Recensione: William Naphy Andrew Spicer La peste in Europa

Può sembrare piuttosto curioso che per cercare di capire il periodo che stiamo vivendo possa essere utile leggere un libro sulla peste in Europa.

In realtà non è così. Lo spunto per informarmi un po’ meglio sulle epidemie mi è stato offerto da una conferenza di Adriano Prosperi nella quale, in chiusura, disse una cosa che mi ha colpito – e cioè che “nei momenti di forte tensione i Paesi svelano ciò che li caratterizza nel profondo”. Naturalmente il concetto di longue durée di Braudel lo conoscevo fin dai tempi dell’università, ma l’idea di verificare cosa possano dirmi fenomeni di forte tensione come quelli scatenati dalle epidemie sui giorni nostri mi ha affascinato, e devo dire che le sorprese sono state molte.

Quando si affronta un argomento di cui si sa poco è sempre bene cominciare dai classici o da ricognizioni generali. Non so se questo libro di Naphy e Spicer sia un classico, ma sicuramente è una buona ricognizione dei fatti e delle interpretazioni.

Snodata in otto capitoli con una scrittura agile e sempre comprensibile, La peste in Europa è una lettura piacevole e interessante. Cos’è che rese l’epidemia di peste del 1347 una “cicatrice permanente sulla psiche degli europei occidentali”? (p. 141). Altre malattie, manifestatesi in forma epidemica, prima di allora avevano devastato l’Europa e decimato la popolazione. La differenza principale rispetto ad altre malattie consistette nel fatto che la peste era una malattia “nuova” (pp. 7 e 135). Le culture precedenti, ovviamente, avevano descritto malattie ed epidemie, ma questa attaccava e uccideva persone sane, non già debilitate per qualche altra ragione (p. 35).

La cultura classica non era di aiuto per la comprensione del fenomeno. Gli europei la intesero come una terrificante punizione divina e come il prodotto mortale di miasmi, cioè da un “avvelenamento dell’aria” che alterando gli umori corporei facevano ammalare gli uomini e che, circolando, poteva infettare non solo le persone ma anche le cose (i vestiti ad esempio).

Di qui nasceva la convinzione errata, ma tenacissima, che la peste non fosse contagiosa. Scartata questa ipotesi, per sfuggire alla peste, agli uomini non restava che fare tre cose: pentirsi, dato che la peste era un castigo divino, fuggire il più lontano possibile o, per quelli che restavano, purificare l’aria e gli ambienti.

Fuggire lontano in zone non infestate era naturalmente il modo più sicuro per sopravvivere. Ma quelli che potevano fuggire erano pochi: erano i ricchi. Agli altri toccava restare.

Si può partire da questo spartiacque tra privilegiati e non per entrare nel vivo del libro. Gli autori non danno molto credito alla forbice malthusiana che attanagliava il mondo prima della Rivoluzione industriale: l’equilibrio tra risorse disponibili e popolazione veniva irrimediabilmente compromesso dalla crescita demografica. Quando la popolazione eccedeva eccessivamente la disponibilità di risorse, la natura ripristinava l’equilibrio intervenendo con epidemie, carestie o guerre. A quel punto, con la popolazione fortemente diminuita, il ciclo poteva ricominciare: questa, in modo succinto, la tesi di Malthus. Gli Autori ritengono che l’economia dell’epoca fosse in grado di mantenere la popolazione esistente.

Che la crescita demografica fosse giunta al suo apice o meno, resta il fatto che la peste provocò una serie di mutamenti strutturali in Europa sia dal punto di vista economico, sia sociale, sia nella mentalità. Tanto più che la “peste nera” del 1347 fu una prima ondata. Da quel momento, fino al 1500 la peste si ripresentò con una cadenza di 6-12 anni; poi ogni 10-20 anni.

La morte di circa un terzo della popolazione europea ebbe ovvie ripercussioni nell’economia. In una società nella quale il progresso tecnologico era ancora modesto, ciò significò un impoverimento della produzione agricola, una drastica diminuzione dei commerci e di attività: semplicemente, molte industrie e attività avrebbero cessato di funzionare a causa della drastica diminuzione della manodopera nel volgere di pochi mesi.

Tuttavia, se coloro che potevano permetterselo fuggivano lontano e in zone che ritenevano più sicure, vi era anche chi restava per libera scelta: per il variegato mondo dell’artigianato, ad esempio, la peste portò un arricchimento dovuto alla minore concorrenza. Non solo: determinate professioni avrebbero richiesto un costante numero di lavoratori: i medici, ovviamente, dato che non pochi di loro morivano a contatto con gli appestati; i notai, per quelli in fin di vita che volevano andarsene con le cose in regola; i becchini, per ovvie ragioni. Quindi, nonostante i vari tentativi di rallentarne lo sviluppo, sul lungo periodo, peste significò anche “maggiori opportunità e una maggiore mobilità”.

In una società che contava 75/80 milioni di abitanti sul finire del Duecento e se ne ritrovò 20/40 nel 1430 (p. 34), gli impatti e le ripercussioni di un’epidemia così devastanti incisero anche per altri aspetti. La morte repentina di migliaia, decine di migliaia di persone che mettevano in ginocchio città e intere zone, favorì l’irrobustirsi della presenza dello Stato nella vita dei cittadini: le sepolture nelle fosse comuni andavano organizzate, così come doveva essere organizzato il soccorso agli infettati, fossero essi rinchiusi nei lazzaretti o forzatamente sigillati in casa; l’approvvigionamento alimentare e di merci delle città doveva pur continuare e la manodopera deceduta sostituita; dal momento che si riteneva che la peste fosse dovuta a miasmi che corrompevano l’aria, le città dovevano essere ripulite.

La peste a Londra nel 1665. Fumigazioni per purificare l’aria.
L’intervento dello Stato e delle autorità

I cittadini sperimentarono, forse come mai prima, l’ingerenza dello Stato e delle autorità politiche cittadine nella loro vita: il soccorso a coloro che non potevano lavorare, a lazzaretti e ospedali costava caro. In genere per le spese di questo genere ci si affidò alla carità privata, che di norma dimostrò grande solidarietà (gli autori riportano il caso di Pistoia, di Londra e di Marsiglia. A Pistoia il 45 per cento del denaro speso durante l’epidemia arrivò dalla beneficenza pubblica, p. 79), ma fiumi di denaro erano necessari per far fronte a commerci rallentati (le navi ferme in quarantena), pagare specialisti (alcuni medici richiesero grosse somme per prestare servizio. Nella epidemia di Marsiglia del 1720 un medico richiese 6.000 lire al mese e successivamente 1.000 lire di pensione annua per sè, sua moglie e i figli, p. 129) e mantenere quei lavoratori ai quali le autorità limitavano le attività (macellai, conciatori, pescatori e tutti coloro che svolgevano mestieri insalubri che emanavano cattivo odore). In pratica, il carico fiscale su coloro che rimasero aumentò.

Non basta: la difficoltà nei rifornimenti e la mancanza di merci potevano innescare turbolenze nella popolazione, molto temute dalle autorità. Città e Stati dovettero organizzare sistemi di vigilanza molto articolati per impedire di uscire a coloro che erano stati relegati in casa (una soluzione particolarmente usata in Italia), per evitare assembramenti che avrebbero facilitato il diffondersi del contagio e facilitato sommosse, per contrastare atti di sciacallaggio e disordini, per approntare cordoni sanitari affinché la popolazione sana non fuggisse lasciando vuote le città e forestieri non vi entrassero.

Stati e città-stato furono dunque costretti a implementare una serie di misure più o meno coercitive alla popolazione (e in questo le città-stato furono molto più efficienti dei grandi stati monarchici come Francia e Inghilterra): un medico palermitano riassunse molto bene tutto questo inventando il motto: “oro fuoco e forca” intendo: soldi per non far tracollare la vita cittadina, fuoco per distruggere gli oggetti contaminati, e la forca per ricordare cosa sarebbe capitato a chi disobbediva agli ordini (p. 65). L’accenno alla forca dimostra che quell’insieme di misure erano mal sopportate dalla popolazione, tanto più che autorità cittadine e medici non riuscivano ad arrestare l’epidemia.

Non era difficile accusare le autorità e i medici di inefficienza: la gente continuava a morire a frotte. Entrambi erano gelosi delle proprie prerogative ed entrambe vedevano nella epidemia una opportunità per irrobustire i consolidare il proprio potere. In più, come nel caso di Londra ma anche in altri, funzionari, medici e religiosi abbandonarono in fretta e furia la città, lasciando i cittadini in balia della peste.

In realtà, c’era bene poco da fare. La medicina era disarmata di fronte al flagello. Partendo dal presupposto errato che la peste fosse provocata da miasmi e non fosse contagiosa, non poteva fare altro che offrire consigli di prevenzione piuttosto che di cura: gli abiti e le cose degli infetti dovevano essere bruciati, fumigazioni nelle strade e nelle case, gli appestati morti ricoperti di calce viva e le loro case ripulite a fondo. Nei lazzaretti e negli ospedali, veri e propri gironi infernali, la gente moriva in massa.

