Risorse on line per il ’68

Non molto tempo fa ho pubblicato un articolo su Il ’68 lungo la Via Emilia, un progetto molto ricco e articolato. Ma le fonti on line sul ’68 sono numerose. La Biblioteca Gino Bianco rende disponibile Lotta Continua il periodico dalla sua fondazione, nel 1969 fino al febbraio 1972 per complessivi 51 fascicoli settimanali.

Tra i più forti movimenti della Sinistra extra-parlamentare (nonché movimento di incubazione per tanti studiosi, giornalisti e uomini di cultura – una nebulosa che poi si è dispersa nelle più svariate direzioni), Lotta Continuna ha cominciato ad attrarre l’interesse degli storici e degli studiosi. Dobbiamo essere quindi grati alla Fondazione Erri De Luca per aver digitalizzato l’intera testata di Lotta Continua (Fondazione Erri De Luca).

Un altro progetto molto interessante è quello del Centro Studi Piero Gobetti di Torino col progetto Quarant’anni fa il Sessantotto che regala al lettore una cronologia dettagliata e affidabile degli avvenimenti, un Glossario, utilissimo per districarsi tra le varie sigle ecc. e una Bibliografia aggiornata e affidabile dal punto di vista storiografico: Quarant’anni fa il Sessantotto.

Ma è ancora una volta l’infaticabile staff della Biblioteca Gino Bianco ad arricchire ed ampliare il contesto e ad aprire diramazioni ulteriori. Lo fa proponendo Quaderni rossi, QuindiciQuaderni Piacentini, Prova Radicale, Argomenti Radicali, e Ombre Rosse: i link alle riviste sono nella home, sia nella colonna di destra, sia in fondo alla pagina.

Insomma, il Sessantotto resta ancora un fenomeno in gran parte da esplorare, indagare, studiare (e probabilmente, come sempre avviene nella storia, anche in parte da smitizzare). Intanto incominciamo a disporre di materiale dell’epoca per entrare nel cuore di quegli anni e di quel periodo irripetibile.

Infine, una bella raccolta di manifesti (che si spinge oltre al ’68) è consultabile alla pagina Il Sessantotto sul sito http://www.inventati.org.

Buona navigazione

Il ’68 lungo la Via Emilia

Il ’68 è stato un evento globale dalle molte sfaccettature. Molti sono (e sono stati) i modi in cui gli studiosi lo hanno affrontato o se ne stanno occupando.

Di quell’evento certo colpisce la simultaneità delle proteste e delle rivolte in Paesi diversissimi tra loro: dagli Stati Uniti al Giappone, dal Sud America ad alcuni Stati del blocco socialista quell’anno segnò una svolta decisiva per la storia dei Paesi che ne furono coinvolti.

Ma anche all’interno degli Stati stessi le diversità nei modi in cui la protesta si manifestò, organizzò e incise, sono diversi. Le grandi città, con le Università che funsero da propulsore, espressero scenari diversi da quelli che si verificarono in provincia.

La Via Emilia, naturalmente, fa capo a Bologna e ad altre città universitarie, ma attraversa e collega mondi integrati ma differenti: studiando il mandato di un decennio di un Sindaco di una cittadina romagnola mi è capitato di dover che in quella cittadina il ’68 non incise minimamente sulla robustissima tradizione comunista di quella città: lì la gran parte dei giovani continuò a mantenere come riferimento il PCI, non le esperienze del movimento studentesco che si stavano sviluppando nella vicina Bologna.

Ben venga dunque questo progetto realizzato dalla Rete degli Istituti storici della Resistenza emiliano-romagnoli e dal Centro Studi per la stagione dei movimenti di Parma, col sostegno della Regione Emilia-Romagna.

Inutile dilungarsi in una presentazione presente in modo analitico e dettagliato sul portale: vi si trovano i luoghi, archivi, video-interviste e altro ancora.

Perciò vi lascio navigare e scoprire in tranquillità: Il ’68 lungo la Via Emilia

L’Archivio Biografico del Movimento Operaio (ABMO) on line

L’Archivio del Movimento Operaio on line

Anche se di questi tempi sta montando un’onda che va nella direzione opposta, la storia del movimento operaio è stata fondamentale nella storia d’Europa e d’Italia.

Progetti on line

In alcuni articoli ho segnalato varie generi di fonti disponibili on line. Dai Periodici anarchici e socialisti italiani ed europei: 1870-1960, alle digitalizzazioni di opuscoli proposte da vari istituti. Di Andrea Costa materiale on line è stato messo a disposizione dalla Fondazione Feltrinelli, dalla Biblioteca Comunale di Imola e dall’Istituto Gramsci di Bologna – Andrea Costa in vari progetti on line -.

Altro materiale è stato reso disponibile grazie ai progetti realizzati per il Centenario della prima guerra mondiale. L’Istituto Gramsci di Roma ha digitalizzato centinaia di opuscoli – Prima Guerra Mondiale – Giornali di Trincea e altro e altro materiale ancora ci viene messo a disposizione dalla Biblioteca Gino Bianco – Biblioteca Gino Bianco – Giornali Riviste Opuscoli.

