Biblioteca digitale del Senato

In tempi di antipolitica dare una buona notizia dalle nostre istituzioni non fa male. Ho chiamato Biblioteca digitale una serie di progetti messi in campo dal Senato già da tempo, ma sospetto che non abbiano una diffusione particolarmente estesa. In realtà si tratta di progetti diversi. In comune però hanno la digitalizzazione di riviste giornali e libri.

Il primo riguarda la digitalizzazione di circa sessanta riviste pubblicate in Italia fra il XVIII e il XIX secolo e di notevole interesse storico, tra cui molte risalenti all’epoca risorgimentale – come Il 22 Marzo, uscita in concomitanza con le Cinque giornate di Milano, o La Costituente italiana, fondata a Firenze da Gustavo Modena e Atto Vannucci – e, ancor prima, al periodo illuministico e romantico, quali Il Caffè di Pietro Verri, Il Giornale de’ patrioti d’ItaliaIl Democratico imparzialeIl Termometro politico della Lombardia, fino al Conciliatore di Silvio Pellico e Giovanni Berchet. Un’ampia sezione è poi rappresentata dai giornali umoristici e satirici, tra i quali si segnalano L’ArlecchinoIl Don Pirlone, la prima serie del Lampione fondato da Carlo Collodi e La Caricatura. Li trovate qui: GiSID. Giornali Storici in Digitale (Senato)

La seconda, in parte già anticipata in un altro post (Quotidiani di sinistra: Avanti! e l’Unità digitalizzati). A questi si aggiunge il periodico L’Astrolabio, una fonte storiografica originale e diretta di un periodico che per più di vent’anni è stato un punto di riferimento importante per un’area significativa dell’opinione pubblica e del mondo politico.

L’Astrolabio, soprattutto a partire dagli anni ’70, ebbe un legame strettissimo con il Senato della Repubblica, non solo attraverso la figura del senatore a vita Ferruccio Parri, che ne fu il direttore, ma anche perchè fu espressione di un gruppo parlamentare, la Sinistra Indipendente, di cui il Senatore Parri è stato il promotore e a lungo il Presidente.

Le pagine del periodico, nato per iniziativa del Prof. Ernesto Rossi e del Sen. Ferruccio Parri, furono veicolo di battaglie importanti, testimonianza di un impegno civile e politico erede della cultura azionista da cui sia Parri che Rossi provenivano.

Infine è opportuno segnalare l’ampia disponibilità di Atti di convegni nell’ambito delle iniziative culturali organizzate dal Senato, scaricabili in pdf : tra gli altri, Saragat, Sartori, Khol, Simone Weil ecc.

Autore: lostoricodelladomenica

Nato a Faenza il 14 maggio 1971. Storico indipendente

Rispondi