ASPI – Archivio Storico della Psicologia Italiana

Col passare del tempo il materiale raccolto dall’Archivio Storico della Psicologia Italiana dell’Università di Milano-Bicocca ha trasformato il proprio sito  in una vera e propria miniera. Lettere, corrispondenze, articoli di giornale, perizie, diari di viaggio, approfondimenti biografici e bibliografici, fotografie, riproduzioni… L’archivio organizza in modo mirabile un “maremagum” di documenti di difficile reperibilità e consultazione.

Si tratta di un lavoro di carattere archivistico veramente ammirevole. All’interno del sito il visitatore può muoversi in molti modi: può decidere di seguire psicologi e psichiatri sfruttando la categoria Protagonisti oppure seguire gli Archivi; può iniziare dai Percorsi ma anche optare per i Luoghi.

Non solo ogni categoria è suddivisa in sottocategorie che guidano e facilitano la consultazione, ma consultando le biografie e i carteggi dei protagonisti link interni collegano ad altri colleghi, luoghi, riviste ecc. In questo modo il lettore può mantenere il percorso principale e contemporaneamente approfondire i percorsi tematici che maggiormente lo interessano.

Particolarmente preziose sono le schede biografiche dei Protagonisti e le bibliografie, ricche e puntuali. Le bibliografie dei singoli medici, puntualmente riportate, possono essere un ottimo punto di riferimento per rintracciare opere e, soprattutto, i saggi pubblicati sulle riviste del settore che sono disponibili on line (alcune di queste le ho indicate nell’articolo: Riviste italiane di psichiatria e psicologia (fonti)). Un altro collegamento possibile e di integrazione è, ovviamente, col portale Carte da legare – Archivi della psichiatria in Italia

La ricchezza del sito dell’ ASPI – Archivio Storico della Psicologia Italiana è completata dalle News, con la segnalazione di eventi e delle nuove acquisizioni del Centro.

Non resta che fare i complimenti alla splendida iniziativa dell’Archivio Storico della Psicologia Italiana e auguravi buona navigazione.

GRANDE GUERRA EMILIA-ROMAGNA. TRA ORIZZONTE REGIONALE E NAZIONALE

Tra le moltissime iniziative fiorite in occasione del lungo Centenario della Grande Guerra (che in parte ho segnalato in altri articoli: Alcuni progetti in rete sulla Prima Guerra MondialeFondazione Gramsci Emilia Romagna. Prima Guerra Mondiale – Opuscoli digitalizzatiPrima Guerra Mondiale – Giornali di Trincea e altro e altre cose che potete trovarle usando la lente di ricerca), l’Emilia-Romagna si è inserita con una serie di convegni e di progetti estremamente interessanti.

Lo sforzo coordinato degli Istituti storici, che hanno potuto giovarsi del sostegno della Regione, ha portato anche alla realizzazione di un portale dedicato alla Prima Guerra Mondiale estremamente ricco.

Suddiviso nelle sezioni Convegni, Lezioni Magistrali, Public History, Pubblicazioni, il visitatore trova quanto di meglio sia stato realizzato finora dal gruppo di lavoro che dirige il progetto: dalle lezioni magistrali registrate e caricate su youtube, alle iniziative “per il pubblico” della public history, non solo di esclusivo carattere storiografico, ma frutto di una

contaminazione tra i linguaggi e le discipline: storia, teatro, fotografia, letteratura, musica e cinema, per un coinvolgimento il più ampio possibile della cittadinanza. Un modo, in fondo, per ribadire la convinzione che l’utilità della storia come disciplina di studio e di ricerca è tanto maggiore quanto più alto è il sapere diffuso che essa genera.

In questa sezione si possono consultare e/o scaricare incentrate sui profughi.

La sezione Pubblicazioni offre la possibilità di scaricare gratuitamente due testi per approfondire tutti i temi che gli Istituti stanno affrontando e proponendo.

