I giornali del Piemonte. 189 testate digitalizzate

Uno splendido progetto della regione Piemonte che rende disponibili 189 giornali digitalizzati

La Regione Piemonte ha accorpato i molti progetti di singoli archivi, biblioteche e vari enti in un unico collettore che rende disponibili 189 testate digitalizzate.

Si tratta di giornali pubblicati dal 1846 in poi e risponde alla opportunità di valorizzare un patrimonio prezioso per la storia del territorio. Le testate locali costituiscono un bene di grande interesse dal punto di vista sociale, economico, culturale e storiografico. Le informazioni quotidiane sono un elemento di straordinaria importanza per conoscere cosa succede nel presente, ma sapere anche cosa è accaduto in passato è altrettanto significativo per ricostruire i frammenti della nostra identità.

Districarsi tra un numero così ampio di giornali può sembrare a prima vista estremamente complicato. In realtà il portale I giornali del Piemonte è organizzato ottimamente. Esso si divide in esplora l’archivio, elenco giornali e pubblicazioni tematiche.

A ogni raggruppamento principale rispondono sotto-sezioni (anno di fondazione, in attività, provincia per quanto riguarda la voce elenco giornali; pubblica amministrazione, sport, cinema, per le pubblicazioni tematiche).

Studiosi, studenti, ricercatori, professionisti, giornalisti e semplici curiosi non possono che essere grati per questo I giornali del Piemonte, un servizio che facilita enormemente la ricerca storica e non solo: I giornali del Piemonte.


Recensione. Attilio Brilli. Quando viaggiare era un’arte.

160 pagine di puro piacere e divertimento sul Grand Tour

Cosa si intende per arte del viaggiare? In che senso viaggiare era un’arte? Dalla fine del XVII alla metà del XIX secolo – questa la periodizzazione scelta e studiata da Brilli – rampolli delle famiglie più blasonate o ricche dell’aristocrazia europea compivano lunghi viaggi attraverso l’Europa: il Grand Tour, come veniva (e sarebbe poi stato) chiamato.

Quei giovani – maschi – erano destinati a carriere brillanti, soprattutto quella diplomatica: acquisire una cultura vasta più che profonda, essere in grado di ben figurare nel bel mondo destreggiandosi con sicurezza nelle conversazioni sui più svariati argomenti – dall’economia alle scienze naturali, dalle abitudini dei popoli all’arte – e non di meno acquisire una conoscenza dell’animo umano erano requisiti indispensabili per gli impegni che un giorno avrebbero assunto.

Di qui l’importanza di un lungo viaggio per maturare esperienze, imparare lingue straniere e prepararsi convenientemente agli incarichi futuri. Una cultura “enciclopedica” insomma, alla quale successivamente si affiancherà una maggiore attenzione e sensibilità alle questioni culturali, artistiche e storiche dei paesi visitati – opportunamente sorvegliati, sia pure con una certa elasticità, da tutori abili nel combinare rispetto, obbedienza e liberalità.

Dalla Gran Bretagna, dunque, attraversare la manica (sperando che le acque della Manica non siano in tempesta); dal nord della Francia puntare diritto alla volta di Parigi, calamita irresistibile; dirigersi a sud facendo tappa nelle città minori e decidere se entrare in Italia via mare, alla volta di Genova o scavalcare le Alpi e scendere verso Torino. Vi è anche un altro tragitto che passa dall’Olanda, attraversa la Germania per poi scendere in Italia verso Milano.

Ma la Germania ha le strade più brutte e difficilmente percorribili: il viaggio si trasforma in un penoso calvario. La maggior parte dei viaggiatori arriva in Italia da Genova o attraversando le Alpi.

Non che le condizioni della viabilità siano ottimali. Scavalcare le Alpi è impresa vera e propria. Brilli riporta stralci di annotazioni di viaggiatori terrorizzati dopo essere stati installati su rudimentali portantine e portati giù da robusti e agili montanari capaci di correre lungo stretti sentieri ghiacciati che costeggiano inquietanti burroni.

