Periodici e Giornali digitalizzati Parte VIII

Periodici e Giornali digitalizzati dalla emeroteca della Biblioteca Labronica di Livorno e dalle Emeroteca Tucci di Napoli

Livorno

Su indicazione di un “follower” della pagina facebook del blog apro questa ottava puntata dei Periodici e Giornali digitalizzati con l’Emeroteca Digitale di Livorno.

Navigando su internet non ho trovato presentazioni del progetto, ma solamente la pagina che mi è stata gentilmente indicata. In ogni caso, dal momento che ciò che conta è la sostanza, il numero dei Periodici e Giornali digitalizzati si accresce.

Sono 7 i Giornali digitalizzati: Corriere del Tirreno, Gazzetta Livornese, Indicatore Commerciale, L’indicatore Livornese, Il Telegrafo, Telegrafo della Sera, La Voce del Cantiere.

In particolare si segnalano Il Telegrafo, disponibile dal 1910 al 1973; il Corriere del Tirreno, disponibile dal 1926 al 1944; la Gazzetta Livornese, disponibile dal 1875 al 1929.

La consultazione non è delle più agevoli. Una volta aperto questo link: http://periodici.comune.livorno.it/TecaRicerca/index.jsp?fbclid=IwAR2q6ZA9C7gAlcJwtyZ4ReD2SVbrFCm4qlOPWec-mwOg_QUxYBkQ-kEbN4A, si deve cliccare su “cerca” senza indicare nessun parola chiave. Nella nuova pagina si deve cliccare sulla lente del giornale che vogliamo consultare. Per scegliere l’annata e il numero si clicca su “visualizza volumi” e, sul menu a tendina che si apre sulla sinistra, cliccare sul triangolino bianco.

Emeroteca Tucci

Appena entrato all’Emeroteca Tucci di Napoli rimasi a bocca aperta. Situata all’interno del Palazzo delle Poste, è un luogo semplicemente stupendo. L’Emeroteca Tucci è una delle più fornite d’Italia. Riprendendo dalla presentazione del sito:

La “Tucci” è prevalentemente emeroteca considerato che i libri della sua biblioteca sono soltanto 45mila (architettura, arte, cinema, comunicazione, diritto, ebraismo, fascismo, infanzia, letteratura, nazismo, scienze, sport, storia e teatro) rispetto ai 300 mila volumi in cui sono raccolte le sue novemila e cinquecento collezioni di quotidiani, riviste, annuari, almanacchi e strenne italiani e stranieri (austriaci cubani, francesi, inglesi, neozelandesi, polacchi, portoghesi, russi, scandinavi, spagnoli, svizzeri, statunitensi, sudamericani, svedesi, tedeschi e vietnamiti. I periodici coprono un arco di cinque secoli.

Dei quasi diecimila titoli, più di duemila non sono posseduti da alcun’altra biblioteca della Campania e circa duecento mancano alle biblioteche pubbliche italiane e straniere.

Un patrimonio sterminato che la “Tucci” ha iniziato a valorizzare anche con la digitalizzazione. Attualmente i Periodici e Giornali digitalizzati sono una minuscola parte.

Sono 9  le testate disponibili: (L’)Amico delle scuole elementari, (L’)Arlecchino, (L’)Ateneo, (La) Carità, A Domenica, Foglio settimanale di Scienze Lettere e Arti, Giornale per l’abolizione della pena di morte, (Il) Progresso, (Il) Tesoro della religione), (Il) Viaggiatore.

Nella quarta parte di questa rassegna Periodici e giornali digitalizzati Parte IV ho segnalato alcune giornali e periodici napoletani e campani possedute e digitalizzati da altre biblioteche che possono essere affiancati a quelli della Tucci.

C’è solo da augurarsi che la Tucci riceva il sostegno necessario per digitalizzare il proprio immenso e prezioso patrimonio. Per il momento gustiamoci questo assaggio: Emeroteca Tucci

Autore: lostoricodelladomenica

Nato a Faenza il 14 maggio 1971. Storico indipendente

Rispondi