Le reazioni popolari – I cambiamenti nella mentalità.

Di fronte a un fenomeno di queste dimensioni e con l’impotenza palese nel contrastarlo le reazioni della gente comune furono molteplici. Potevano oscillare dallo sperperare e nel godersi i (pochi) giorni che restavano da vivere di fronte a una morte certa, come dal rinchiudersi in conventi a meditare sui peccati dell’uomo e del mondo che, avendo scatenato l’ira divina, ora si ritrovavano nel mezzo di una punizione più che esemplare.

Tra questi due estremi, vivere col pericolo concreto e quotidiano di lasciarci le penne ogni giorno, con più tasse imposte da persone che anziché assumersi le proprie responsabilità era scappata non appena si era capito che la situazione volgeva al peggio oppure, nel caso fossero rimaste, avevano imposto regolamenti draconiani urtando anche sensibilità profonde (come le sepolture in fosse comuni, p. 76) e davano prova di incompetenza, non era una prospettiva allettante per nessuno. Era un cumulo di tensioni che richiedeva qualche tipo di sfogo.

In questo senso fu facile trovare capri espiatori in coloro che, per una qualunque ragione, si discostasse dal sentire comune: lebbrosi, ebrei, accattoni, vagabondi e prostitute furono fatti bersaglio di persecuzioni, espulsioni, esecuzioni un po’ ovunque. Fu facile o comodo per le autorità indirizzare o tollerare verso questi soggetti il risentimento popolare.

Se la peste era un castigo di Dio, chi meglio degli ebrei, in quanto uccisori di Cristo e (presunti) autori di altre nefandezze, poteva incarnare il ruolo di capro espiatorio? A seguito delle persecuzioni subite, “nel 1550 non erano rimasti quasi più ebrei in Europa” (pp. 52-53).

D’altra parte, se come dicevano i medici, la malattia era frutto della “corruzione” dell’aria quel termine – corruzione – poteva facilmente essere adattato anche ai comportamenti. Essendo la peste già presente nel territorio e nelle cose e si manifestava a causa della loro corruzione, essendo gli uomini peccatori (e quindi corrotti) ecco che quelli tra coloro che lo erano di più potevano essere accusati di essere i responsabili dell’epidemia da coloro che lo erano (o ritenevano di esserlo) meno: poveri, mendicanti, vagabondi, omosessuali e prostitute erano da questo punto di vista un bersaglio perfetto.

I medici consigliavano le fumigazioni per purificare l’aria. L’insalubrità era considerata una condizione ideale per il diffondersi del male. Nella seconda epidemia si capì ben presto che la peste infuriava molto di più nei quartieri poveri che in quelli ricchi. Dunque, poveri, vagabondi e mendicanti erano possibili incubatori del morbo.

Le cose stavano diversamente per quel che riguardava la prostituzione. I bordelli erano sotto il controllo cittadino, pagavano le tasse e la sua frequentazione era considerata normale: i padri incoraggiavano i figli ad andarci. Dunque la ragione dell’attacco alla prostituzione non poteva provenire dalla “vergogna” (p. 57). Le ragioni erano più profonde. L’Europa si stava spopolando a ritmi spaventosi. Per fermare l’emorragia scagliarsi contro pratiche sessuali che non sfociavano in un incremento demografico era un modo per cominciare a ripopolare il continente. Dunque, e questo è l’essenziale, la peste provocò una trasformazione profonda nella idea di sessualità e nei costumi.

Conclusioni

Così come la ragione per la quale si scatenò nell’Europa del 1347 e periodicamente si ripresentasse non è chiara, non si sa nemmeno perché dopo rigurgiti fin dentro all’800 la peste se ne sia andata. Quello che è certo è che la peste ha sedimentato reazioni profonde che riemergono, appunto, quando i popoli vengono sottoposti a “stress” pesanti e prolungati: lo si è visto in occasione della “mucca pazza”, dell’aviaria e nelle reazioni occidentali a un piccolo focolaio di peste in India poco tempo fa.

Uno dei temi costanti di questo libro è la paura, un concetto che si incarna in molte sfaccettature: paura dell’altro e del diverso, del povero, del governo, di qualcosa di sconosciuto che irrompe e che sfugge al nostro controllo. Un bel tema da approfondire con altre letture.

Gli ultimi capitoli, che trattano delle “pesti minori” (vaiolo, sifilide ecc.) e le conclusioni sono molto istruttive su questi aspetti.

La peste in Europa oltre ad essere un bel libro che si legge con piacere è un ottimo punto di partenza per studiare e approfondire argomenti macabri ma affascinanti.

Matteo Banzola

Quotidiani di sinistra: Avanti! e l’Unità digitalizzati

La biblioteca del Senato ha intrapreso vari progetti di digitalizzazione. I tempi non sono dei più veloci ma alcuni risultati più che apprezzabili sono stati raggiunti. Qui ci limitiamo a segnalare che è stata portata a termine la digitalizzazione dell’Avanti!,


storica testata posseduta in formato cartaceo dalla biblioteca a partire dall’anno 1904.
Grazie ad un accordo sottoscritto con l’Istituto di studi storici Gaetano Salvemini di Torino, che ha condotto l’opera di digitalizzazione consentendone la pubblicazione sul sito della Biblioteca del Senato, si aggiunge così un tassello al generale progetto di ampliamento delle risorse digitali e digitalizzate cui la Biblioteca (e il Polo bibliotecario parlamentare nel suo complesso) attende da diversi anni, al fine di favorire la libera consultazione online di parti sempre crescenti del suo patrimonio.
L’Avanti! costituisce uno dei giornali più rilevanti della storia politica italiana. Pubblicato per la prima volta a Roma nel 1896 in seguito allo straordinario risultato elettorale ottenuto dal partito socialista nelle elezioni del 1895, il quotidiano diventerà da allora un punto di riferimento irrinunciabile all’interno del dibattito politico e culturale della penisola, raccogliendo nelle sue pagine gli articoli dei maggiori leaderspolitici del socialismo italiano e degli esponenti, tra i più prestigiosi, della letteratura del tempo. Innumerevoli sono state le battaglie condotte dalle pagine del giornale: dal sostegno al nascente movimento operaio alla lotta per il parlamentarismo, dalla rivendicazione per una legislazione sociale al contrasto al fascismo, dalla scelta repubblicana alla rottura con il partito comunista. Un ruolo da protagonista durato più di un secolo e che manterrà fino al 1993, anno in cui cesserà le pubblicazioni.

Cito dalla presentazione del progetto.

Lo trovate qui: http://avanti.senato.it/avanti/controller.php?page=guida

Molti tra coloro che frequentano questo blog avranno consultato, parecchio tempo fa ormai, un’altra delle testate storiche della sinistra italiana: L’Unità.

Il giornale poi improvvisamente sparì e non se ne ebbe più traccia, se non attraverso un percorso assai tortuoso. Ora Internet Archive ospita la testata nel suo sito per il periodo repubblicano: L’Unità è infatti disponibile dal 1946 al 2014. https://archive.org/details/lunita_newspaper

(Un buon esempio di ironia della storia: gli Stati Uniti che rendono disponibile il quotidiano di quello che fu il più forte Partito comunista del mondo occidentale… 🙂 )

Siti per la storia della medicina

Per chi come me si occupa di storia della medicina, Biu Santè è veramente una manna dal cielo. La storia della medicina non riguarda esclusivamente le varie specializzazioni mediche, ma è una delle chiavi più efficaci per comprendere la società e la storia in generale di un Paese.

In medicina la specializzazione progredì lentamente. Fino all’Ottocento inoltrato il medico non era esclusivamente un dottore, ma anche un “filosofo”, un professionista il cui mestiere si allacciava alla cultura, alla mentalità, alle abitudini, e quindi, in sintesi, alla sociologia e alla storia del proprio Paese.

Le opere dei medici sono quindi degli ottimi “sismografi” per capire i mutamenti profondi della società. Gli storici lo sanno bene, ma non è detto che i lettori siano altrettanto informati. Si può fare l’esempio del lavoro di Alexandre du Chatelet sulla prostituzione a Parigi, un’opera nella quale la prostituzione comincia ad essere considerata con occhi diversi rispetto al passato e sta diventando un problema di ordine pubblico (la prefazione è scritta da un’alienista, Leuret, uno psichiatra).

In quell’opera corposa, c’è molto di più di osservazioni di carattere medico: vi si trovano statistiche e dati sulla provenienza, età, professione delle prostitute , sui quartieri della città, sulle condizioni igienico-sanitarie di arrondissement e abitazioni, sull’immigrazione regolare e clandestina in città e molto altro ancora. Lo stesso discorso si potrebbe replicare con alcune opere di medici sulle conseguenze sociali della rivoluzione industriale in Inghilterra e di molti altri.

