Esposizioni Universali

In nessun secolo l’Europa si è sentita tanto sicura di sè come nel corso del “lungo Ottocento”, e nessun altro secolo ha avuto maggiore fiducia nel progresso come motore della storia: progresso tecnico, industriale e culturale  del quale l’Europa era depositaria e che riteneva fosse proprio dovere esportare nel resto del globo. Le Esposizioni Universali furono la dimostrazione concreta, tangibile e autocelebrativa di questi successi.

Non fu un caso che la prima delle Esposizioni Universali, che poi sarebbero proseguite fino ai giorni nostri, aprisse i battenti nel 1851 a Londra, centro nevralgico e l’officina del mondo, come veniva chiamata all’epoca la Gran Bretagna.

Da allora in poi Esposizioni Universali, internazionali, nazionali e regionali si sarebbero infittite e si sarebbero estese a tutte le potenze europee e ai paesi che aspiravano a un qualche ruolo che non fosse quello di comparse.

Sarebbe quindi praticamente impossibile rendere conto qui di tutte queste manifestazioni. On line sono molte le fonti che rimandano alle principali.

Londra

La British Library ospita una intera collezione sulla Esposizione del 1851 The Great Exhibition of the Works of Industry of All Nations con una collezione di immagini Dickinson’s Comprehensive Pictures of the Great Exhibition of 1851. Riprendo da un dettagliato articolo di Liza Picard, che ben rende che cosa si trovarono di fronte i visitatori:

C’erano circa 100.000 oggetti, esposti lungo più di 10 miglia, da oltre 15.000 collaboratori. La Gran Bretagna, in qualità di ospite, occupava metà dello spazio espositivo interno, con reperti provenienti dal paese d’origine e dall’Impero. Il più grande di tutti era la massiccia pressa idraulica che aveva sollevato i tubi metallici di un ponte a Bangor inventato da Stevenson. Ogni tubo pesava 1.144 tonnellate, ma la pressa era gestita da un solo uomo. La successiva era un martello a vapore in grado di forgiare con la stessa precisione il cuscinetto principale di un piroscafo o di rompere delicatamente un uovo. C’erano aggiunte macchine che potevano sostituire gli impiegati di banca fuori dal lavoro; uno “stiletto o ombrello difensivo” – sempre utile – e un “coltello da uomo sportivo” con ottanta lame di Sheffield – non molto utile. Una delle gallerie al piano superiore era murata con vetrate attraverso le quali il sole scorreva in technicolor. Quasi altrettanto brillantemente colorati erano i tappeti di Axminster e i nastri di Coventry.

C’era una macchina da stampa che poteva produrre 5.000 copie del popolare periodico Illustrated London News in un’ora, un’altra per stampare e piegare le buste, una macchina per fare le nuove sigarette e un carro funebre in espansione. C’erano pianoforti pieghevoli comodi per i diportisti, e altri così carichi di riccioli che la tastiera era quasi sopraffatta. C’era un utile pulpito collegato ai banchi da tubi di gomma in modo che i non udenti potessero sentire, e “inchiostro tangibile” per i non vedenti, producendo caratteri in rilievo su carta. Un’intera galleria era dedicata a quelle carrozze eleganti e sofisticate che precedevano l’automobile, e se si guardava attentamente si potevano trovare uno o due velocipedi, la prima versione delle biciclette. C’erano macchine da stampa e macchine tessili e macchine agricole. C’erano esempi di ogni tipo di macchina a vapore, comprese le gigantesche locomotive ferroviarie…. Insomma, come diceva la regina nel suo Diario, “ogni possibile invenzione”.

Nobili e rispettabili borghesi potevano conoscere e possedere una parte di queste invenzioni, ma anche loro dovettero rimanere sbigottiti di fronte alla magnificenza degli impianti. Il Crystal Palace, progettato dall’architetto Owen Jones. Sarà costruito da 5000 operai a sud di Hyde Park verso Kensington.
Il 1° maggio 1851, giorno dell’inaugurazione della prima Esposizione Universale del mondo, la galleria centrale culminava a trenta metri di altezza, una navata trasversale altrettanto alta permetteva di preservare un boschetto di alberi secolari all’interno dell’edificio (gli inglesi vi posero le basi dello sviluppo sostenibile con circa 150 anni di anticipo!). Questa grande serra era lunga 560 metri, che si estendeva su una superficie di 8 ettari e, se i tavoli espositivi fossero stati collocati fino alla fine, sarebbe stata lunga 13 chilometri.

Si può allora facilmente immaginare l’impatto inebriante sulla gente comune. Inizialmente il prezzo d’ingresso era di 3 sterline per i signori, 2 sterline per le signore; ma dal 24 maggio le masse furono lasciate entrare solo per uno scellino a testa. E arrivarono a migliaia, operai inviati dai datori di lavoro, contadini inviati da benevoli proprietari terrieri, file di scolari. Un agente di viaggio organizzò treni speciali per escursioni. Un biglietto di andata e ritorno in terza classe da York costava solo cinque scellini. Si presentò persino un misterioso uomo cinese in abiti di mandarino, che si fece avanti al passaggio della processione reale. Venne trattato, nel caso fosse importante, come un dignitario in visita, ma si rivelò essere il capitano di una giunca cinese ormeggiata nel fiume.

Alla chiusura dell’Esposizione, l’11 ottobre, oltre sei milioni di persone hanno attraversato i tornelli. Al posto della perdita inizialmente prevista, la mostra ha realizzato un profitto di 186.000 sterline, la maggior parte dei quali è stata utilizzata per creare i musei di South Kensington.

Parigi

La Francia non aveva certo intenzione di stare a guardare. Dopotutto Parigi era la città dei lumi, la città che più di ogni altra aveva influenzato l’intera cultura europea per più di un secolo.

Anche Gallica, nel suo blog, dedica un post alle Esposizioni Les expositions universelles dans Gallica. Al suo interno sono presenti links alle cinque Esposizioni ospitate dalla Francia: 1855, 1867, 1878, 1889, 1900. Il materiale disponibile su Gallica è enorme. Particolarmente interessanti sono le 2000 immagini in parte disponibili nella biblioteca del Conservatoire national des Arts et Métiers (CNAM)CNUM e quelle della costruzione della Tour Eiffel con 235 tra stampe e fotografie.

Torino

Com’è noto tra gli Stati che formavano il “concerto europeo” l’Italia era il più debole. Esposizioni internazionali comunque non mancarono. Segnalo qui il bel post del Museo Torino che presenta una dettagliata descrizione dell’evento tenuto in occasione del Cinquantenario dell’unificazione, una ricca bibliografia di testi coevi on line e una nutrita sitografia Esposizione Internazionale 1911.

Conclusioni

Le Esposizioni Universali si prestano a meraviglia per approfondire lo studio e le conoscenze sul progresso tecnico, ma dicono molto altro sullo spirito di un’epoca. Sfogliando i cataloghi e la documentazione ci si inoltra nel progresso dell’agricoltura quanto le tradizioni e le scuole artistiche, l’idea e l’immagine che gli europei avevano di popoli e culture lontani come di nuove paure che emergono dallo sviluppo della “civilisation” (si pensi ai primi congressi di Igiene). Insomma, curiosare nei siti che ho indicato (e sicuramente in altri che mi sono sfuggiti) si ha a disposizione un buon modo per imparare divertendosi.

Buona navigazione.