Recensione. Giorgio Cosmacini: Medicina e rivoluzione

Cosa ci ha lasciato la Rivoluzione francese in rapporto alla medicina e perché è opportuno riandare a quegli eventi? Risposte e spunti in uno dei libri migliori di uno dei massimi storici della medicina

Le rivoluzioni sono rare, rarissime, ma quando si verificano i loro effetti si propagano nello spazio e nel tempo e diventano acquisizioni definitive. È questo il caso della rivoluzione francese e della medicina rinnovata che da essa scaturì. Da quel vulcano che esplose nel 1789 le trasformazioni definitive che hanno plasmato l’età contemporanea sono molte. La medicina non fa eccezione: il sapere medico, la pratica, i luoghi in cui essa veniva appresa e praticata ne uscirono trasformati in modo definitivo.

In Medicina e rivoluzione Cosmacini ripercorre la storia di due soggetti molto spesso tenuti distinti: nelle moltissime storie della Rivoluzione francese rare volte la medicina trova lo spazio che merita e così pure nelle meno numerose storie della medicina la Rivoluzione francese appare raramente o quasi in sottofondo.

Cosmacini invece le intreccia e ne mostra l’evoluzione e i condizionamenti reciproci nelle sue tappe principali, ma naturalmente è una storia che si inscrive in un percorso più lungo, prima e dopo gli avvenimenti che prendono l’avvio nell’89.

C’è la lunga gestazione dell’Illuminismo che vede tra i suoi protagonisti non pochi medici – “medici-filosofi” – e c’è l’Impero napoleonico che suggella le conquiste avvenute. Se dal punto di vista politico la Rivoluzione sfocia in un regime che – almeno in Francia –  non è più rivoluzionario, in medicina le trasformazioni avvenute continuano e continueranno il loro corso.

Quella dei filosofi è una rivoluzione dall’alto. Quelle che oggi verrebbero definite classi dirigenti si ritrovano nei “salon” (del barone d’Holbach, più tardi di Mdme Helvethius e altri) a discutere e dibattere – non a caso i fratelli Goncourt diranno che la Rivoluzione francese è iniziata nei salotti (p. 47) – e che hanno nella Encyclopédie il loro manifesto programmatico.

Questa élite promuove progetti fondamentali: la riunione di medici e chirurghi fino ad allora separati, l’inchiesta sugli ospedali di Tenon e le proposte di Cabanis, il rinnovamento dell’insegnamento.

Pierre-Jean_Georges-Cabanis, medico e filosofo. Una delle menti più brillanti e profonde

Sono tensioni che si incontrano con la rivoluzione che scaturisce “dal basso” la quale promuove il “Nuveau plan de constitution de la médecine en France” di Furcroy, la ghigliottina, la “liberazione” dei folli di Pinel, le lotte contro la ciarlateneria di medici fasulli, gli albori della clinica.

Dopo aver abbandonato le vuote e inutili discussioni di tesi discusse in latino completamente staccate dalla realtà nell’Ancien Régime, i medici sono chiamati al letto del malato, nelle corsie d’ospedale; devono redigere il “tableaux”, l’antenato della cartella clinica: il sapere medico si rinnova con l’osservazione e l’analisi (per questi concetti, p. 286). La moltiplicazione delle osservazioni, debitamente annotate, forma una base più solida per il confronto e un archivio sempre aggiornato e rinnovabile (p. 272)

Questo incontro tra “alto” e “basso” genera quella che Cosmacini chiama l’instaurazione necessaria, vale a dire la stabilizzazione di quanto costruito o rinnovato fino a quel momento e che, a sua volta, si perfeziona: “da [quel] cambiamento strutturale e funzionale […] il procedere della medicina non potrà essere in alcun modo invertito” (p. 194).

Dopo aver resistito agli assedi degli stati sbigottiti e intimoriti da quella cosa “non mai più veduta nel mondo” che è la rivoluzione (ho citato il titolo di un bel libro di Guerci), essa si espande in Europa col genio militare di Napoleone. Impaurisce e affascina. In Italia, affascinato sarà “il medico giacobino” Giovanni Rasori che investe la medicina di un mandato politico e sociale.