Da questo punto di vista, spesso sono le opere di medici semi sconosciuti già al tempo in cui scrivevano a risultare fonti preziose per lo storico. Dai cibi adulterati al problema dell’approvvigionamento idrico delle città, dai ritrovati della farmaceutica all’architettura degli ospedali; dalle conseguenze dei lavori manuali sulla salute ai problemi legati all’ereditarietà… le fonti di ispirazione o le piste per approfondire sono innumerevoli.

Ed ecco che quindi questo sito diventa fondamentale, un aiuto indispensabile per chi voglia approfondire un po’ di cose. Primo perché al momento sono consultabili e scaricabili 49 dizionari (una fonte indispensabile per seguire il mutare dei concetti e l’evoluzione della medicina) e le annate di 39 riviste specializzate; in secondo luogo, vi è una sezione dedicata alle tesi di laurea ottocentesche (un altro tipo di fonte); terzo perché, oltre ad altre varie sottosezioni (tra le quali, anche, splendide raccolte di immagini), vi sono migliaia di opere digitalizzate.

Biu Santè è ottimamente suddiviso per temi, categorie, novità mese per mese messe on line. Un sito prezioso per saperne di più sulla storia della medicina, sulla Francia e non solo, dato che vi si trovano molte opere in altre lingue.

Biu Santé. Sala di lettura

Se lo scopo di un sito è anche quello di incuriosire chi non va a colpo sicuro, Biu Santè, ha centrato in pieno l’obiettivo. Biu-Santé

Accademia di medicina di Torino

In Italia non disponiamo purtroppo di un progetto di simili proporzioni. Qualcosa di simile però è stato realizzato dall’Accademia di Medicina di Torino la quale ha già digitalizzato centinaia di opere di autori prevalentemente italiani ma non solo. Particolarmente preziosi sono i Dizionari e i Trattati, altrimenti introvabili in Internet.
Accademia di medicina di Torino

Accademia di Medicina di Torino. Biblioteca. Sala di lettura.

Il lettore italiano deve fare lo sforzo di navigare un po’ qui e un po là per recuperare materiale digitalizzato. L’emeroteca della Biblioteca Centrale di Roma offre un buon numero di riviste specializzate: Periodici e giornali digitalizzati Parte I

Altre opere possono essere recuperate dalla Biblioteca europea di informazione e cultura (BEIC), che dispone di una sezione di circa 700 testi di medicina e di storia della medicina: https://www.beic.it/it/articoli/storia-della-medicina

Un certo numero di testi di medicina – in particolare sul Colera – si trovano nel Progetto Scaffali Online della Biblioteca Archiginnasio di Bologna e altri ne incontreremo in altri progetti.

Ma fortunatamente le biblioteche straniere vengono in aiuto al lettore italiano. http://archive.org/ ospita tre grandi biblioteche tematiche: la Medical Heritage Library con 285.000 libri dei quali poco più di 3.000 sono in italiano https://archive.org/details/medicalheritagelibrary?and%5B%5D=languageSorter%3A%22Italian%22&sort=-publicdate, la US National Library of Medicine con circa 18.000 testi disponibili, dei quali però soltanto 27 in italiano e la Wellcome Library, incorporata nella Medical Heritage Library.

Direi che ce n’è abbastanza per parecchio tempo…

Periodici e giornali digitalizzati Parte II

Continua il nostro viaggio alla ricerca di giornali e periodici. Serve un po’ di pazienza, ma la storia stessa del nostro Paese ci viene in soccorso:

le 100 città, avevano altrettante accademie, biblioteche, in molti casi Università: ci si può muovere anche seguendo questi percorsi. In ogni caso alla fine i risultati vengono fuori.

Si può portare l’esempio di periodici. Nella Biblioteca Digitale Ligure troviamo ad esempio Il Lavoro, che

uscì sotto la direzione del parlamentare socialista Giuseppe Canepa, diventando anche sotto il regime fascista la voce delle istanze sociali e sindacali dei portuali genovesi. In seguito organo della federazione socialista ligure, dal 1947 al 1968 ebbe come direttore Sandro Pertini. Dal 1992 ha cessato di esistere come testata autonoma ed è stato assorbito nelle pagine locali del quotidiano La Repubblica.

Il progetto prevede la digitalizzazione del periodico dall’anno della fondazione, 1907, al 1958, ma al momento è disponibile fino al 1942.

Restiamo in Liguria. Se ci ci spostiamo a Savona, la Biblioteca civica Barrili ci mette a disposizione un fondo locale di oltre trenta testate, tra le quali si segnalano: Il Popolano ligure, Il Saggiatore, Il Diario savonese, La Gazzetta di Savona, Il Letimbro, La Liguria Occidentale, Il Mare, Il Marciapiede, La voce dei Lavoratori, La Barcaccia, La Penna, La Voce Savonese, Bandiera Rossa. Le testate sono state inserite nella Biblioteca Digitale Ligure Biblioteca Digitale Ligure

Scendiamo un pò più giù e prendiamo il caso di Faenza, nella mia Romagna.  Per il materiale che stiamo seguendo qui,  vi troviamo nove testate: Il LamoneIl PiccoloIl PopoloIl SocialistaL’Azione democratica, L’ImparzialeManfredianaLa Fira D’ S. PirLa Rivolta IdealeBiblioteca Digitale Faentina

fermiamoci in Romagna per dare uno sguardo uno sguardo alla Biblioteca Digitale Romagnola. Biblioteca Digitale Romagnola . Ospita una quarantina di testate, tra le quali la Santa Milizia, l’organo del fascismo ravennate, recentemente digitalizzata.

Chi cerca trova, dice il proverbio. Con un po’ di pazienza il materiale salta fuori. Buona navigazione.

Centro Interuniversitario per la storia delle Università italiane (CISUI) e altro

Il CISUI

Riprendo dalla presentazione del Centro Interuniversitario:

Il Centro interuniversitario per la storia delle università italiane (Cisui) è stato creato nel 1996 da un gruppo di studiosi appartenenti alle Università di Bologna, Padova, Messina e Sassari con l’intento di incrementare le attività di ricerca nel settore della storiografia universitaria. Il Cisui si è proposto, fin dalla sua fondazione, come struttura di coordinamento fra i diversi Istituti e Centri che operano nel settore della storia universitaria presso i vari Atenei.

In questi anni le adesioni sono cresciute ed oggi al Cisui fanno capo gli studiosi di 25 università (Bari, Bologna, Chieti-Pescara, Ferrara, Genova, Macerata, Messina, Milano “L. Bocconi”, Milano Politecnico, Modena e Reggio Emilia, Napoli Università della Campania “L. Vanvitelli”, Padova, Parma, Pavia, Perugia, Pisa, Pisa Scuola Normale Superiore, Sassari, Siena Stranieri, Torino, Trento, Urbino, Venezia Ca’ Foscari, Verona, Viterbo Università della Tuscia).

Il Cisui è ospitato presso l’Università di Bologna (Centro di servizi Archivio storico); le sue attività sono coordinate da una Giunta, un Consiglio di gestione ed un Comitato scientifico.

Dei comitati scientifici e del Consiglio di Gestione fanno parte alcuni degli studiosi più rinomati a livello nazionale e internazionale. Gli Annali che il Centro pubblica sono dunque pubblicazioni di alto livelle scientifico. On line sono disponibili 18 volumi. Materiale prezioso per seguire lo sviluppo, i successi e i limiti degli atenei italiani.

Centro Interuniversitario per la Storia delle Università Italiane (CISUI)

Inoltre, attraverso il sito, il Centro Interuniversitario offre varie possibilità di approfondimento tramite links che indirizzano ad alcuni atenei (con informazioni sul materiale archivistico e documentale da loro conservato), una ottima Bibliografia, l’Attività scientifica con la segnalazione di convegni, seminari, giornate di studio ecc., e altre pubblicazioni del Centro Interuniversitario stesso.

Fondamentali sono gli Annali di Storia delle Università Italiane dei quali possiamo disporre per i primi 18 volumi. 

Sarebbe molto utile, oltre che molto bello, che il Centro patrocinasse e promuovesse un progetto per la digitalizzazione degli Annuari degli anni accademici, fonti forse non molto conosciute al di fuori della cerchia degli specialisti, ma insostituibili e utilissime per seguire la storia delle Università: Centro Interuniversitario per la Storia delle Università Italiane

Università di Torino

La Rivista di Storia dell’Università di Torino prosegue la precedente esperienza dei Quaderni di Storia dell’Università di Torino, che sono usciti in dieci numeri dal 1996 al 2011, sotto forma di monografie.

Composta da Comitati scientifici (nazionale e internazionale), la Rivista di Storia dell’Università di Torino (RSUT) intende presentare la storia dell’Università di Torino nella sua dimensione più ampia, quella di un’istituzione culturale che la sua lunga tradizione e il suo rilevante prestigio, specie in alcuni campi dello scibile, hanno inserito in una fitta trama di rapporti con la cultura locale, nazionale e internazionale. La Rivista si propone di declinare la storia “interna” dell’Ateneo in una prospettiva più ampia, nel cui contesto l’Università diventi un oggetto di osservazione sul quale far convergere molteplici sensibilità teoriche e la massima pluralità di approcci storiografici e disciplinari.

