Periodici e Giornali digitalizzati Parte VI

Riprendo a presentare la serie di periodici e giornali digitalizzati (mi limito a rimandare all’ultima serie: Periodici e giornali digitalizzati Parte V dalla quale potete risalire alle precedenti).

La mancanza di una biblioteca digitale per così dire “centralizzata” sull’esempio di Gallica non significa che da noi il panorama del materiale digitalizzato sia carente. Lo dimostra proprio il caso dei periodici e giornali.

Piuttosto si potrebbe dire che se, certo, la assenza di un investimento adeguato da parte dei governi per valorizzare il nostro immenso patrimonio è un vero peccato (e specchio dei tempi…), il fatto che disponiamo comunque di una miriade di progetti rimanda in pieno alla nostra storia, a quell’Italia delle “cento città” con le proprie accademie, biblioteche,  musei, emeroteche ecc.

In ogni caso, è sufficiente spendere un poco di tempo su internet utilizzando le parole chiave adatte ed ecco spuntare decine di progetti e realizzazioni.

Una delle ultime che ho trovato è questa interessante raccolta di periodici e giornali digitalizzati dalla Biblioteca Universitaria Alessandrina. Complessivamente di vengono offerti 37 periodici e giornali pubblicati nel XIX secolo e nei primi decenni del ‘900 che trattano dei più svariati temi.

Si va dai giornali per bambini e ragazzi a testate culturali che si occupano di teatro; dal commercio ai giornali per e dei contadini; da periodici dalla varia coloritura politica (repubblicane, socialiste, cattoliche) a testate “indipendenti”.

Tutte le testate sono consultabili on line, ma non sono riuscite a scaricarle. Forse è un limite ma l’importante è poterle utilizzare. Perciò ben venga questo blocco di periodici e giornali digitalizzati dalla Biblioteca Universitaria AlessandrinaBiblioteca Digitale Alessandrina – Periodici

OPAL una Biblioteca Digitale per libri antichi (e non solo)

OPAL è una Biblioteca Digitale dell’Università di Torino (più precisamente dalla Biblioteca storica di Ateneo “Arturo Graf) attiva già da qualche tempo.

Non l’avevo ancora inserita in questo blog perché nella sua presentazione fa espressamente riferimento ai libri antichi. Avevo quindi supposto che si occupasse della digitalizzazione di libri di molto antecedenti al periodo di cui principalmente ricopre il blog.

In realtà non è così. OPAL è suddivisa in tre sezioni: Narrativa italiana del Seicento, Teatro italiano del 16. e 17. secolo e una sezione Miscellanea di testi di genere diverso per oltre 25.000 opere.

Navigando tra gli elenchi dei testi ci si accorge che nella sezione Miscellanea  ve ne sono moltissimi pubblicati nel XIX secolo e anche nel XX.  Perciò OPAL risulta essere di grande utilità anche agli storici e agli appassionati di storia contemporanea.

Non ci resta dunque che andare alla ricerca dei testi che ci servono o interessano. D’altra parte il sito è molto pratico e intuitivo e la ricerca risulta estremamente facile da eseguire. La trovate qui: OPAL. Libri antichi

Sulla scia di quanto stanno operando molte biblioteche italiane (vedi Le biblioteche italiane affiliate a Internet Archive), anche OPAL si è affiliata a Internet Archive: https://archive.org/details/opallibriantichi, ma il numero dei testi è di gran lunga inferiore a quello disponibile sul portale originale.

Buona navigazione.