottenere buoni risultati (183).

Sono soluzioni adottate anche perché sul versante strettamente medico-terapeutico i risultati erano nulli: coloro che si riprendevano lo facevano grazie ad una alimentazione migliore, non per le cure mediche: l’uso delle bagnature, dei setoni, dei tonici, dell’oppio e morfina, giovava poco o nulla alla guarigione.

Chiude il libro un saggio pubblicato precedentemente sui soldati ricoverati nel San Benedetto durante la prima guerra mondiale. I casi non sono molti (74) perché il manicomio era al di sotto della zona di guerra, ma tutti interessanti. Con la solita acribia dimostrata in tutta la ricerca, l’.A. apre un ventaglio di esempi che mostrano da un lato l’incapacità degli psichiatri di cogliere la natura della “follia di guerra”, mentre invece mirano alla sua medicalizzazione nel tentativo di separare la parte sana dell’esercito da quella malata; la vita di trincea come tremenda esperienza incubatrice di futuri disturbi psichici, e, ancora una volta, lo scarto brutale tra medico e paziente.

Questo libro ha molti meriti. È frutto di una ricerca laboriosa che ha attinto a molti archivi e fondi archivistici; è denso, ricco di informazioni e di spunti interpretativi, ma è scritto in uno stile scorrevole e piacevole. Infine, i manicomi sono stati chiusi e tali devono restare. Questo libro mostra bene perché.

Matteo Banzola

Autore: lostoricodelladomenica

Nato a Faenza il 14 maggio 1971. Storico indipendente

Rispondi