On line sono disponibili i volumi pubblicati dal 2012 al 2017. Non tutti i saggi sono disponibili, tuttavia il materiale fruibile è abbondante ed è applicato ad un arco cronologico di “lunga durata”. Ogni volume è composto da due fascicoli. I saggi consultabili sono disponibili in formato PDF ed è possibile scaricarli liberamente.

La trovate qui:Rivista di Storia dell’Uiversità di Torino

Università di Pavia

L’Università di Pavia mette a disposizione due splendidi progetti. Ha digitalizzato gli Annuari dagli anni accademici 1859-60 al 1959-60 e, in un unico volume, quelli dal 1985 al 2003. Uno splendido servizio per i ricercatori di cui, con tutte le ragioni, l’Ateneo va orgoglioso: Annuari dell’Università di Pavia

Non solo. Ha digitalizzato anche la Storia dell’Università di Pavia in due volumi per quattro tomi complessivi. Storia dell’Univrersità di Pavia

Ci auguriamo che questo esempio venga seguito al più presto anche da altri Atenei.

Recensione: Robert Darnton I censori all’opera

Chi erano i censori? Che lavoro facevano esattamente? Semplici guardiani dell’ortodossia o letterati a loro volta? Come consideravano il lavoro che facevano e, quindi, sé stessi? E’ possibile considerarli una sorta di revisori editoriali?

Nei tre saggi che compongono il libro di Robert Darnton ci guida in tre epoche storiche differenti per vedere all’opera i censori in tre diversi Stati: la Francia prerivoluzionaria, dalla metà del secolo a poco prima del 1789: nell’Impero della Gran Bretagna, e più precisamente in India, della seconda metà dell’Ottocento e infine nella Repubblica Democratica Tedesca (DDR).

Darnton ci regala un viaggio affascinante e pieno di sorprese.

Censori nella Francia pre-rivoluzionaria

Nella Francia del Settecento (campo in cui Darnton è specialista), troviamo censori più attenti allo stile che al contenuto dei testi; troviamo il loro capo – Malesherbes – amico (o comunque non nemico) dei philosopes illuministi, troviamo tutta una serie di escamotages per far pubblicare testi che altrimenti avrebbero avuto serie difficoltà a finire negli scaffali delle librerie; troviamo “alcuni giudizi […] da sembrare delle vere e proprie recensioni letterarie” (p. 33).

Non vi sono “buoni” e “cattivi” impegnati in una lotta all’ultimo sangue. Dal momento che il mestiere di censore non era quasi mai retribuito si potrebbe pensare ad una scelta precisa del censore, ad una sorta di vocazione che potrebbe far considerare questi come personaggi particolarmente bigotti dalla mentalità ristretta, ad una sorta di inquisitore moderno insomma. Ma Darnton ci mostra che le cose non erano affatto poste in questi termini: scrittori e censori provenivano dagli stessi ambienti sociali, culturali e di classe. E questo collante faceva sì che il censore, che si riteneva difensore della buona letteratura, intervenisse molto più spesso per migliorare il testo dal punto di vista stilistico o linguistico piuttosto che per vietarne la pubblicazione. Tagli, ma anche consigli; obiezioni, ma anche correzioni. Piuttosto, si diventava censori perché, sebbene fosse un’incombenza spesso noiosa, garantiva relazioni con personaggi importanti della burocrazie e delle carico dello Stato.

Naturalmente vi erano temi proibiti che bisognava affrontare con tutte le cautele possibili. Attaccare frontalmente la corona o la chiesa poteva essere pericoloso: argomenti  come il giansenismo erano “caldi” e spinosi. Ma erano temi che, tra l’altro, potevano raffreddarsi o surriscaldarsi a seconda dei momenti e delle contingenze (una guerra, un contenzioso diplomatico o la loro fine). I filosofi più temibili come Voltaire spesso facevano stampare le proprie opere da editori che operavano fuori confine e che poi le rimandavano clandestinamente in Francia con frontespizi forvianti (editori-librai inesistenti o stranieri). I censori, e Malesherbes per primo, sapevano dell’esistenza di questo mercato e sapevano che alcuni scrittori di fama se ne servivano, ma si muovevano con attenzione nel contrastarlo e spesso chiudevano un occhio.

Diverso il discorso quando ad essere attaccata erano la vita a corte e la vita privata del re e della sua famiglia. Allora l’opera di contrasto del mercato librario clandestino – fruttuoso e in mano a gente di pochi scrupoli – si intensificava per mano non tanto dei censori in quanto tali, ma della polizia. Particolarmente pericolosi erano considerati i romanzi “a chiave” (nei quali i protagonisti rimandavano a personaggi esistenti) che gettavano nel ridicolo potenti e reali. La pericolosità non consisteva nella qualità delle opere – erano romanzetti da quattro soldi scritti male – ma nei temi che trattavano: potenti e pornografia. Darnton ci mostra e ci guida in questo mercato e nel suo suo funzionamento con pagine davvero piacevoli, ricolme di depositi clandestini, editori-pirata, banchetti in zone franche delle città dove rifornirsi di questo materiale. Tutto un mondo da esplorare.

Censori nella DDR

Salto per il momento il secondo saggio e mi ricollego direttamente al terzo perché, nonostante il lasso di tempo intercorso, anche i censori della DDR si vedevano come custodi della buona letteratura (socialista).

A mio parere tra tutti i Paesi socialisti la DDR è il caso più interessante. Chi ha letto il bel libro di Gianluca Falanga, Il ministero della paranoia. Storia della StasiIl ministero della paranoia – conosce l’impressionante pervasività del regime in tutti i rami e in tutti gli aspetti della vita delle persone. Una capacità di penetrazione che ha lasciato sbigottiti gli stessi cittadini e perfino i sovietici.

Il regime perfezionò col tempo una miriade di metodi di spionaggio soprattutto per il fatto che una parte della sua popolazione, sfruttando la possibilità di captare programmi televisivi e radiofonici della Germania occidentale, aveva un’idea piuttosto precisa del divario tra le due Germanie. Era una realtà con la quale il regime doveva fare i conti. Non solo, le continue fughe all’Ovest di intellettuali che poi denunciavano il socialismo reale erano una vera spina nel fianco del regime che lo costringeva, quanto meno in alcuni filoni della produzione culturale, a tenere alto il livello delle pubblicazioni e delle opere artistiche.

È per questo motivo che, cosa apparentemente insospettabile, Darnton registra una certa flessibilità della censura. Il percorso di un libro dalle bozze dello scrittore alla pubblicazione era un vero e proprio labirinto pieno di tappe e patteggiamenti. Ma se si escludono alcuni argomenti tabù come l’inquinamento, una satira politica particolarmente feroce e sfrontata, temi sociali “caldi” – anche qui, esattamente come nella Francia del Settecento – raramente un’opera veniva cassata definitivamente. Di norma veniva posticipata a tempi migliori. E, cosa ancora più sorprendente, erano gli stessi censori a trovare i modi per inserirle negli elenchi delle pubblicazioni programmate dal regime.

Ciò non significa affatto che la censura non fosse pesante e che la sua ombra non incombesse sugli autori sebbene ufficialmente non esistesse. Anche quando negli anni Ottanta si attenuò decisamente, non scomparve. Tutt’altro: gli stessi autori, più o meno consapevolmente, immaginando nel corso della stesura delle loro opere le richieste e i divieti del regime, arrivavano ad autocensurarsi. Inoltre, la presenza della censura era solo una delle armi in mano al regime: autorizzare viaggi e conferenze all’estero, elargire piccoli privilegi come l’abbonamento a giornali e riviste della Germania occidentale (a patto che poi, il materiale ricavato, venisse usato per opere contro il capitalismo), garantire alte tirature erano tutti modi usati per “addolcire” gli autori e tenerli dalla propria parte.

Ma nel complesso il quadro che ci illustra Darnton è meno inquietante di quanto ci si aspetterebbe: all’interno di un regime incredibilmente burocratizzato, da un lato censori e case editrici – sebbene infiltrati sia da esponenti del partito sia dalla Stasi – e scrittori dall’altro erano capaci di creare interstizi, spazi di manovra che erano frutto di laboriosi patteggiamenti e che non di rado sfociavano in un rapporto di reciproca stima. Il dato paradossale è che lo spazio per manovrare derivava proprio dall’accavallarsi delle funzioni e dei compiti tra Stato, partito e Stasi: non essendo ben definiti i ruoli, si presentavano dei “vuoti” di competenza che era possibile mettere a frutto.

Censori nell’Impero britannico. Il caso dell’India

Il secondo saggio è interessante quanto gli altri, ma ha un’articolazione meno ricca di sfaccettature. Prende in esame la censura operata in India dopo una rivolta del 1858 dovuta proprio a una conoscenza insufficiente della cultura indiana da parte dei dominatori e si protrae fino ai primi anni del Novecento.