Non mi resta quindi che augurarvi buona navigazione: Grande Guerra Emilia Romagna

Recensione. Giovanni De Luna: La Repubblica inquieta. L’Italia della Costituzione. 1946-1948

Com’è stato possibile che l’Italia disastrata e ferita dalla seconda guerra  mondiale abbia realizzato una Costituzione tra le meglio riuscite e durature d’Europa?

Disoccupazione dilagante, distruzioni, campi minati, collegamenti interrotti; ferite di guerra particolarmente dure viste la durata e l’asprezza del conflitto sul nostro territorio. De Luna traccia questo quadro con pennellate rapide e sicure per inserirlo in un contesto più ampio.

L’Italia impoverita dalla guerra è in realtà un Paese povero da sempre. La sua economia è ancora profondamente ancorata a un’agricoltura in molte zone tradizionale, lavorata da contadini spesso poverissimi con alte concentrazioni di analfabeti per i quali il dialetto è l’unico linguaggio comprensibile e parlato mentre l’italiano è la lingua dello Stato, della burocrazia, di entità ostili (p. 25, ma anche, per la necessità dei politici di “dialettizzare” parole italiane, p. 241) che vivono in condizioni igieniche spaventose e fanno i conti con una mortalità infantile elevatissima (del 1951 è l’Inchiesta sulla miseria in Italia).

Uno dei dei tratti distintivi del libro è la compresenza di “due italie”: il rapporto tra classi dirigenti e classi popolari, il rapporto, confronto e contrapposizione tra Nord e Sud, tra città e campagna, tra cultura alta e cultura-folklore-mentalità popolare.

Sono i nodi irrisolti della nostra storia, le tare che nel pensiero di Parri e del Partito d’Azione comprendevano non soltanto il fascismo ma anche la storia precedente, quella del liberalismo post-unitario, a suo parere non compiutamente democratico. Parri si scontra immediatamente con la forza di questi problemi. Le più incisive delle sue riforme vengono accantonate; Croce si scaglia contro la critica all’Italia liberale portando il peso della sua autorevolezza a un’interpretazione del fascismo come parentesi storica, chiusa la quale il Paese poteva riprendere il cammino interrotto dall’Italia prefascista (non rendendosi conto che quell’Italia era stata seppellita dalla Grande Guerra, dal fascismo e poi dalla Resistenza); il Vaticano fa sentire la propria influenza e altrettanto fa la monarchia, completamente screditata nel Nord, ma ancora fortissima al sud.

Il progetto di Parri di democratizzare il Paese attraverso le forze vive della Resistenza fallisce in breve tempo e la DC diventa il baricentro della vita politica italiana. È attraverso di essa che, gradualmente, l’eredità pesante del fascismo, riesce a traghettare nell’Italia repubblicana. Alcuni fermenti che agitano il Paese si muovono in questo senso: il separatismo siciliano, pur effimero, maschera i maneggi delle élites tradizionali per il controllo dell’isola; l’esplosione fulminea dell’Uomo Qualunque che coagula timori profondi verso i propositi di rinnovamento, è di fatto una zattera che traghetta veloce verso il porto sicuro della DC; la pronta riorganizzazione dei notabilati locali al Sud che si erano adagiati nel fascismo costituiscono gli elementi di quella continuità che riesce a infiltrarsi in pressoché tutti gli apparati dello Stato e che, sia pure in mezzo a convulsioni notevoli, riesce a “normalizzare” il Paese. Una continuità che è anche nelle mentalità, nei legami famigliari che degenerano nel familismo, nelle pratiche di una politica che passa attraverso il notabile di turno che si è riciclato.

mercato nero

Il fascismo “aveva provato” a “nazionalizzare gli italiani” (pp. 29-30), ma il tentativo era fallito e tutt’al più si era risolto con una “nazionalizzasione della burocrazia”. Dunque quel nodo, ancora aggrovigliato, traghetta nell’Italia repubblicana pressoché intatto.

Il governo Parri non era riuscito a contenere la febbre politica che la Resistenza ha immesso nel corpo della società. La guerra non era stata vissuta da tutti allo stesso modo. E su questo si innesta un’altra diversità. Nell’Italia del centro-nord, dove storicamente sono state presenti forti connotazioni di classe con organismi ben funzionanti, la virulenza dell’occupazione nazista riattiva e accelera la politicizzazione di contadini e operai. L’8 settembre è la data cruciale che costringe tutti a fare i conti con la propria coscienza e spinge a prendere posizione. La Resistenza nasce certamente dal crollo delle istituzioni e dalla fuga ignominiosa del re e degli alti gradi dell’esercito, ma è resa possibile da un retroterra ricco di storia associativa, sindacale, conflittuale, politica. La Resistenza si incarica del riscatto degli italiani. Ne è ben consapevole De Gasperi che di fronte all’uditorio alla Conferenza di Pace di Parigi, non certo benevolo nei confronti dell’Italia, getta sul tavolo tutto il peso del riscatto etico, morale, civile e politico, portato dalla Resistenza. Se De Gasperi può affrontare a testa alta quell’udiotorio è grazie all’inoculazione della politica partecipata e democratica della Resistenza. E ne è consapevole (pp. 152-53).

Il dopoguerra è segnato da una “resa dei conti” coi fascisti di Salò (e con gli squadristi della prima ora) e da turbolenze frutto dei sentimenti di parte dei partigiani che sentivano la “Resistenza tradita”. Il problema della violenza politica che dilaga è di grande importanza storica e storiografica. Dopo aver chiarito che il numero dei fascisti soppressi nei mesi immediatamente successivi non fu superiore a quello che si conta in altri Paesi (facendo intrinsecamente e giustamente piazza pulita sciocchezze alla Pansa, per capirci), l’A., si sofferma in varie tappe su questo fenomeno: il ritorno in montagna a Santa Libera; la progressiva espulsione dei partigiani dalla polizia partigiana, sostiuiti da ex fascisti; l’uso della forza da parte di Scelba, l’occupazione della prefettura di Milano per protestare contro la destituzione del prefetto della Resistenza Troilo, fino ai moti nei giorni tragici dell’attentato a Togliatti sono fenomeni che segnalano l’insofferenza e la frustrazione di larghe fasce della popolazione sulle quali si carica il peso di una politica economica di stampo liberista priva di contrappesi e che lievitano in contesti di povertà diffusa. Il mercato nero alimenta al Sud un rapporto contraddittorio con gli Alleati: invasori in Sicilia, protettori e garanti di ripresa economica ma anche soggetti di cui si possono sfruttare le risorse a Napoli e altrove, interlocutori alla pari nelle città del Nord liberate prima del loro arrivo. Le loro ingerenze nella vita politica sono pesanti e nette, così come non avevano mancato di trattare la popolazione – e soprattutto le donne – come “merce di scambio”.

Sono dinamiche che mettono in difficoltà il Partito comunista che se da un lato vede riconosciuti e premiati gli sforzi profusi nella Resistenza con una impressionante crescita di iscritti e militanti, dall’altra fatica enormemente a gestirli e a fornire loro una formazione politica dopo vent’anni di sistematica diseducazione praticata dal fascismo: i rigurgiti insurrezionali di una parte dei partigiani e che fermenta in alcuni settori della base del partito offrono il bersaglio alle accuse di “doppiezza” del PCI, ritenuto democratico per ragioni tattiche, ma pronto a scatenare una rivoluzione appena possibile. È una tesi presente anche in alcune frange del partito e che ne condiziona l’agire politico.