Strade, carrozze e intemperie

Le strade sono croce e delizia del viaggiatore. Delizia perché alimentano il senso e lo spirito di avventura dei giovani; ma si rivelano molto più croce. Spesso sconnesse, a volte impraticabili a causa del maltempo, in alcune zone infestate dai briganti (do cui poi spesso si favoleggia mentre si chiacchiera cenando con altri commensali, o ci si rilassa nel dopocena fumando un sigaro e chiacchierando ancora in cucina, vero cuore delle locande). Perciò occorrono carrozze resistenti e dotate di “segrete” al suo interno in cui nascondere cose di valore. In Inghilterra, spiega l’A., ci sono artigiani specializzati in grado di proporne una vasta gamma. I più ricchi, infatti compiono il Grand Tour con al seguito camerieri, cuoco, pittore e perfino cani, e sono molti a portare con sé stoviglie e spezie altrimenti introvabili. Devono innanzi tutto essere facilmente smontabili e rimontabili: impossibile utilizzarle negli stretti e ripidissimi sentieri alpini o appenninici, ma anche nei rari ponti in legno, talmente malconci e pericolanti da rendere di gran lunga preferibile utilizzare chiatte per guadare i fiumi. Ma devono anche essere spaziose e lo spazio ben organizzato per fissare bauli, valigie, ceste ecc. Brilli le descrive minuziosamente, inoltrandoci in un mondo di artigiani che per perizia e ingegnosità confinavano con l’artista (lo stesso discorso vale per il necessaire dei viaggiatori).

 

Le carrozze si trovano anche in loco, a noleggio ed è una valida alternativa adottata ma molti, ma moltissimi sono coloro che si affidano ai servizi di quei veri e propri microcosmi delle stazioni di posta. Se lo status sociale, segnalato dall’imponenza e bellezza della carrozza stessa e dal seguito, decade, l’avventura del viaggio si vivacizza di nuove conoscenze con viaggiatori di ogni rango: ricco e povero, saggio e ciarlatano, vecchio e giovane, taciturno e loquace si mescolano – viaggiare con le carrozze di posta significa democratizzare il percorso.

Date le condizioni delle vie di comunicazione, durante il Grand Tour si passa moltissimo tempo in strada – le carrozze molto raramente sorpassavano i 20 km all’ora. Occorre attrezzarsi anche per quanto riguarda l’abbigliamento. Vestiti semplici, comodi e dimessi per non dare eccessivamente nell’occhio: alle donne si raccomanda di non indossare orecchini, collane e anelli. Scialle e mantelli, da utilizzare come coperta, cuscino, tovaglia ecc.; calzature comode e calde. Per i vestiti “buoni” ci sarà tempo nelle città.

Le stazioni di posta

Le stazioni di posta sono un piccolo mondo brulicante: accattoni che chiedono la carità, contadini che vendono masserizie, chi si propone per qualunque servizio, ci si riposa, si mangia, si prenota una camera per la notte, si cambia valuta. Serve qualcuno che sappia destreggiarsi in questo microcosmo che oscilla tra la legalità e l’illecito. Ci si affida al vetturino per le più svariate incombenze. Nel mosaico di Stati che compone l’Italia del tempo, rinnovare passaporti e cambiare valuta sono faccende noiose che portano via tempo. Con buone mance, un vetturino sveglio sbriga il tutto, occupandosi anche del cambio dei cavalli e di vitto e alloggio. Era un buon compromesso per il viaggiatore, soprattutto se si aveva modo di evitare le quarantene quando si proveniva da zone infestate da una qualche epidemia.

Alloggiare

“Ultimo che arriva male alloggia” avverte l’adagio popolare, e capitava spesso a viaggiatori fuori orario a causa di un contrattempo (carrozze che si rompevano o rovesciavano erano frequenti). Se spesso, soprattutto nelle cittadine di provincia, i viaggiatori che disponevano di relazioni consolidate o buone presentazioni venivano ospitate da nobili del luogo o in conventi; gli altri si affidavano ad alberghi e locande.

Brilli traccia, disseminandola lungo la narrazione, una succinta ma succosa storia dei cambiamenti avvenuti nell’ambito della ristorazione. Lungo i percorsi più battuti a poco a poco le locande si trasformano in alberghi, talvolta di qualità non inferiore a quelli di città. In quelli secondari invece, tocca accontentarsi e può capitare di dormire in camere quasi spoglie di mobilio, in letti infestati da insetti e pulci e, addirittura, in stalle con tanto di animali e fieno per coprirsi.

In città le cose cambiano e si può alloggiare dignitosamente in modesti appartamenti o in piccoli alberghi, mentre quelli più grandi e costosi assicurano anche la compagnia di ragazze compiacenti.

Da questo ultimo punto di vista la fama di Venezia è ineguagliabile, ma ogni città ha la propria caratteristica: Napoli è festosa, brulicante di vita, di venditori di ogni genere, in bilico tra il paradiso del clima e del paesaggio e l’inferno della miseria in cui vive gran parte dei suoi abitanti. Milano guarda più all’Europa che al resto della penisola; Firenze incanta per i suoi trascorsi medievali e rinascimentali; Torino appare rigida e severa. A Roma non si può perdere il carnevale – come a Venezia -. Ma Roma è anche la città della cultura classica per eccellenza, ed è anche la città del Papa. Gli amanti dell’arte non possono fare a meno di descriverla o ritrarla. Ma le rovine romane, che tanto affascinano i viaggiatori, diventano anche la dimostrazione tangibile del degrado e della decadenza attuali dell’Italia, capace un tempo di raggiungere vette ineguagliate di splendore e potere e oggi ripiegatasi su un presente di povertà.