Tutto il saggio mostra le contraddizioni create dall’intreccio tra liberalismo e imperialismo inglese in India, destinate inevitabilmente ad esplodere. La vastità del territorio e la quantità dei suoi abitanti aveva costretto gli Inglesi ad una forma di dominio basata sulla cooptazione di personale politico locale. Portando i benefici della “civilizzazione” liberale (istruzione, medicine, vie di comunicazione ecc.) e coltivando un’élite occidentalizzata dal punto di vista culturale, in realtà gli inglesi si scavarono lentamente la fossa sotto i piedi. Non poteva essere altrimenti dal momento che essi stessi fornivano agli indiani strumenti per alimentare sentimenti nazionalistici. Sentimenti destinati a diventare tanto più attraenti in quanto l’incomprensione degli inglesi (cioè della cultura occidentale) della cultura autoctona, spingeva la popolazione verso forme di radicalizzazione politica e culturale contro gli stessi dominatori. Come dimostra il saggio, l’esplosione era solo rimandata dal progressivo appropriarsi della cultura indiana da parte degli inglesi. Prima o poi l’India si sarebbe ribellata. Era solo una questione di tempo.

La censura riguardava non solo le opere spiccatamente scritte contro i dominatori, ma prendeva di mira proprio quegli aspetti della cultura indiana incomprensibili e barbari agli occhi degli occidentali. Perfino un religioso irlandese, che aveva messo in guardia dai pericoli di queste operazioni, finì per essere portato in tribunale dai piantatori di indaco.

Osservazioni

La novità del libro di Darnton risiede nello sguardo. Darnton osserva il suo materiale non con gli occhi della vittima ma con quelli del carnefice. E’ questa la chiave che si consente di penetrare nei processi di contrattazione e negoziazione tra le parti. Ogni sistema contiene delle falle: lo riconosceva la Francia settecentesca, nonostante la libertà di opinione e di stampa non fosse prevista, con la pubblicazione di opere dovuta all’intervento di protettori che difendevano i letterati; lo sapevano gli indiani, che citavano spesso la legislazione inglese che tutelava ufficialmente la libertà di espressione  – e lo riconosceva involontariamente lo stesso governo britannico quando dovette inventarsi il nebuloso concetto di “disaffezione nei confronti del governo” per giustificare l’opera censoria; lo sapevano gli scrittori della DDR quando lasciavano intendere che avrebbero fatto pubblicare le loro opere nella Germania occidentale.

La prospettiva di Darnton consente quindi di misurare alcuni dei confini di un conflitto  ben più vasto e complesso di quanto sia possibile afferrare dall’esame di uno scontro frontale tra repressione e libertà. Diluendone i confini l’Autore mostra che il potere è meno forte, meno granitico e meno invasivo di quanto appaia a prima vista.

Oppure, volendo, Darnton dimostra come il potere senza intelligenza non abbia scampo: tutti i e tre i regimi sono falliti, ma la domanda che ci si pone leggendo queste pagine è: se non fossero stati così duttili sarebbero stati in grado di resistere così a lungo? In Francia l’Illuminismo scavò per un secolo prima di riuscire a minare definitivamente le fondamenta dell’Ancien Régime.

Per certi aspetti la Gran Bretagna, nei confronti dell’India, si scavò la fossa sotto i piedi: nel corso della sua dominazione, poco alla volta essa fornì tutti gli strumenti affinché un giorno l’India potesse camminare sulle proprie gambe, e quando quel giorno si presentò (all’indomani della seconda guerra mondiale dalla quale l’Inghilterra uscì enormemente impoverita) gli indiani colsero l’occasione al volo.

Per quanto paranoico fosse, il regime della DDR doveva fare i conti col fatto che, nonostante il muro, mezza Berlino aveva contatti quotidiani col mondo occidentale e poteva constatare continuamente quanto la Germania Occidentale fosse incredibilmente più funzionante e ricca di quella socialista. Senza una serie di contromisure basate su una qualche forma di tolleranza (sia pure sempre controllabile) il regime sarebbe andato incontro a tensioni molto più frequenti e violente.

Questo libro dovrebbe essere studiato attentamente da tutti gli studenti di storia. Lo stile di Darnton, sciolto, agile e accattivante è intessuto di molte domande con le quali l’Autore interroga la vasta documentazione esaminata, di esempi di come si “decifrano” linguaggi diversi dal nostro, di come si possono collegare tra loro documenti diversi e distanti tra loro. I Censori all’opera non è solo un libro di storia, né un racconto critico della storia. E’ anche una splendida lezione di metodo storico.

Matteo Banzola

Polo del ‘900. Un archivio per la memoria e la storia

Il Polo del ‘900 di Torino è una delle più importanti iniziative realizzate nell’ambito della conservazione e della divulgazione di materiale archivistico. Frutto dello sforzo congiunto del Comune di Torino, della Regione Piemonte e della Fondazione San Paolo, il Polo del ‘900 convoglia e coordina la collaborazione di 19 enti. Risultato? Dopo due anni di lavoro, 85.000 documenti, 12.000 fotografie, 4.000 manifesti sulla memoria storica novecentesca italiana, dalla nascita della Repubblica al Sessantotto.

Sulla natura e sullo scopo del progetto si può far riferimento a quanto dichiarato nella conferenza di presentazione:

La piattaforma nasce come risposta a un’esigenza specifica, perché c’era una frammentazione di istituti che stavano trovando casa, portandosi dietro un’eterogeneità fatta di banche dati diverse e di sistemi ormai in disuso […] . Per cui, bisognava traghettare questi archivi digitali in una piattaforma unica, in uno spazio ragionato ma aperto a tutti, non solo agli addetti ai lavori come gli storici

Per farci un’idea dell’imponenza e della quantità del materiale, dobbiamo fare riferimento a 9 chilometri lineari tra libri e documenti di archivio, 130.000 fotografie, 21.000 manifesti, 53.000 audiovisivi, di cui 400.000 documenti già digitalizzati, ma in modo disomogeneo e quindi da catalogare in modo coerente.

Studenti, studiosi e storici dispongono ora di un materiale tanto imponente quanto fondamentale per l’approfondimento della nostra storia recente, col vantaggio di poterne usufruire in un unico contesto. Facilitazione non da poco in un Paese in cui, per ragioni storiche, essendo la documentazione spesso dispersa in vari centri rallenta il lavoro degli studiosi (oltre che alleggerire le loro tasche a causa degli spostamenti necessari.

Una gran bella realizzazione, davvero meritoria, che potete esplorare qui:Archivi del ‘900

La repressione durante il ventennio. Un portale sui campi fascisti

Con in tempi che corrono, in un Paese come il nostro che fa della rimozione della memoria e della propria storia una pratica quotidiana (un ex Presidente del Consiglio, riferendosi al confino, disse tempo fa che Mussolini “mandava in vacanza” gli oppositori del regime fascista), questo sito è esattamente quel che ci vuole. Il sito in questione è I campi fascisti.

Un sito che si propone di diventare

un centro di documentazione on line sull’internamento e la prigionia come pratiche di repressione messe in atto dallo Stato italiano nel periodo che va dalla presa del potere da parte di Benito Mussolini (1922) fino alla fine della seconda guerra mondiale (1945)

e che intende raggiungere il proprio obiettivo partendo non “dagli avvenimenti storici, bensì dai luoghi”, intendendo per questi ultimi

le località di confino, le carceri, i campi di concentramento, i comuni di internamento e quanto altro possa emergere dalla ricerca storica come contesto in cui siano state messe in atto queste pratiche repressive rivolte verso oppositori politici, specifiche categorie sociali, gruppi religiosi, civili e militari di stati stranieri coinvolti in guerre od occupazioni militari.

I diversi luoghi così identificati vengono documentati attraverso più tipi di fonti (documentazione originale, letteratura scientifica, testimonianze dirette, fotografie, filmati, eccetera), pubblicate [on line]

Il sito, come ribadiscono gli autori, è infatti in progress, in continuo incremento. Si tratta dunque di un progetto con prospettive molto ampie, tanto che, navigando alla’interno delle varie sezioni, si possono individuare ben dieci diverse tipologie di luoghi internamento messe a punto dal regime.

Ex campo di concentramento di Bakar (Buccari)

Il sito propone un elenco dei campi di prigionia e li suddivide poi in vari sotto-gruppi specifici. Collegati a questi, fondamentale come punto di riferimento per ogni ricerca ulteriore, sono i molti Documenti pubblicati, corredati da sintetiche ma precise didascalie (non manca una sezione bibliografica). Ci si può orientare o eventualmente focalizzare il proprio interesse specifico anche utilizzando la sezione Mappe. Altrettanto importante sono le sezioni degli Audiodocumentari nella quale  gli autori vi hanno pubblicato un

documentario che ricostruisce la storia dell’occupazione italiana dell’Etiopia diviso in tre parti: nella prima si tratta della guerra e dei crimini commessi, nella seconda dell’internamento degli etiopi in Africa Orientale e nella terza della deportazione degli intellettuali etiopi in Italia e degli avvenimenti del dopoguerra.

e quella delle testimonianze, sia di chi in quei campi è stato internato, sia di esperti e studiosi.