Inoltre, assieme alle iniziative conservatrici e reazionarie del Ministro degli Interni Scelba, gli intenti pacificatori dell’amnistia Togliatti vengono stravolti da sentenze assurde che condonano fascisti colpevoli di reati gravissimi mentre dall’altra parte sono i partigiani ad essere messi sotto processo. Tutto questo spiega il diffuso malcontento della base e i rigurgiti insurrezionali. Di fatto, però le alternative sono poche. L’irrigidirsi del clima internazionale negli schieramenti della guerra fredda isola il PCI: in caso di insurrezione l’URSS non muoverà un dito in soccorso ai comunisti italiani (p. 218) e la DC ha buon gioco a tenere sulla difensiva l’alleato e, dal maggio 1947 dopo l’estromissione dal governo, avversario comunista.

Così, mentre la sinistra si indebolisce a causa dell’implosione del Partito d’Azione e per la defezione di una parte del partito socialista che si scinde per dar vita al Partito socialdemocratico filo-americano, la DC, al contrario, si rafforza assorbendo consensi dalla destra. Il partito di De Gasperi può contare sulle strutture della Chiesa, sulle parrocchie, sulla propaganda dei parroci, sull’attivazione di una forte efficiente rete di soccorso e col sostegno, anche materiale, sempre più deciso degli USA, sull’appoggio di potenti organizzazioni come la Coldiretti.

Entrambi i partiti, comunista e cattolico avvertono l’esigenza di porsi anche come strumenti di pedagogia verso iscritti, militanti e verso la società; una pedagogia che va oltre la sfera dell’azione politica e che mostra una somiglianza sorprendente solo in apparenza. L’etica e la morale dei comunisti non è meno severa e intransigente di quella dei cattolici (p. 241 e ss.). Ma mentre i primi (anche se in parte affascinati) rigettano la propaganda filo-americana, nei secondi solo i settori più conservatori la contestano: gli USA come paese della libertà, delle ricchezze che lo rendono un idilliaco paradiso di “cuccagna” e il Paese delle possibilità “di farcela” sono miti potenti che soppiantano con facilità le critiche all’eccessiva liberalità delle donne, ad una vita superficiale e consumistica. Al Sud soprattutto, ma non solo, si conoscono bene i drammi dell’emigrazione.

Tuttavia, la pedagogia dei partiti procede in modo contraddittorio. Nel processo di radicamento di partiti il rispetto di tradizioni, sub-culture e credenze viene accortamente rispettato se non assecondato. I partiti di massa riescono in quegli anni a gettare le basi per la costruzione interi spaccati trasversali della società: il PCI ci riuscirà compiutamente in Emilia e nelle altre “regioni rosse”. Tuttavia, piuttosto che modificare la società, i partiti scelgono di inglobarla così come si presenta e di gestirla al prezzo di larghe concessioni alle élites locali e di un mantenimento sostanziale dello status quo (p. 137). Nel caso del PCI il fenomeno è forse meno evidente perché il partito è forte dove già preesisteva una sociabilità ricca in un contesto dinamico; nel caso della DC, al contrario diventa palese: la riforma agraria varata tra il 1947 e il 1950 è “un anacronismo economico […] rispetto a un modello di capitalismo maturo, ma elemento politicamente decisivo per l’organizzazione del consenso” (p. 244).

Dunque, in modo per certi aspetti simili e per altri divergenti, i partiti di massa si pongono al centro della piramide tra lo Stato e i cittadini, filtrando dall’alto in basso e dal basso in alto impulsi e direttive.

È questo fenomeno di assorbimento della società civile che ha come risvolto positivo l’esito della Costituzione. Mentre si combattevano i su tutto i due schieramenti collaborano alla redazione della Carta Costituzionale con un sorprendente spirito di concordia. Dietro di loro incombe l’ombra cupa del fascismo e della catastrofe a cui ha condotto. Perciò, con mirabile alchimia fondono i grandi filoni del pensiero liberale (le libertà individuali), le istanze del mondo del lavoro di derivazione marxista e un’assistenza e previdenza più ad appannaggio del cattolicesimo sociale. Lo fanno cercando di blindare la Costituzione in modo tale che impedisca derive autoritarie e uomini soli al comando. Lo fanno con la consapevolezza di dover rinunciare ciascuno a qualcosa e lo accettano in nome di un progetto, di un’idea di società e di convivere che è frutto di una profonda conoscenza della storia del nostro Paese.

