Giornali e periodici italiani su Gallica

Gallica, la Biblioteca Digitale della Biblioteca Nazionale di Francia, non ha certo bisogno di presentazioni. Semplicemente è una delle più grandi biblioteche digitali esistenti. Col tempo è diventata un catalizzatore di molte altre biblioteche non solo parigine ma di tutto il paese le quali convogliano su di essa i loro materiali. Le pubblicazioni in lingua italiana su Gallica sono moltissime. Per quanto riguarda giornali e periodici, al momento se ne contano 117.

Rendere conto di tutte le pubblicazioni è impossibile, anche perché l’arco cronologico è molto ampio: dalla fine del Settecento alla seconda metà del Novecento. Si possono indicare però alcuni raggruppamenti anche se piuttosto generici. Uno riguarda senza dubbio il mondo del lavoro: giornali e periodici di lavoratori italiani emigrati in Francia.

Un altro gruppo riguarda i fuoriusciti dall’Italia durante il ventennio fascista con il corredo di stampa periodica di opposizione al regime.

Non mancano comunque testate generiche; periodici letterari, artistici, teatrali; altri incentrati sulla vita parigina; altri ancora sul mondo del commercio e degli affari, sul turismo.

In ogni caso si tratta di una quantità di materiale estremamente interessante per studenti, ricercatori, storici e semplici curiosi. Non ci resta che sfogliare i Giornali e periodici italiani su Gallica. Buona consultazione.

La cronaca bolognese dell’Avanti! digitalizzata dall’Archiginnasio

Alla digitalizzazione di quotidiani e periodici ho dedicato moltissimi articoli. Anche se molto è stato fatto (ed è un risultato notevole, considerate le scarse risorse disponibili), moltissimo resta ancora da fare. Si procede un passo alla volta e un altro piccolo tassello lo si deve alla Biblioteca Archiginnasio di Bologna. L’Archiginnasio, oltre ad essere una biblioteca bellissima è anche fornitissima, una delle più ricche d’Italia.

Tra i molti progetti che potete trovare nella Biblioteca Digitale dell’Archiginnasio ora troverete anche la cronaca bolognese dell’Avanti!, una pubblicazione importante per i socialisti

che fino ad allora per diffondere le proprie idee avevano potuto contare solo su «La Squilla», il settimanale fondato nel 1901, anche se rimaneva intatto il sogno di realizzare un quotidiano, «La Conquista», che per vari motivi non vide mai la luce.

Fu un’esperienza breve:

La pagina locale dell’«Avanti!» fu pubblicata fino all’estate del 1922, quando la distruzione della redazione per mano dei fascisti ne decretò probabilmente la fine.

Ma non di meno fu una pubblicazione importante. La cronaca bolognese dell’Avanti! si affianca dunque ad altri progetti, tra i quali, cito almeno: Quotidiani di sinistra: Avanti! e l’Unità digitalizzati e Periodici anarchici e socialisti italiani ed europei: 1870-1960. Non ci resta che andare a curiosare in questa Cronaca bolognese dell’Avanti!.

Buona consultazione.

Il Resto del Carlino digitalizzato (1915/1919 – 1939/1946)

Ho già presentato da tempo il ricchissimo portale Storia e memoria di Bologna. Vi si trovano moltissime cose inerenti la storia della città. Vale però la pena segnalarlo nuovamente perché in occasione del 77° anniversario della Liberazione della città, “Bologna Musei” ha digitalizzato “Il Resto del Carlino” per gli anni 1915/1919 e dal 1939 al 1946.

Un lavoro di digitalizzazione del più importante quotidiano bolognese è in corso anche da parte della Biblioteca di Storia Moderna e Contemporanea di Roma (l’ho segnalato in un articolo assieme ad altre testate: Quotidiani digitalizzati dalla Biblioteca di Storia moderna e contemporanea di Roma).

La digitalizzazione de “Il Resto del Carlino” arricchisce il ventaglio di giornali – quotidiani e periodici – emiliano-romagnoli che ho segnalato in articoli precedenti: Periodici e giornali digitalizzati Parte II; Periodici e giornali digitalizzati Parte IV; Giornali cesenati digitalizzati.

Non ci resta che augurarci che venga realizzata la digitalizzazione completa della testata. Sarebbe un gran bel servizio.

lo storico della domenica
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: