Fondazione Einaudi: Biblioteca Digitale

La Fondazione Luigi Einaudi è una delle istituzioni culturali più prestigiose del nostro panorama culturale.

La Fondazione sorse nel 1964, con l’obiettivo di creare un’istituzione culturale capace di mettere a frutto, con la massima flessibilità operativa, un grande patrimonio culturale nell’ambito delle scienze socio-economiche. Gli interessi storici, economici e sociologici, che erano stati al centro della lunga operosità di Luigi Einaudi e che si riflettevano nella sua vasta biblioteca, nell’Italia di quegli anni erano ancora discipline minoritarie. Lo scopo della Fondazione non era però di mera conservazione del lascito culturale einaudiano, che anzi si voleva recuperare come risorsa attiva nello sforzo di favorire l’evoluzione e il rinnovamento degli studi economici, storico economici e sociali.

Al momento della sua costituzione, la Fondazione poté avvalersi del supporto finanziario dei suoi enti promotori: la Provincia e il Comune di Torino, la Cassa di Risparmio di Torino, l’Istituto Bancario San Paolo di Torino e della FIAT, unitamente alla Famiglia Einaudi. Fin dai suoi inizi, inoltre, la Fondazione ha potuto contare anche sul sostegno della Fondazione Enrico e Agostino Rocca e della Banca d’Italia.

[…].

Nei decenni di attività, la Fondazione Einaudi ha concretamente contribuito, con borse di studio e contributi di ricerca, alla formazione post-universitaria di oltre 650 giovani studiosi. Non meno della metà dei beneficiari dei contributi ha utilizzato le risorse della borsa di studio per avviare ricerche in università straniere, quali Cambridge e Oxford nel Regno Unito e Harvard, Princeton e Stanford negli Stati Uniti.

Ora mette a disposizione di studenti e ricercatori una parte del suo patrimonio culturale. Rende infatti disponibili la raccolta completa di La Riforma sociale. Rassegna di scienze sociali e politiche (1894-1935); tutte le annate di Rivista di Storia Economica (1936-1943).

Se queste sono riviste di pertinenza di specialisti o studenti che normalmente setacciano librerie dell’usato per compilare le tesi, la disponibilità di altre collane amplia il bacino di utenza al lettore colto come al curioso che voglia affidarsi a studi di qualità.

Infatti sono disponibili le annate I-XLVI (1967-2013) degli Annali della Fondazione Luigi Einaudi, le opere pubblicate nella collana Studi e tutte le opere della collana Scrittori italiani di politica, economia e storia. Sono testi particolarmente preziosi per gli storici: contengono atti di convegni, saggi che coprono tutti gli ambiti della storia non soltanto nostrana, monografie e curatele affidate a studiosi di grande valore. Inoltre vi sono altri testi disponibili, attualmente fuori collana: Collezioni digitalizzate.

La Fondazione Einaudi ci rende un grande servizio: molti dei saggi pubblicati nelle sue collezioni sono preziosi. Sarà un piacere metterli a frutto.

Autore: lostoricodelladomenica

Nato a Faenza il 14 maggio 1971. Storico indipendente

Rispondi