L’Archivio Biografico del Movimento Operaio

Ora un altro progetto viene ad integrare ed arricchire quello già esistente. Si tratta dell’Archivio Biografico del Movimento Operaio (ABMO). Riprendendo dalla presentazione del progetto:

L’Archivio Biografico del Movimento Operaio, sorto con l’intento di offrire allo storico, allo studioso e al militante notizie riguardanti non solo i cento dirigenti conosciuti ma anche quelle delle migliaia di esponenti minori, spesso ignoti, che hanno contribuito a realizzare la storia complessiva della classe operaia, è ormai una realtà da molti anni.

l’ABMO ha potuto, nel tempo, procedere nell’opera di analisi storico-prosopografica delle varie correnti politiche del movimento operaio […], uno studio che è ora allargato al movimento operaio internazionale e che si sta aprendo anche all’analisi di tutte le altre classi sociali oppresse nel corso delle diverse formazioni economico-sociali, che si sono succedute nella storia e che hanno preceduto l’attuale epoca capitalistica.

Il materiale proposto è davvero copioso:

La consultazione dell’Archivio Biografico del Movimento Operaio, alfabetica o ad nomen, consente di accedere alla biografia del soggetto interessato, completa delle sue fonti e, quando presenti, di una “galleria di immagini”, “fondi d’archivio”, “fondi letterari” e “fondi audio-video”, in calce alla biografia stessa. In queste sezioni verranno visualizzate anche le altre foto disponibili, un elenco di fondi d’archivio relativi al personaggio in questione, un elenco delle prime edizioni dei suoi scritti ed un insieme di documenti video-sonori che lo riguardano.

Non vi resta che immergerci in questo mare magnum. Buona navigazione: Archivio Biografico del Movimento Operaio

Zapruder. Storie in movimento

Zapruder Storie in movimento è una delle più belle realtà culturali degli ultimi decenni. Realtà culturale perché non si tratta più – e ormai da parecchio tempo – di una rivista innovativa sia per quel che riguarda i contenuti sia per la grafica (la rivista ha volutamente provocato una rottura profonda con lo stile patinato e classico delle riviste del settore immettendo una grafica variopinta e colorata).

Oggi il progetto di proporsi come

un laboratorio storiografico che intende rompere i confini e le distinzioni tra storia militante e pratica scientifica, tra sapere alto e divulgazione e rimettere in comunicazione luoghi e soggetti diversi attraverso cui si articola la produzione del sapere storico

può dirsi pienamente riuscito. Così come si sta affermando in maniera sempre più convincente l’obiettivo di

essere presenti, di esercitare qualche forma di azione e di iniziativa nel presente. In questa prospettiva, accanto alla critica delle relazioni di potere che caratterizzano la storiografia attuale, riteniamo fondamentale la sperimentazione di nuove pratiche di ricerca e di comunicazione, che smantellino gli atteggiamenti monopolistici dell’accesso alle fonti e alle risorse, il carattere individualistico e solitario del lavoro storico, la finalizzazione della ricerca al mercato accademico, la perdita di dignità della disciplina e di chi è costretto a operarvi in queste condizioni. Vogliamo mettere in campo forme di lavoro intellettuale che si relazionino ai soggetti cui ci rivolgiamo non dall’alto e da lontano, ma dall’interno, tenendo conto di quanto hanno prodotto le ricerche stimolate da soggetti marginali o assenti nella storiografia tradizionale.

Un progetto che sta dentro i movimenti perché ne esercita una critica e allo stesso tempo promuove nuove immagini e nuovi immaginari, segnala alcune priorità e le mette all’attenzione di saperi, scritture, culture diverse facendole parlare tra loro nello spazio pubblico.

Ne è un esempio Zapruder World, alla cui presentazione rimando al link “ufficiale” Una rivista internazionale per la storia del conflitto sociale e giunta al quarto numero: “Performing race”

Perciò ben vengano le iniziative del movimento Zapruder. Possiamo seguirle sul loro sito Zapruder. Storie in movimento sul quale possiamo scaricare i numeri della loro rivista, giunta al numero 47.

La rivista si muove essenzialmente per temi e rispecchia la contaminazione culturale annunciata nel loro manifesto dal quale ho stralciato le citazioni. Se non altro per il fatto che anche io mi sono occupato e mi occupo di storia della psichiatria, un tema che sarà molto presente su questo blog (per ora, purtroppo, sono riuscito a recensire soltanto il bel libro di Paolo Giovannini Un manicomio di Provincia. Il San Benedetto di Pesaro (1829-1918)) segnalo il n° 41 Pazza idea. Genere, salute mentale, controllo, ricco di saggi interessanti e di spunti metodologici.

I temi affrontati nei 47 numeri sono veramente tanti e vale davvero concedersi il piacere di leggere. Buona navigazione e buona lettura.