I campi fascisti è dunque un sito promettente che diventerà certamente un punto di riferimento per studenti e docenti. Del resto, proprio per la sua completezza, l’importanza del progetto è stata riconosciuta anche dall’Unione Europea, che ne ha finanziato parte della realizzazione. I campi fascisti

Il campo di concentramento di Casoli

Un altro progetto molto importante è il sito sul Campo di concentramento di Casoli, in provincia di Chieti, in Abruzzo, attivo dal 1940 al 1944.

Il sito consiste in un archivio digitale che consente l’accesso e la consultazione a fini della ricerca storica di oltre 4000 documenti contenuti nei 215 fascicoli personali degli internati civili conservati sull’ex campo di concentramento. Si tratta, allo stato attuale della documentazione on line, del primi archivio digitale che riproduce in foto facsimile totale i fascicoli personali di un campo di concentramento per internati civili stranieri, ebrei ed ex jugoslavi.

A maggior precisione delle finalità del sito, riprendo dalla presentazione del progetto:

L’obiettivo del progetto è raccogliere documenti, testimonianze, fotografie e altro materiale in modo da offrire una documentazione il più completa possibile con lo scopo, da una parte, di studiare scientificamente il Campo di concentramento di Casoli e, dall’altra parte,  di poter mettere a disposizione il suddetto materiale sia agli studiosi che ai diretti discendenti degli internati. È un paziente lavoro di ricerca fotografica, documentaria ed archivistica. Il sito […] valorizza questo patrimonio documentale con la pubblicazione digitalizzata di fonti, ricerche e saggi sulla storia dell’internamento civile nell’Italia fascista assicurando la comunicazione e la divulgazione critica dei risultati della ricerca. Il lavoro è in continuo aggiornamento e per tale ragione i risultati pubblicati sono ancora parziali.

Nello specifico:

Si rende necessario fare un’osservazione intorno all’espressione “campo di concentramento”, perché ci si trova spesso di fronte ad una confusione di tipo semantico (ossia del significato della parola), in quanto tale espressione immediatamente evoca i campi di sterminio nazisti, che ovviamente sono ben altra cosa rispetto ai campi fascisti, e una comparazione tra i due sistemi dal punto di vista della radicalità, della violenza, del terrore, e della mortalità, rischia una scontata banalizzazione del caso italiano. Per questo bisogna comprendere il significato che questa espressione ottiene all’interno del sistema concentrazionario italiano fascista (monarchico), così come esso viene concepito e messo in piedi dal Ministero dell’Interno. Nei documenti ufficiali vengono distinti 2 tipologie di internamento:

1) In campi di concentramento propriamente detti

2) In località di internamento libero

I campi di concentramento, nell’universo fascista, indicano un luogo circoscritto in un perimetro all’interno del quale in strutture preesistenti o ex novo, vengono segregati categorie diverse di internati. Si tratta quasi sempre di campi mono-genere, ossia maschili o femminili e raramente misti.

Le località di internamento libero, sono invece, i comuni di residenza coatta per gli internati, i quali possono ricongiungersi con il nucleo famigliare. È evidente che la condizione di “internato” in un campo di concentramento fascista è più sfavorevole e dura rispetto all’altra: promiscuità, libertà di movimento ridotta, regolamento rigido, separazione dal nucleo famigliare, sorveglianza, punizioni, divieti di lavoro, comunicazione ristretta, ecc.

Il campo fascista di Casoli ha avuto due periodi distinti di internamento per via delle due categorie diverse di internati. Abbiamo un primo periodo “ebreo” del campo, che va dal 9 luglio 1940, data di ingresso del primo nucleo di 51 ebrei stranieri provenienti dal carcere di Trieste, fino al 5/6 maggio 1942, data di ingresso del nucleo di internati politici, antifascisti, ex jugoslavi trasferiti dal campo di concentramento di Corropoli in provincia di Teramo. (Si tratta di un sistema parallelo di campi destinato ai civili deportati dalla sponda orientale dell’Adriatico, a causa dell’occupazione di estesi territori jugoslavi). Tutti gli ebrei del campo di Casoli furono trasferiti nel campo di Campagna in provincia di Salerno. Questa seconda fase dura fino al 2 febbraio 1944, data riportata su un documento in cui si attesta ancora la presenza di 18 internati slavi, a testimonianza del fatto che il campo continuò a funzionare, nonostante l’armistizio dell’8 settembre 1943. Tra gli anni 1940 e 1944 sono passati per il campo di Casoli 218 internati in totale: 108 ebrei stranieri, per lo più austriaci, tedeschi, polacchi e ungheresi, e 110 “ex jugoslavi” per la maggior parte croati e sloveni.

campi-concentramento-abruzzo-Casoli

Ma vi è di più:

Altro scopo della ricerca, di importanza centrale per la cultura della memoria, è sia dare un volto ai nomi degli internati, sia dare un nome ai loro volti, soprattutto agli ebrei stranieri internati in questo Campo dal 10 luglio 1940 –  dove giunsero dal carcere di Trieste, perché disponiamo di una loro foto di gruppo scattata proprio a Casoli. Dopo l’8 settembre 1943, 9 di questi internati ebrei stranieri che inizialmente erano “passati” per il Campo di Casoli, furono arrestati e deportati nel campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau dove trovarono la morte certa. Un altro, invece, è stato assassinato nel campo di Risiera San Sabba, un altro venne deportato nel campo di concentramento di Bergen-Belsen e sopravvisse alla liberazione avvenuta il 4 marzo 1945. Quella foto, per molti di loro, rappresenta, forse, l’ultima immagine-testimonianza che possediamo. Inoltre, allo stato attuale delle ricerche, sembra che il Campo di Casoli sia stata l’ultima località di internamento nota per 14 internati ebrei stranieri.

Il sito inoltre ospita altre sezioni di approfondimento. Siamo di fronte ad un progetto che supera le finalità della ricerca storica, ma si fa anche strumento per il recupero di memorie personali e famigliari. In altre parole, storia e impegno civile si fondono in un progetto di recupero di grande significato.

Il sito mi venne segnalato più di un anno fa dal Presidente. Lo pubblicai su un blog che non è più attivo e sono felice di riproporlo ora. Campo di concentramento di Casoli

L’ideatore e curatore del Progetto e del sito sul Campo di Casoli, Giuseppe Lorentini, ha avuto la gentilezza di inoltrarmi questo video che pubblico con piacere.

Si tratta di una bella introduzione, sintetica ma molto chiara e ben fatta alla storia del Campo. Può dunque essere considerato una ottima e, dal punto di vista della divulgazione storica, accattivante introduzione al sito web: Un video sul Campo di concentramento fascista di Casoli

Donne. Riviste storiche, di storiografia, portali

Stiamo vivendo in un periodo storico nel quale le donne vengono messe sotto a forme di pressione ingiustificate e ingiustificabili. Su di esse ricadono, in gran parte, le lacune di uno stato sociale difettoso e incompleto, minori prospettive e riconoscimenti sul lavoro, ripercussioni di una concezione della famiglia che tende a relegarle tra le mura domestiche e il rimontare di un maschilismo – forse mai morto, ma negli ultimi decenni in qualche modo in ritirata – autoritario e violento.

Considerare il percorso storico delle donne è pertanto un buon modo per capire cosa sta accadendo e, se non come – che non è compito dello storico -, ma dove intervenire per modificare in meglio la situazione.

Si può cominciare con la Biblioteca Italiana delle Donne, del Centro delle Donne di Bologna: Biblioteca Digitale delle Donne. Suddivisa in sezioni vi si trovano “opere a stampa di diverse epoche relative alla memoria storica, culturale, politica e sociale delle donne italiane e dei loro movimenti di emancipazione e liberazione dall’Ottocento ad oggi”, con manifesti, riviste storiche e libri.

Riviste storiche di moda

Le riviste di moda sono un ottimo strumento per capire cosa la società chiede alle donne di pensare, vestirsi e comportarsi. Oltre a quelle disponibili nella Biblioteca Italiana delle Donne altre sono ora disponibili grazie agli sforzi della Biblioteca universitaria Alessandrina che presenta alcune annate pubblicate tra la fine dell’Ottocento e gli anni Trenta del XX secolo di periodici di moda non facilmente reperibili nelle biblioteche italiane: http://www.internetculturale.it/it/41/collezioni-digitali/26250/ e della emeroteca della Biblioteca Nazionale Centrale di Roma, nella quale si possono consultare: Bellezza. Mensile d’alta moda e della vita italiana, La donna elegante ed erudita. Giornale dedicata al bel sesso, La donna. Rivista quindicinale illustrata.