In questa recensione non sono riuscito nemmeno a sfiorare la ricchezza del libro. De Luna ha penna sensibile e ritmo scorrevole. Intreccia con grande maestria chiaro-scuri, balzi all’indietro e in avanti della nostra storia usando una molteplicità di fonti (ma, piuttosto stranamente, non quella dell’Archivio Centrale dello Stato) dosandola con accortezza. La Repubblica inquieta è un libro che avvince e si legge come un romanzo e che merita di essere letto e meditato.

Zapruder. Storie in movimento

Zapruder Storie in movimento è una delle più belle realtà culturali degli ultimi decenni. Realtà culturale perché non si tratta più – e ormai da parecchio tempo – di una rivista innovativa sia per quel che riguarda i contenuti sia per la grafica (la rivista ha volutamente provocato una rottura profonda con lo stile patinato e classico delle riviste del settore immettendo una grafica variopinta e colorata).

Oggi il progetto di proporsi come

un laboratorio storiografico che intende rompere i confini e le distinzioni tra storia militante e pratica scientifica, tra sapere alto e divulgazione e rimettere in comunicazione luoghi e soggetti diversi attraverso cui si articola la produzione del sapere storico

può dirsi pienamente riuscito. Così come si sta affermando in maniera sempre più convincente l’obiettivo di

essere presenti, di esercitare qualche forma di azione e di iniziativa nel presente. In questa prospettiva, accanto alla critica delle relazioni di potere che caratterizzano la storiografia attuale, riteniamo fondamentale la sperimentazione di nuove pratiche di ricerca e di comunicazione, che smantellino gli atteggiamenti monopolistici dell’accesso alle fonti e alle risorse, il carattere individualistico e solitario del lavoro storico, la finalizzazione della ricerca al mercato accademico, la perdita di dignità della disciplina e di chi è costretto a operarvi in queste condizioni. Vogliamo mettere in campo forme di lavoro intellettuale che si relazionino ai soggetti cui ci rivolgiamo non dall’alto e da lontano, ma dall’interno, tenendo conto di quanto hanno prodotto le ricerche stimolate da soggetti marginali o assenti nella storiografia tradizionale.

Un progetto che sta dentro i movimenti perché ne esercita una critica e allo stesso tempo promuove nuove immagini e nuovi immaginari, segnala alcune priorità e le mette all’attenzione di saperi, scritture, culture diverse facendole parlare tra loro nello spazio pubblico.

Ne è un esempio Zapruder World, alla cui presentazione rimando al link “ufficiale” Una rivista internazionale per la storia del conflitto sociale e giunta al quarto numero: “Performing race”

Perciò ben vengano le iniziative del movimento Zapruder. Possiamo seguirle sul loro sito Zapruder. Storie in movimento sul quale possiamo scaricare i numeri della loro rivista, giunta al numero 47.

La rivista si muove essenzialmente per temi e rispecchia la contaminazione culturale annunciata nel loro manifesto dal quale ho stralciato le citazioni. Se non altro per il fatto che anche io mi sono occupato e mi occupo di storia della psichiatria, un tema che sarà molto presente su questo blog (per ora, purtroppo, sono riuscito a recensire soltanto il bel libro di Paolo Giovannini Un manicomio di Provincia. Il San Benedetto di Pesaro (1829-1918)) segnalo il n° 41 Pazza idea. Genere, salute mentale, controllo, ricco di saggi interessanti e di spunti metodologici.

