Biblioteca Gino Bianco – Giornali Riviste Opuscoli

La Biblioteca Gino Bianco con la sua emeroteca digitale di riviste, opuscoli, libri di storia e di politica, dagli ultimi decenni dell’800 al secondo dopoguerra del 900, si propone in particolare di far conoscere, innanzitutto ai giovani, le tradizioni di pensiero e di impegno sociale, italiane ed europee, del socialismo umanitario, del libertarismo, del liberalsocialismo, del socialismo democratico, del repubblicanesimo, del liberalismo democratico e del federalismo, rimaste minoritarie, spesso calunniate, per lo più dimenticate, a cui la Storia, e solo lei, col tempo, ha dato ragione.

Così si presenta la Biblioteca Gino Bianco al pubblico. Ma presentarne l’attività è cosa più complicata. La quantità di opuscoli, riviste e giornali è tale che non è semplice suddividerli senza essere costretti a fare dei semplici compia incolla.

Il fondo Opuscoli mazziniani si compone di circa 200 opuscoli che comprendono anche il periodo risorgimentale. Segue, naturalmente dato che è da poco concluso il centenario, un fondo incentrato sulla prima guerra mondiale, composto da decine tra opuscoli e periodici (tra gli altri sono presenti, digitalizzati, l’Unità di Gaetano Salvemini in 366 fascicoli, un numero monografico della Rivista Storica del Socialismo incentrato sulla prima guerra mondiale, l’Almanacco Socialista Italiano illustrato… ). Materiale, non di rado sul versante pacifista, che può integrarsi con quello che abbiamo indicato in un altro post: Alcuni progetti in rete sulla prima guerra mondiale

Tra le molte riviste che si possono leggere (i file pdf si possono richiedere alla biblioteca) ci limitiamo a segnalare la disponibilità delle annate di Quaderni Piacentini dal 1962 al 1984, Lotta continua (rivista) dal 1969 al 1971, Giustizia e Libertà dal 1934 al 1939 e molte altre ancora.

Infine vale la pena di segnalare il fondo Alessandro Schiavi che rende disponibili decine di opuscoli in italiano, francese e inglese, nonché le relazioni presentate dal IX al XIII Congresso del Partito socialista italiano.

La Biblioteca Gino Bianco sta facendo ciò che tutte le biblioteche dovrebbero fare: mettere a disposizione di tutti materiale di difficile reperibilità. Non è l’affermazione egoistica di un appassionato: in un Paese in cui dottorati e borse di studio non consentono di vivere dedicandosi agli studi si dovrebbe venire incontro ai bisogni degli studenti e dei almeno per quanto riguarda la messa di disposizione di materiale altrimenti difficilmente raggiungibile. I mezzi tecnologici non mancano. A volte possono difettare quelli economici, ma in questo caso è questione di scelte…

Autore: lostoricodelladomenica

Nato a Faenza il 14 maggio 1971. Storico indipendente

Rispondi