Le riviste storiche di moda costituiscono solo una parte del materiale che possiamo utilizzare. Il Centro delle Donne di Bologna dispone di un archivio molto ricco e articolato: Archivio di Storia delle Donne

mentre on line sono apparsi progetti molto interessanti.

Portali

Uno molto importante e molto bello è Senza Rossetto, un portale sulle donne alla vigilia delle elezioni del 1946. Senza rossetto

Per decenni andare a votare è stato una specie di rito al quale ci si preparava con cura. Gli uomini tiravano fuori il vestito buono, quello della domenica. Nel dopoguerra esprimere il diritto-dovere di votare era qualcosa di molto sentito: vent’anni di dittatura non erano passati invano.L’andare a votare aveva qualcosa di sacrale, era qualcosa che oggi, a vedere le immagini dell’epoca, fa venire in mente una sorta di rito.

Uomini e donne si mettevano il vestito buono, ma le  donne il rossetto no, non potevano metterlo: la scheda doveva essere umettata e incollata e il rossetto l’avrebbe sporcata. Per questo il progetto che presento si chiama Senza rossetto. https://www.senzarossetto.net/

“Senza rossetto” è un lavoro di raccolta di testimonianze di donne che andarono a votare per la prima volta […] per le elezioni amministrative del marzo-aprile 1946 e successivamente, il 2 giugno 1946,  per l’elezione di un’Assemblea costituente e la scelta della forma istituzionale dello Stato, se Repubblica o Monarchia.  Il progetto vuole raccontare l’importanza simbolica e politica che il voto, vissuto come concessione o conquista o naturale conseguenza dei tempi, come diritto o dovere, ebbe sulla percezione di sé.

L’ambizione che abbiamo è quella di continuare questo lavoro di documentazione per arrivare fino al 18 aprile del 2018, quando cadrà il settantesimo anniversario dell’elezione del primo Parlamento repubblicano.
Un progetto costruito attraverso le storie personali ed intime di […] donne e vite diverse, distanti per classi sociali e geografie, per ideali e visioni del mondo, ma in relazione reciproca e dinamica le une con le altre, che diventano fonti della memoria popolare e del discorso orale sulla storia del ‘900, colto nelle sue frizioni e nelle sue contraddizioni, nella tensione tra il minuto ed il vastissimo. Tra il maschile ed il femminile. Tra presa di parola, azione e silenzio.

riprendo dalla presentazione del portale

Un work in progress dunque, un cantiere aperto sul mondo femminile, con le testimonianze e documenti, da seguire con attenzione e con piacere.

Un altro progetto estremamente ambizioso e articolato è l’Enciclopedia delle Donne che offre l’opportunità di approfondire una vasta gamma di temi e argomenti e che ospita anche un ottimo blog. Enciclopedia delle donne

In questa prima rassegna non può mancare una rivista di storiografia. Ben venga allora la disponibilità on line della rivista Storia delle donne, il cui scopo – come viene chiarito nella presentazione della rivista – è di guardare

al nesso tra storia e politica delle donne, ma accorda priorità a quello fra storia e politiche per le donne e con le donne; questa è una delle ragioni per cui la scelta del tema dei fascicoli è dettata dai processi in atto e dalle urgenze che la contemporaneità propone.
Il tema viene sviluppato nella sezione «Presente» da contributi che lo illustrano con incroci di approccio e metodo volutamente pluridisciplinari, senza che questo identifichi SdD con l’interdisciplinarietà degli Women’s Studies. Nella sezione «Passato» i saggi restituiscono lo spessore storico e diacronico nella longue durée che si snoda dalle civiltà antiche fino al Novecento.

 

Una rivista utile, sia per il modo di proporsi – numeri monotematici che scandagliano l’argomento prescelto da più punti di vista e periodizzazioni – sia perchè, come viene detto esplicitamente nella presentazione, Storia delle donne

riserva particolare attenzione alle ricerche di giovani studiose e studiosi. In tutte e due le sezioni potranno essere pubblicate parti di tesi di laurea o di tesi di dottorato ed anche studi da queste indipendenti. Tutti i testi pubblicati in SdD sono valutati, secondo le modalità del doppio cieco (double blind peer review), da due referees individuati nell’ambito di un’ampia cerchia di specialiste e specialisti.

Sono disponibili le annate dal 2005 al 2017, tutte di grande interesse tematico: Storia delle donne

Per il momento mi fermo qui. Buona navigazione.

Recensione: Robert Gerwarth La rabbia dei vinti

Ultimamente Laterza sta inanellando una serie di pubblicazioni di alto livello. Ha ripubblicato Dopoguerra di Tony Judt, introvabile da anni; ha pubblicato Inferno andata e ritorno di Jan Kershaw; ora questo La rabbia dei vinti. La guerra dopo la guerra. 1917-1923 (2017, pp. 421)  di Robert Gerwarth che, lo dico subito, è un ottimo libro.

A volte si incontrano studiosi che offrono interpretazioni originali. Come sanno bene gli studenti che devono preparare un esame di storia contemporanea, i manuali periodizzano la prima guerra mondiale negli anni 1914-18. Gerwarth ci invita ad allungare lo sguardo almeno fino al 1923. Non siamo di fronte semplicemente una interpretazione originale, ci ritroviamo a leggere argomentazioni convincenti.

Nell’interpretazione di Gerwarth la guerra non è solo la grande incubatrice della violenza che sprigionò e continuò per anni anche dopo la firma dell’armistizio in gran parte dell’Europa, soprattutto centro-orientale, ma è anche il fenomeno che serve ad inquadrare sia il processo che sfociò nella seconda guerra mondiale, sia in guerre molto più recenti come quella jugoslava degli anni Novanta del secolo scorso.

Il libro è diviso in tre parti, ognuna delle quali è suddivisa in cinque capitoli. Un epilogo molto interessante tira le somme e chiude il testo.

I Paesi vinti

La prima parte è centrata soprattutto sulle vicende di due dei paesi che persero la guerra: Germania e Russia. Secondo Gerwarth è improbabile che senza la guerra sarebbe scoppiata in Russia la rivoluzione e i bolscevichi avrebbero preso il potere. La decisione di Lenin di portare la Russia fuori dal conflitto ad ogni costo, anche al prezzo altissimo imposto dai tedeschi a Brest-Litovsk, nella mente di Lenin rispondeva all’esigenza di guadagnarsi il consenso dei soldati stanchi della guerra, di far sopravvivere in tutti i modi il regime che i bolscevichi stavano costruendo e di radicalizzare il clima politico in Europa in previsione della rivoluzione mondiale. “La maggior parte delle previsioni di Lenin si sarebbe rivelata corretta” (p. 28): il rilascio di centinaia di migliaia di prigionieri di guerra, molti dei quali si erano convertiti al bolscevismo, portò nei paesi di origine soggetti radicalizzati che destabilizzarono il quadro politico.

Dal canto suo, col trattato di Brest-Litovsk, la Germania accarezzò per la prima volta il sogno di diventare la potenza dominante in Europa, un fatto che sarebbe rimasto nel cuore e negli obiettivi dei movimenti di destra e che avrebbe dato frutti avvelenati.

Rivoluzione e controrivoluzione

Con la seconda parte si entra nel vivo della narrazione. Gerwarth analizza gli sviluppi e le conseguenze della rivoluzione russa e della sconfitta degli imperi centrali. Mentre la Russia cadeva in una guerra civile che avrebbe fatto più vittime della guerra combattuta fino a quel momento, nell’Europa orientale e centrale e perfino negli stati che si affacciavano sul Mediterraneo l’impatto della rivoluzione russa produsse situazioni rivoluzionarie molto simili a quelle avevano portato al potere i bolscevichi: condizioni ideali per lo scoppio di una rivoluzione si verificarono in Germania, in Austria e in Ungheria; in Italia vi furono sommosse e in Spagna e Portogallo emersero movimenti di destra dopo una serie di convulsioni politiche. Non solo “per la prima volta dal 1789 un movimento rivoluzionario aveva conquistato uno stato”, ma dopo il 1917 la possibilità di una rivoluzione in Europa fu percepita come una possibilità concreta (p. 85). Questo fatto delineò più chiaramente gli schieramenti tra rivoluzionari e contro rivoluzionari: in questo senso, l’inversione a destra di Italia, Spagna e Portogallo può essere intesa come risposta alla rivoluzione russa.

D’altra parte il crollo degli imperi fu un trauma per molti. In Germania la Repubblica di Weimar fu accolta benevolmente dalla maggioranza dei tedeschi, ma non tra i soldati che vi vedevano l’incarnazione di un’umiliazione. Mentre la Germania entrava in un periodo estremamente confuso e convulso, Francia  e Inghilterra potevano dirsi relativamente al riparo da terremoti politici: nonostante l’isteria antibolscevica dei loro governi, la possibilità di una rivoluzione in quei due paesi fu minimo (e in Inghilterra, si può dire, inesistente) (pp. 144-45). Francia e Inghilterra diedero prova di una sostanziale stabilità non tanto perché avevano vinto la guerra, ma per la solidità delle loro istituzioni: anche l’Italia era tra i paesi vincitori, ma si rivelò molto più fragile dei suoi alleati. La destra europea vide nel fascismo l’incarnazione del modo più efficace per sconfiggere le forze rivoluzionarie (p. 155, nota 44).