I temi affrontati nei 47 numeri sono veramente tanti e vale davvero concedersi il piacere di leggere. Buona navigazione e buona lettura.

Cordela. Biblioteca digitale valdostana

Anche la Valle D’Aosta si è inserita nel circuito delle biblioteche digitali. Lo ha fatto con un bel progetto, ricco e articolato: Cordela. Biblioteca Digitale valdostana.

Riprendendo dalla presentazione della Biblioteca Digitale,

Cordela è la leggendaria città degli abitanti della conca di Aosta dei millenni precedenti l’arrivo dei Romani. Molti storici locali del passato ne hanno scritto, traendo ispirazione da racconti trasmessi oralmente da centinaia di generazioni e alimentando una sorta di “mito delle origini” che – sappiamo ora – non è del tutto infondato.

La città di Cordela è infatti localizzabile in un sito prossimo all’Augusta Praetoria romana e forse riferibile all’area cultuale di Saint-Martin-de-Corléans, a sua volta figlia di una sorprendente civiltà megalitica, i cui legami di diversa natura con culture transalpine e mediterranee sono ora accertati.

Legami con popoli vicini e terre lontane che Cordela intende riproporre via web, mettendo a disposizione di tutto il mondo collegato alla rete le espressioni della cultura valdostana, nata dall’incontro, nell’avvicendarsi dei secoli, di popoli diversi e consolidatasi nel Medioevo grazie agli scambi con le popolazioni transalpine, nei confronti delle quali le montagne più alte d’Europa non hanno mai rappresentato un ostacolo.

La biblioteca è suddivisa nelle seguenti sezioni: Giornali, Riviste, Libri, Manoscritti e Disegni, Cartografia e Stampe, Manifesti e Grafica.

Il materiale a disposizione è molto anche se non tutto è consultabile on line. Ad esempio, alcuni giornali sono consultabili esclusivamente da postazioni interne alla biblioteca. Ciò nonostante, come dicevo, i fondi digitalizzati sono ricchi. Le principali categorie che ho indicato sono suddivise al loro interno da sotto-sezioni che semplificano la ricerca del lettore.

Per i miei interessi di storico contemporaneista ho trovato particolarmente interessanti i fondi dei Giornali, delle riviste e dei libri. Ma anche le altre sezioni della biblioteca meritano di essere visitate.

Non mi resta che augurarvi buona scoperta e buona navigazione: Cordela. Biblioteca Digitale Valdostana

Caporetto sul web

Le espressioni “è una Caporetto”, “rischiare una Caporetto” e altri simili modi di dire, largamente diffusi nel gergo popolare, sono metafore che rivelano chiaramente quanto la rotta di Caporetto si sia incisa nella memoria civile e nazionale del nostro Paese.

Così comincia la recensione a un libro su Caporetto che ho pubblicato qualche tempo fa su Storia e futuro. Rivista di storia e storiografia on line (se vi interessa la trovate qui: Luca Gorgolini, Fabio Montella, Alberto Preti (a cura di), Superare Caporetto. L’esercito e gli italiani nella svolta del 1917, Unicopli, Milano, 2017.).

I diciannove saggi che compongono il libro sviscerano l’argomento da ogni angolo visuale e quindi ne consiglio caldamente la lettura; ma l’imponenza, la portata e l’importanza di quell’avvenimento sono tali che anche la storiografia di altri Paesi se ne sono occupati o se ne stanno occupando. Nel portale International Encyclopedia of the First World War sono ben 88 gli articoli di specialisti che si occupano del tema. Ovviamente non tutti sono incentrati esclusivamente sull’avvenimento, ma oltre a quelli specifici, ne prendono in esame alcuni aspetti.

Anche Gallica, la biblioteca digitale francese che fa capo alla Biblioteca Nazionale nel suo blog dedica un lungo articolo alla battaglia di Caporetto: Caporetto : 24 octobre-9 novembre 1917. Lo ha curato Emanuela Prosdotti, responsabile delle collezioni di storia riguardanti l’Italia.