C’è questo e molto altro in questo Quando viaggiare era un’arte di Attilio Brilli (che può essere integrato con il suo Il viaggio nella capitale. Torino, Firenze e Roma dopo l’Unità), raccontato con uno stile colto ma capace di affascinare il lettore e accompagnarlo in questo Grand Tour che oggi – in tempi in cui siamo in grado di spostarci velocissimamente – è destinato a rivivere solo sulla carta. Una lettura piacevolissima, supportata da una dettagliata bibliografia.


Recensione. Silvano Montaldo. Donne delinquenti.

Un libro ricchissimo che ripercorre la genesi e la storia della criminologia con particolare attenzione alle donne delinquenti.

Una precisazione va fatta subito a proposito del libro di Montaldo. Il titolo è riduttivo: c’è molto di più delle donne delinquenti in questo libro. Un’opera che offre una documentazione ricchissima su molti temi.

Ma veniamo al punto. Come mai a un certo punto della storia un fenomeno sociale diventa un problema? Perché con il XIX secolo medici, giuristi, uomini delle istituzioni, “psichiatri” (che per un trentennio almeno non si chiamavano ancora così), frenologi, “sociologi” (anche questa una professione nata nell’800), studiosi di statistica, benefattori/trici e altri ancora cominciarono a occuparsi sempre più – e con apprensione crescente – della delinquenza femminile?

“Psichiatria”, manicomi, medicalizzazione della delinquenza son prodotti della “duplice rivoluzione” che ha plasmato il mondo contemporaneo: Rivoluzione industriale e Rivoluzione francese, vale a dire l’ascesa, inarrestabile fino ad oggi, della borghesia. E con essa, dei suoi valori, delle sue conquiste e dai suoi pregiudizi.

Vi è una probabilità molto alta che, almeno in certe sfere della società, in coincidenza con l’evolversi degli effetti la Rivoluzione industriale e a partire dall’ascesa di Napoleone, la condizione delle donne conobbe un peggioramento sostanziale rispetto al secolo precedente. (Se non altro, nella misura in cui i romanzi fanno riferimento alla società, la protagonista delle “Relazioni pericolose” di Coderlos de Laclos è una donna che dispone di un patrimonio, che si sceglie gli amanti, che dispone come vuole della propria libertà).

Fare la guerra – il “motore” della politica napoleonica – significa poter disporre di soldati; per disporre di soldati occorrono famiglie; favorire la moltiplicazione della famiglia in funzione della prolificità vuol dire limitare la libertà dei singoli e delle donne in particolare. Fare la guerra significa produrre armi, vestiario, scorte, strade. Potere politico e potere economico si saldano progressivamente – in alcune congiunture, non in tutte ovviamente – a scapito delle donne.

Il loro spazio sociale si restringe con l’inoltrarsi del secolo fino alla reclusione tra le mura domestiche o poco oltre. A convergere in questa direzione sono gli stessi protagonisti indicati sopra (medici, amministratori ecc.) i quali finiscono con l’affermare e con la stabilire una condizione di inferiorità della donna rispetto all’uomo che passa attraverso la diversità tra i due sessi che ne accentuano debolezze fisiche e mentali (impressionabilità, eccitabilità, “isteria”) e “vocazioni”. La “naturale” vocazione alla procreazione diventava anche “naturale” inferiorità fisica, psicologica e mentale. Eppure le statistiche – sempre più raffinate e affidabili – dimostravano che la tendenza delle donne a delinquere era di molto inferiore a quella dell’uomo. Il punto era lo stabilire il perché.

Per un senso del pudore molto più marcato delle donne rispetto all’uomo? Perché naturalmente meno votate alla delinquenza? O semplicemente perché disponendo di minore libertà rispetto agli uomini avevano minori possibilità di delinquere?

La questione venne complicandosi con l’emergere della “questione sociale”, una definizione nebulosa che stava ad indicare questione del lavoro, del pauperismo, delle condizioni igieniche ecc. che riguardava il nascente proletariato e il sottoproletariato. Si complicava soprattutto in rapporto a come le donne disponevano del proprio corpo e della propria sessualità. Gli studi sulla prostituzione si moltiplicarono vorticosamente in tutti i paesi. Man mano che la Rivoluzione industriale svelava sempre più la povertà dei lavoratori e li prese a considerare “classi pericolose”, il confine tra prostituzione e reato si assottigliarono. La psichiatria entrò nel dibattito e lo influenzò profondamente: se la missione “vera”, “naturale” della donna era la maternità la prostituzione diventava un fenomeno destabilizzante dal punto di vista sociale. Forse ineliminabile e ritenuta da alcuni osservatori – naturalmente maschi – indispensabile allo sfogo sessuale maschile, i teorici della “degenerazione” (con la quale venivano spiegate molte patologie mentali) avvertivano però che donne sciagurate come le prostitute non potevano che generare figliolanze altrettanto degenerate e che, in una sorta di caduta rovinosa nel vizio, le donne una volta superata la barriera della prostituzione poi potevano diventare delinquenti molto più pericolose – e non di rado raffinate – degli uomini.

