Lectio Magistralis

Youtube, Vimeo e altri social consentono ormai di recuperare moltissimo di quanto viene prodotto. Molti sono ormai gli istituti che si sono aperti all’uso delle nuove tecnologie e hanno aperto canali appositi. Sono servizi di una comodità meravigliosa: poter essere “presenti” ad eventi importanti e interessanti, poterli condividere e diffonderli. Si parla molto male del web (e spesso a ragione), ma queste Lectio Magistralis ne sono una evidente smentita. C’è del buono su internet. Il problema, caso mai, è la sproporzione. Ma è comunque molto.

Qui troverete video di Lectio Magistralis, convegni, interviste ecc. Sarà anche un modo per capire i miei gusti e le mie preferenze (le “scuole” storiografiche oramai si sono dissolte).

Inizio rinviando a una lezione del prof. Adriano Prosperi, non un contemporaneista, ma uno dei più grandi storici italiani. C’è veramente molto da imparare.

1.

Scoperte che non cambiano la vita

2

Carlo ginzburg: i benandanti

Forse non è saggio calare subito le carte migliori. Ma come si fa a non pubblicare questa Lectio Magistralis di un altro maestro della nostra storiografia quale è Carlo Ginzuburg? Anche in questo caso veniamo inondati da una miriade di spunti, di considerazioni stimolanti e di sapere. Buona visione.Carlo Ginzburg, I benandanti, cinquant’anni dopo – 10 maggio 2017

 

3

Eric Hobsbawm ricorda Antonio Gramsci

Un breve intervento di quello che a mio parere è stato il più grande storico del Novecento. Da ascoltare bene il passaggio in cui Hobsbawm riesce a dare voce a coloro che si sentono “oppressi dal centro”.

4

Antonio Gibelli: La grande cesura

A mio parere Antonio Gibelli è uno degli storici più innovativi. In opere fondamentali ha aperto nuovi filoni di ricerca. In questa conferenza illustra in modo magistrale come e perché la Grande Guerra segnò la fine del “lungo Ottocento” nato dalla Rivoluzione francese e dalla Rivoluzione industriale e diede inizio a quello che è stato definito da Hobsbawm il “secolo breve”. Buona visione:

5

Adriano Prosperi: alle Origini del mondo attuale: incontri e scontri di culture nell’Eta’ della “Prima globalizzazione”

Abbiamo bisogno di questa intelligenza, di questa cultura e di questa umiltà come l’acqua e come il pane…

6

la rivoluzione russa del 1917

In questa conferenza, tenuta con uno stile frizzante e accattivante, Angelo D’Orsi chiarisce molto bene un punto: la rivoluzione russa NON fu un colpo di stato. Buona visione.

7

Luigi Mascilli Migliorini: 1789. La Rivoluzione Francese

Una conferenza di Luigi Mascilli Migliorini, uno dei massimi studiosi della Rivoluzione che, in un appuntamento pensato e proposto per il grande pubblico, illustra come e perché la rivoluzione dell’89 è ancora da considerarsi la madre della nostra epoca.

8

John Foot: La “Repubblica dei matti”

Qualche tempo fa ho recensito questo ottimo libro di un profondo conoscitore della nostra storia e amante del nostro Paese, incentrato su un periodo certamente irripetibile e su un personaggio che ha compiuto una piccola/grande rivoluzione (ma i personaggi di grande levatura che si incontrano nel testo sono molti), Franco Basaglia. Nella recensione (La Repubblica dei matti. Franco Basaglia e la Psichiatria radicale in Italia (1961-1978) ) ho detto le mie impressioni. Ora lascio la parola all’autore. Ha più cose da dire di me:

9

Carlo Ginzuburg: Vero Falso finto

In tempi di fake news imperanti cosa c’è di meglio di una conferenza di una delle menti più originali e brillanti della nostra cultura? Certo, il tema può essere affrontato in molti modi, ma il dialogo tra Gnoli e Ginzburg è estremamente intelligente e illuminante. Buona visione.

10

Qualche tempo fa ho detto la mia su uno dei libri di storia più belli e usciti recentemente negli ultimi anni – il libro di Adriano Prosperi: Un volgo disperso. Contadini d’Italia nell’Ottocento. In questo video è lo stesso autore a presentarlo. L’audio non è ottimale, ma vale la pena ascoltarlo. Buona visione.

11

Massimo montanari

Il cibo nei secoli. la storia in cucina

Un ciclo di lezioni trasmesse da Radio 2 di Massimo Montanari interamente dedicato alla cucina. Dalle origini dell’uomo ai modelli alimentari romani, germanici e cristiani. Montanari è uno dei più grandi studiosi della storia dell’alimentazione in Italia e non solo. In queste lezioni racconta e spiega gli aspetti sociali, politici e religiosi che hanno determinato le nostre abitudini alimentari. La cucina medievale europea, la cucina rinascimentale e la cucina francese del ‘700. Un’attenzione particolare alle tradizioni culinarie italiane. La città e la campagna. Le buone maniere a tavola e l’introduzione dei nuovi ingredienti giunti dalle colonie. La rivoluzione industriale e l’arrivo del frigorifero. I sapori d’Italia e le diversità regionali.

12

Cesare De Seta

l’Italia nello specchio del Gran Tour

Dopo la recensione al libro di Attilio Brilli Il viaggio nella capitale. Torino, Firenze e Roma dopo l’Unità resto sul tema del viaggio ampliando lo sguardo con un approccio più ampio di cui ho già parlato in qualche articolo (Gran Tour e viaggiare in ItaliaViaggiare nei secoli passati coi fondi della Beic) e indicato un paio di siti e riviste che se ne occupano (Un ricchissimo sito sul tema del viaggioUna rivista sulla storia di viaggi e viaggiatori). Mi riferisco alla splendida conferenze del Prof. Cesare De Seta proprio sull’Italia nello specchio del Gran Tour. Prendetevi un’oretta, ne vale davvero la pena. Buona visione