L’articolo fa parte di un progetto più ampio riguardante l’Italia nella prima Guerra Mondiale, perciò all’interno dell’articolo il lettore trova molti link di approfondimento.

Su Internet Archive i libri sulla prima Guerra Mondiale sono molti; quelli che però hanno per oggetto Caporetto liberamente scaricabili risultano soltanto due, Dopo Caporetto, di Giuseppe Prezzolini e Da Caporetto alla vittoria di Vittorio Emanuele Orlando. Curiosamente questi libri risultano anche su Europeana, ma da lì non si possono scaricare.

Concludendo, come si vede il materiale per approfondire l’argomento non manca di certo. Buona navigazione e buone letture.

P.S: se trovate materiale interessante segnalatemelo con un commento. Grazie

La Voce (1908-1916) on line

Nata nel fervore del rinnovamento culturale promosso all’inizio del Novecento da B. Croce, la Voce prese posizione contro il tardo positivismo, bersaglio anche del crocianesimo e dell’idealismo in genere; con le correnti idealiste e con quelle di uno spiritualismo laico s’incontrarono nella rivista altre correnti di diversa origine o direzione: pragmatiste, intuizionistiche, irrazionalistiche, misticheggianti.

In un primo periodo [durato circa un triennio] La Voce fu protagonista di] un lavoro d’insieme ampio e fecondo, come quello che Salvemini promosse sul problema del Mezzogiorno e sulle connesse questioni del suffragio universale, dell’analfabetismo e dell’organizzazione della scuola, della cultura popolare ecc. Né meno utile, nel campo estetico, fu l’attenzione dedicata a movimenti artistico-letterari stranieri, e soprattutto a singole personalità, alcune delle quali furono fatte conoscere per la prima volta in Italia.

Successivamente diversità di vedute, dissapori e divergenze tra diversi collaboratori sfociarono in rotture e divisioni.

1820: nasce il Gabinetto Viesseux

Salvemini lasciò la Voce. per fondare L’Unità alla fine del 1911(approfondimenti e periodico li trovate qui: L’Unità di Gaetano Salvemini, all’interno della Biblioteca Gino Bianco; Papini e Soffici se ne allontanarono nel 1913 per fondare Lacerba e aperti dissidi (fra Croce e Gentile, fra Prezzolini e Boine). Allo scoppio della Prima guerra mondiale, Prezzolini, schieratosi apertamente per l’intervento dell’Italia, lasciò la Voce che, sotto la direzione di De Robertis, si trasformò in rivista esclusivamente letteraria, accogliendo scrittori ‘nuovi’ come A. Panzini, A. Palazzeschi, D. Campana, A. Onofri, C. Sbarbaro, G. Ungaretti.

Dunque la digitalizzazione effettuata dal Gabinetto Viesseux è un dono prezioso che ci permette di approfondire un periodo di grande fermento culturale: La Voce

Saggi per approfondire il tema della censura

Qualche tempo fa ho recensito il bellissimo libro di Robert Darnton Recensione: Robert Darnton I censori all’opera, ma il tema della censura è molto vasto e può essere affrontato da molti punti di vista.

Ora, grazie alla disponibilità on line dei Mélanges de l’École française de Rome abbiamo la possibilità di approfondire il tema con la pubblicazione di un intero volume della rivista che comprende una decina di saggi sulla censura in Europa dall’età moderna a quella contemporanea: Mélanges de l’École française de Rome. Italie et Méditerranée, tome 121, n°2. 2009. Littérature et censure au XIXe siècle. Sources.

Un altro saggio interessante lo troviamo nel n° 343 (2006) degli Annales Historiques de la Révolution Française. Veronica Granata approfondisce il tema Marché du livre, censure et littérature clandestine dans la France de l’époque napoléonienne : les années 1810-1814.