Non si trattò affatto di un coro di voci univoco. Alcuni medici intuirono esattamente il nesso stringente tra povertà e prostituzione, anche quando le donne lavoravano. Studi molto precisi sulla prostituzione a Parigi, per esempio, dimostrava che una buona parte delle prostitute erano ragazze inurbate da poco tempo che si prostituivano saltuariamente per pagare debiti e fronteggiare altre necessità temporanee; un altro studio relativo a New York segnalava che a prostituirsi erano prevalentemente le immigrate dall’Europa, soprattutto tedesche e irlandesi. Alcuni osservatori denunciarono lo sfruttamento e i salari irrisori che condannavano le donne a prostituirsi con la condanna sociale definitiva che le colpiva e discriminava in quanto bollate come prostitute.

Questi percorsi – istituzionali, sociali, politici, medici – procedono e si intrecciano per gradi. Uno degli snodi cruciali, ottimamente delineato e discusso dall’A., fu il passaggio dal medico-filosofo allo scienziato, con la conseguente affermazione dell’organicismo nelle sue varie sfaccettature. Individuare i segni fisici dei folli, dei folli criminali e delle donne delinquenti con metodi scientifici in modo da poter prevenire il crimine o, almeno, riconoscerlo immediatamente divenne un’ossessione per molti medici e psichiatri.

La padronanza delle fonti – primarie e secondarie – dell’A. sui molti aspetti della materia è ammirevole; Montaldo si muove con sicurezza riuscendo a tenere assieme i molti fili che si dipanano dalla “diaspora” delle materie che si dipanano dal problema centrale.

L’esito e la massima espressione della criminalizzazione della prostituzione avviene con l’opera di Cesare Lombroso, al quale Montaldo dedica gli ultimi quattro capitoli del libro. Lombroso ha avuto molti biografi e storici di vaglia si sono occupati della sua opera (Bulferetti, Villa, Frigessi, Giacanelli tra i più noti). Montaldo, tra l’altro direttore scientifico del Museo Cesare Lombroso, ha tutte le carte in regola per approfondirne la figura e l’opera, che arricchisce con documentazione archivistica non solo italiana.

Montaldo ne ricostruisce l’ascesa, l’affermazione e il declino intrecciando il tragitto dello studioso veronese con le vicende culturali e scientifiche del periodo. E fa bene a sottolineare più volte che molte delle sue idee non erano frutto di sue elaborazioni originali, ma circolavano già e da tempo. Non a caso la parabola del prestigio di Lombroso in ambito scientifico internazionale declinò piuttosto velocemente quando in un paio di congressi di antropologia tenutisi alla fine degli anni ’80 le sue tesi furono demolite sistematicamente. (Va detto, e l’A. spesso lo rileva, che accanto ad ammiratori Lombroso ebbe anche osservatori quanto meno dubbiosi della scientificità della sua opera).

“La donna delinquente”, pubblicato nel 1897 e scritto a quattro mani con Guglielmo Ferrero rispecchiò il tentativo dello scienziato veronese di “risorgere” (il capitolo 5 ha appunto questo titolo). Qui la correlazione tra prostituzione e delinquenza divenne simbiosi: la prostituzione era il modo delle donne per delinquere (agli uomini, sebbene compartecipi, non veniva imputata alcuna colpa). Tuttavia il volume non presentava novità concettuali. Venivano riprese e applicate alle donne le vecchie teorie del “delinquente nato” che, nella versione femminile diveniva “prostituta nata”, riproponendo alla fin fine le sue idee dell’atavismo come tara originaria.

Così come la psichiatria italiana si era formata in ritardo (in Italia le prime due riviste importanti apparvero vent’anni e trent’anni dopo che in Francia) a causa certamente di un ritardo dovuto anche alla unificazione tardiva del Paese, le idee lombrosiane trovavano terreno fertile in un paese ancora per molti aspetti arretrato, patriarcale, paternalistico e misogino. Si può dire che l’apice di questa involuzione si sia avuta col fascismo, ma molto resta ancora da fare per superare pregiudizi, soprattutto da parte degli uomini.

Un ottimo libro da leggere per capire questioni ancora aperte e di strettissima attualità.