Imperi che crollano

La terza parte si occupa del crollo degli imperi. Se vi fu un modo per aggrovigliare le situazioni prodotte dal conflitto e per aggravarne i problemi, quello fu Versailles. Dopo la sconfitta di Napoleone il Congresso di Vienna diede prova di lungimiranza evitando di mostrarsi troppo duro nei confronti della Francia sconfitta. Dopo la Grande Guerra diplomatici dei paesi vincitori, non furono altrettanto previdenti. Anzi, non lo furono affatto. In primo luogo perché ciascun paese vincitore si presentò al tavolo della pace con l’intento di perseguire i propri interessi senza tenere in gran conto quelli degli alleati dimostrando così di non aver elaborato alcuna azione comune. L’unico fattore comune fu quello di imporre una “pace cartaginese” alla Germania: l’umiliazione e i pesantissimi risarcimenti richiesti alla Germania, sono noti e non occorre soffermarcisi qui. Piuttosto, Gerwarth allarga lo sguardo e mostra in modo convincente la convergenza di due fattori i cui effetti si sarebbero dimostrati del tutto negativi: il primo fu l’atteggiamento dei vincitori verso gli sconfitti, un atteggiamento vendicativo, che molto spesso non tenne conto delle condizioni reali dei paesi, dettato dalla consapevolezza che i loro popoli chiedevano punizioni esemplari e  risarcimenti concreti. Gerwarth lo dimostra molto bene sia nel caso dell’Ungheria, che in quello della Bulgaria e della Turchia.

Il secondo elemento riguarda gli effetti del tutto negativi dei quattordici punti del presidente americano Wilson. Se si può dire che, in qualche modo, la partita giocata tra Lenin, che giocava la carta della rivoluzione mondiale e Wilson, che giocava quella dell’autodeterminazione, fu vinta dal secondo, nel senso che una rivoluzione europea alla fine non si verificò, il prezzo da pagare fu enorme. Il fatto che nel 1914 gli imperi sembrassero vivi, vegeti e in piena salute e che nessuno poteva prevederne il tracollo nel giro di così pochi anni (pp. 167, 170) va riconosciuto e tenuto nel debito conto, ma il principio dell’autodeterminazione creò molti più problemi di quanti ne risolvesse. Nell’analizzare questo processo Gerwarth scrive pagine molto belle: la creazione di una decina di nuovi stati con la presenza di popoli, religioni, lingue e abitudini diverse, fu una pessima soluzione. Questi Stati non solo cominciarono ben presto a combattersi tra loro per questioni territoriali e di confine, ma anche al loro interno i vari gruppi etnici che li componevano entrarono ben presto in collisione tra loro. Il nazionalismo assieme alle questione territoriali innescarono una violenza generalizzata. Non solo, “l’autodeterminazione veniva concessa solo ai popoli considerati alleati dell’Intesa e non a quelli che erano stati nemici durante la guerra” (p. 211), un sistema molto efficace per gettare benzina sul fuoco e alimentare nei paesi sconfitti il desiderio di riprendersi le proprie popolazioni che i maneggi dei vincitori avevano collocato in altri Stati.

Qualche considerazione

Possiamo cominciare a trarre qualche conclusione. Il primo dato che il lettore rileva è che nonostante Francia e Inghilterra siano stati protagonisti alla pari degli altri Stati e imperi, sono rimaste praticamente immuni sia dalla progressiva iper politicizzazione di altri Paesi – anche vincitori come l’italia – sia dall’escalation di violenza che li coinvolse. Per spiegare questo fenomeno fino ad ora gli studiosi hanno utilizzato l’interpretazione di Mosse secondo la quale i soldati al fronte avevano subito un processo di brutalizzazione nel corso della guerra e che i fascismi siano stati un prodotto di questa brutalizzazione di massa. Gerwarth trova invece la spiegazione nel dopoguerra, nei problemi irrisolti lasciati dal conflitto.

A parere dell’Autore il confine tra vincitori e vinti è molto meno netto ed è  più labile di quanto abitualmente si sostiene: l’Italia vinse la guerra, ma si sentì e si comportò come se l’avesse persa (vedi il cap. 10 su Fiume). Non c’è ombra di dubbio che Germania, Ungheria, Austria, Bulgaria e Ungheria siano state sconfitte, che abbiano conosciuto notevoli tumulti e violenze nel dopoguerra e sul fatto che abbiano lasciato il posto a regimi autoritari di diverso tipo, ma nel complesso  totalitari e violenti. Tuttavia in altri casi il rapporto tra perdere (o vincere) e ciò che è successo dopo è meno diretto. I Turchi persero la guerra, ma mantennero gran parte della loro integrità territoriale e una Repubblica (anche se dominata energicamente da Atatürk); i Greci vinsero apparentemente nel 1918 per poi veder crollare bruscamente nel 1923 i loro sogni di un impero del dopoguerra – e meno di vent’anni più tardi, nel 1939, la Grecia era già diventata una dittatura militare. Né i polacchi né i cechi erano popoli “sconfitti” – entrambi avevano vinto per se stessi e per i territori dell’Europa centrale – eppure le loro esperienze del dopoguerra furono molto diverse: la democrazia ceca sopravvisse fino all’invasione tedesca nel 1939, mentre la Polonia – coinvolta anche in una miriade di conflitti con nazionalisti tedeschi, cechi e ucraini e con l’ Armata Rossa – alla fine degli anni Venti era preda di un “uomo forte” proveniente dai militari. La Romania era sul versante vincente e aveva conquistato nuovi territori, ma ciò nonostante produsse un movimento di massa di estrema destra e antisemita (la Guardia di Ferro), e alla metà degli anni Trenta si trovò nel mezzo di tempeste civili e politiche. Dal canto suo in Spagna, che non era stata nemmeno coinvolta nella guerra come belligerante, nel dopoguerra il conflitto civile aveva assunto proporzioni quasi rivoluzionarie nel 1923, segnalando come reazione l’insediamento di una dittatura militare sotto Primo de Rivera e, 13 anni dopo, una guerra civile devastante.

Su questo sfondo si possono fare altre considerazioni. Innanzi tutto, c’è una continuità nei protagonisti delle violenze dei cinque anni successivi al 1918 e quelli del 1939-45: non di rado incontriamo gli stessi uomini. Questo vale per i Freikorps, come per molti nazionalisti poi divenuti nazisti (in Germania) o filofascisti in paesi dell’Europa centro-orientale (p. 256).

Secondo, il  passaggio del monopolio della violenza dallo Stato a forze autonome (come lo squadrismo fascista) o parzialmente autonome (come le polizie politiche, ad esempio la Ceka) è un fenomeno nato in questo periodo; accanto al mito della “vittoria mutilata” la convinzione cara alla destra (anche italiana) che gli Imperi centrali fossero sul punto di vincere la guerra, ma la persero a causa di “nemici interni” che si erano adoperati per sabotare la vittoria avrà poi nella Germania nazista esiti spaventosi per ebrei, militanti di sinistra e pacifisti (p. 253).

Terzo, uno dei frutti avvelenati del nazionalismo, l’idea che la stabilità di uno stato si debba alla omogeneità razziale, religiosa, linguistica e culturale della popolazione inaugurò, sempre nel quinquennio 1918-1923, la pratica della pulizia etnica, destinata a ripresentarsi anche in tempi recentissimi. Così pure si spiegano l’aggressività tra stati nei decenni fra le due guerre per “riprendersi” popolazioni che si ritenevano proprie.

Quarto, il diritto che governi e stati hanno fatto proprio di spostare intere popolazioni a proprio piacimento in base a presupposti razziali o religiosi è una pratica che ha avuto il proprio battesimo con la pace di Losanna con la quale si pose fine alla guerra greco-turca, un conflitto post-bellico devastante.

Infine, come dato di fondo complessivo, la memoria collettiva di quegli anni si mantenne viva nei decenni successivi e condizionò più di un atteggiamento verso il formarsi dei governi e dei regimi, sia verso la seconda guerra mondiale (p. 265).

Robert Gerwarth ha scritto un libro ottimo non solo per quanto riguarda l’analisi dei fatti e la loro interpretazione. Il libro si legge davvero molto bene e con piacere grazie ad una scrittura mai noiosa e sempre fluida e chiara. In più, ed è un merito notevole, l’ampio apparato delle note e la bibliografia sono costituite da testi aggiornati e autorevoli.

La rabbia dei vinti di Robert Gerwarth è un libro merita un posto negli scaffali degli appassionati di storia.

Matteo Banzola