Mi sarebbe piaciuto aggiungere contributi in altre lingue da riviste open-access, ma finora non mi è stato possibile. Un motivo in più per continuare a cercare.

Intanto buona lettura (per chi avesse difficoltà a leggere il francese, io mi aiuto col traduttore Deepl).

Storia delle donne. Fonti sul dibattito del voto femminile.

Quando ho presentato il progetto senza rossetto, soffermandomi sulla introduzione ho evidenziato l’importanza dell’appuntamento al voto per la prima volta concesso alle donne nel 1946.

Ma il dibattito sul voto alle donne ha una lunga storia alle spalle. Quel riconoscimento fu il risultato di una lunga stagione di propaganda e di lotta politica che vale la pena ripercorrere.

Come si vede dalla data di pubblicazione del primo opuscolo che indico, le e  la questione era dibattuta dalla metà dell’Ottocento. Il Voto per l’emancipazione delle donne parole di C.A fu pubblicato nel 1851. Di oltre un quarto di secolo più tardi è un’opera di Anna Maria Mozzoni, Del voto politico delle donne edito nel 1877. Nel 1900 Romualdo Cerilli entrò nel dibattito pubblicando studio sul diritto di suffragio in rapporto alla questione femminile / per Romualdo Cerilli.

Anna Maria Mozzoni

Del 1910 è l’opuscolo della “signora del socialismo italiano” Anna Kuliscioff e Filippo Turati Il voto alle donne. Segue un lavoro di Irene de Bonis dei baroni de Nobili dal titolo Per il voto alle donne del 1909. Dieci anni più tardi Gina Lombroso (figlia del famoso Cesare Lombroso) pubblicò Il voto alle donne e i suoi pericoli (1919).

Anna Kuliscioff

Naturalmente le opere e gli opuscoli su questo tema sono molto più numerosi, ma per il momento ho rintracciato soltanto questi.

In questi tempi in cui si sente farneticare su donne da mettere in casa a far figli e altre assurdità, tutti, uomini e donne dovremmo ricordare quanta fatica costa veder riconosciuti diritti che dovrebbero essere scontati.

Storia delle donne. L’archivio digitale dell’UDI

In un articolo di qualche tempo (Donne. Riviste storiche, di storiografia, portali)  fa ho indicato alcuni progetti riguardanti la storia delle donne. Accorpati in un unico post ho voluto segnalare la Biblioteca Digitale delle Donne del Centro delle Donne di Bologna.

Sono passato ad un progetto più specifico, Senza Rossetto, incentrato sull’importanza del voto alle donne finalmente riconosciuto soltanto nel 1946, e ad un altro portale, Enciclopedia delle Donne, generico ma ricchissimo di link e fonti interne. Infine, per approfondire da un punto di vista prettamente storico, ho segnalato la rivista Storia delle donne.

Proseguendo la ricerca di siti e fonti, trovo ora un interessante progetto dell’UDI. Sul sito è on line un progetto di Progetto di digitalizzazione dei manifesti molto interessante.

Riprendendo dalla presentazione,

Il fondo dei manifesti dell’ Udi è formato  da circa 1500 pezzi per gli anni dal 1944 al 2017.  Presenta caratteristiche di omogeneità e originalità che permette di attraversare tutti i 73 anni di vita dell’UDI mettendo in evidenza immediata e plastica i momenti di maggiore attività, le parole d’ordine del movimento, la dimensione nazionale ed internazionale dell’associazione, i passaggi generazionali, i linguaggi ed i costumi, le reti politiche. Questi documenti consentono inoltre di mettere in rilievo l’attitudine conservatrice e di cura della propria memoria storica da parte dell’associazione che fa di questo fondo il suo fiore all’occhiello.

73 anni di vita da esplorare è un bel regalo. L’indirizzo è questo: Unione Donne in Italia (UDI).