Le guerre napoleoniche falcidiano un’intera generazione sui campi di battaglia di tutta Europa, ma se le guerre sono portatrici di morte e sofferenze future per il sopravvissuti rimasti feriti, fa compiere progressi notevoli alla chirurgia e allo studio e comprensione di malattie (le oftalmie e le diarree della campagna d’Egitto); fa nascere “l’ambulanza volante”, inventata da Larrey, per soccorrere tempestivamente i feriti sul campo che altro non è se la progenitrice del futuro pronto soccorso (pp. 240 e 246).

Al centro della medicina rivoluzionata c’è l’uomo: che sia paziente di ospedale, soldato ferito, folle o donna partoriente. È a loro che sono indirizzati gli sforzi di questi medici: i “chirurghi di Napoleone” sono temuti per la loro brutalità, ma il loro operare e amputare senza esitazioni salva vite, sebbene menomate (p. 301); Pinel, il fondatore della psichiatria moderna, “libera i folli” da ceppi e catene e sebbene quella liberazione sfoci in una struttura che prenderà aspetti aberranti – il manicomio – la spinta iniziale è quella, umanissima, di curare la follia e di riconoscere nel folle la persona; perfino la ghigliottina nasce come strumento “egualitario”  e progressista che nell’esecuzione riduce al minimo il dolore; le vaccinazioni cominceranno a dare i loro frutti.

Sono percorsi tortuosi e difficili. Se la spinta della rivoluzione facilita il rinnovamento gli ostacoli non mancano e la forza d’inerzia della tradizione e del passato restano: lo stetoscopio di Laennec, ad esempio, tarda ad essere riconosciuto come strumento utile da medici che nello strumento vedono uno svilirsi del loro colpo d’occhio e della loro abilità (p. 321). Ma nel complesso nessuna “Restaurazione” successiva potrà riportare le lancette della storia all’Ancien Régime.

Laennec e lo stetoscopio
Francia e Italia: un confronto

L’ultima delle quattro parti che compongono il libro ha per titolo “duecento anni dopo” ed è un confronto tra quanto la rivoluzione ha prodotto e quanto è stato realizzato in Italia dalla Repubblica nata dalla Resistenza. È un confronto impietoso. Cosmacini è storico troppo colto e attento per non sapere che la Resistenza non fu una rivoluzione, ma in un certo senso è costretto a prendere questa pietra di paragone perché è l’unico evento di rottura reale col passato che il nostro Paese ha conosciuto dall’unificazione in poi.

Che la profondità dei due eventi non sia paragonabile emerge proprio dalle tante continuità che in Italia persistono e che indeboliscono, svuotano dall’interno e comunque fiaccano le spinte innovative che pure i membri della Costituente avevano recepito e immesso nell’articolo 32 della Costituzione e che la riforma sanitaria si era incaricata di porre in essere. Nel corso della lettura del libro il lettore non può non rimanere colpito dai metodi di cooptazione nelle cattedre, negli ospedali, tra i medici militari e nelle cliniche: il maestro chiama il suo allievo prediletto e lo innalza, ma lo fa sulla base del merito acquisito col lavoro, lo promuove usando criteri che derivano dalle sue capacità e dedizione al lavoro, non in base a criteri estranei alla disciplina come continua ad accadere da noi; Pinel instaura col malato di mente un rapporto che ha nel dialogo e nel confronto uno dei suoi elementi fondanti, da noi il rapporto tra medico e paziente resta paternalistico, distante; in Francia le vecchie facoltà che conservano un sapere ormai inutile vengono accantonate e sostituite, le nostre università restano impenetrabili, gelosissime dei loro privilegi e impermeabili ai mutamenti della società. Sono pagine che non solo possono essere prese come valido sunto storico, ma che dovrebbero essere lette e meditate a fondo.

Giorgio Cosmacini è uno studioso prolifico. Tra i suoi libri che ho letto questo è a mio parere il più bello e il più “necessario”. Medicina e rivoluzione è un libro splendido sia per come l’A. riesce ad intrecciare gli avvenimenti politici e sociali con l’oggetto protagonista del libro mantenendo viva e costante la curiosità del lettore, ma per gli innumerevoli spunti che dissemina lungo tutto il testo. tra questi, il suggerimento che anima l’intero libro: dalla Rivoluzione francese è nata una “medicina della persona”; oggi che il sapere tecnico-scientifico ha cancellato questa centralità, a conti fatti è tempo di tornarvi.

Autore: lostoricodelladomenica

Nato a Faenza il 14 maggio 1971. Storico indipendente

Rispondi